MEDITAZIONE DEL GIORNO: L’UNICA VIA D’USCITA

ROY HESSION

di ROY HESSION  –  Ora la domanda che dobbiamo farci è questa: «Vogliamo davvero una vita nuova e il risveglio nella nostra casa?». Vogliamo andare avanti come abbiamo fatto finora o desideriamo veramente che nella nostra casa entri una vita nuova, la vita di Gesù? Soltanto se desideriamo realmente un rinnovamento nella nostra vita, potremo fare i passi necessari per ottenerlo. Per prima cosa ognuno di noi deve chiamare il peccato col suo vero nome di peccato (e chiamarlo il suo peccato, non il peccato degli altri) e portarlo alla Croce con la sicurezza che Gesù lo purificherà. Nel piegarci alla Croce, il nostro cuore si riempirà di amore altruista, e sarà pronto a perdonare, ad essere paziente e a sopportare. Il sangue di Gesù ci purifica dalla mancanza d’amore e da ogni sentimento negativo, e lo Spirito Santo ci riempie della natura stessa di Gesù. L’amore in I Cor. 13 è lo stesso di Cristo, che è un dono per tutti noi perché la Sua natura è nostra se Gesù è nostro. Questo processo può aver luogo ogni volta che il peccato incomincia a penetrare dentro di noi, perché il sangue di Gesù è sempre a nostra disposizione per purificarci.

Potremo allora veramente percorrere anche nelle nostre case la via della Croce. Vedremo che ci saranno sempre dei momenti in cui dovremo rinunciare a noi stessi, come Gesù ha rinunciato a Se stesso per noi. Dovremo imparare a considerare il nostro reagire così duramente all’egoismo e all’orgoglio degli altri semplicemente come il nostro stesso egoismo e orgoglio ai quali non vogliamo rinunciare. Dovremo imparare ad accettare l’altrui modo di essere e di fare come la volontà di Dio per noi, e restare mansueti davanti a Lui. Ciò non significa che dobbiamo accettare l’egoismo di una persona come la volontà di Dio per quella persona, ma, al contrario, come volontà di Dio per noi. Per quanto riguarda gli altri, Dio potrebbe anche servirsi di noi, se siamo disposti a umiliarci interiormente, per aiutarli a vedersi quali realmente sono. Se per esempio siamo genitori, certamente dovremo spesso correggere con fermezza i nostri figlioli. In tali occasioni non dobbiamo farci guidare dal nostro egoismo o dalla nostra autorità, ma soltanto da un vero amore per loro e dal desiderio sincero del loro bene. I nostri vantaggi particolari e i nostri diritti devono sempre esser messi da parte.

Soltanto in questo modo l’amore di Gesù penetrerà nei nostri cuori e, per mezzo di noi, raggiungerà gli altri.

Se andiamo al Calvario con un vero spirito di umiltà, dovremo mettere ogni cosa a posto con tutti, qualche volta persino con i nostri figlioli. Spesso anzi è questa la prova della nostra umiliazione interiore, che è il contrario della durezza. Infatti, mentre la durezza dice: «È colpa tua», l’umiliazione interiore dice: «È colpa mia». Se i nostri familiari ci sentissero dire questo e vedessero in noi un simile atteggiamento di umiltà, l’atmosfera delle nostre case comincerebbe a cambiare radicalmente. Inoltre ricordiamoci che alla Croce c’è posto soltanto per uno alla volta. Non cominciamo col dire: «Sì, ho sbagliato, ma anche tu hai sbagliato, perciò anche tu devi venire per riparare i tuoi falli». No. Alla Croce si va da soli, dicendo: «Sono io che ho sbagliato». Dio opererà nel cuore degli altri molto più attraverso la nostra umiliazione interiore, che per mezzo delle nostre opere. Forse dobbiamo aspettare anche molto tempo. Ma non importa: capiremo di più quanto grande è la pazienza di Dio. Infatti, benché non avesse colpa alcuna, salì al Golgota per riscattare l’umanità dal peccato ed ora attende già da millenovecento anni che essa si ravveda. Dio risponderà certamente alle nostre preghiere e condurrà al Calvario anche colui che ha sbagliato come noi. Là saremo uno: il muro che ci separa sarà abbattuto, e potremo camminare nella luce, in vera trasparenza con Gesù e con i nostri simili, amandoci reciprocamente e fervidamente in vera purità di cuore. Il peccato è l’unica cosa che ognuno di noi ha in comune con gli altri; e soltanto se ci gettiamo ai piedi di Gesù, i nostri peccati verranno purificati, e noi ci sentiremo veramente uniti. La vera unione ci fa venire in mente la visione di due o più peccatori che sono andati insieme al Calvario.

 

dal libro “LA VIA DEL CALVARIO” ed. CLC

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA FATALE RISPOSTA DI DIO

di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse …
Leggi Tutto

Cristo nostra Roccia

di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse …
Leggi Tutto

I BRILLANTI DELLA CORONA

di  ROBERTO BRACCO   –  Quando sorgerà la mattina radiosa della gloria; quando Gesù Cristo ritornerà a prendere la Sua chiesa… ci saranno delle sorprese scon­volgenti; alcune saranno liete, altre saranno drammatiche. Dio farà “conoscere” chi è Suo e chi è santo!  Oggi il trionfo della falsità e dell’ipocrisia riesce ad alterare agli occhi nostri le realtà del mondo ecclesiastico ma allora tutto apparirà nella sua reale fisionomia. Oggi …
Leggi Tutto

RAVVEDETEVI

di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne …
Leggi Tutto

Dio vuole salvare il peccatore

di JACK HAYFORD  –  L’onestà verso Dio è una premessa indispen­sabile per una preghiera efficace. Se non ri­spettiamo questa premessa corriamo il rischio di finire nella trappola che Satana, il nostro nemico mortale, è sempre pronto a tenderci. Finiremo quindi per cadere in un circolo vi­zioso che renderà la nostra vita spirituale as­solutamente inefficiente. Se ci troviamo in questa situazione, ci chiederemo inevitabil­mente: »Come posso permettermi di pregare, …
Leggi Tutto

PER LA SUA GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Ma per la grazia di Dio sono quello che sono; e la sua grazia verso di me non è stata vana, anzi ho faticato piú di tutti loro non io però, ma la grazia di Dio che è con me. ( 1 Corinzi 15:10 ) a) Cos’è la grazia? E’ un favore immeritato che ci viene da Dio! Ma è più di questo: E’ la Sua misericordia che …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti