Meditazione del giorno: Le promesse sono molte e sicure

fb_meyer

di  F.B.MEYER   –  “Io ti ammaestrerò e ti insegnerò la via per la quale devi camminare”   Salmo 32:8.     –   Questa è la pro­messa che Iddio fa a tutti coloro le cui trasgressioni sono perdonate, i cui peccati sono stati cancellati, e che hanno acquistato la sensibilità per poter scorgere il più piccolo sintomo della Sua volontà, meglio di quello che possa fare il mulo con il morso. “Riconoscilo in tutte le tue vie ed Egli appianerà i tuoi sentieri”. Proverbi 3:6.  Abbiamo una parola si­cura sulla quale contare, se solo adempiamo alle con­dizioni richieste, senza lasciarci influenzare dal nostro personale modo di vedere.

“Ed il Signore ti guiderà del continuo” Isaia 58:11. E’ impossibile credere che Egli possa guidarci, se non crediamo che Egli possa farlo sempre. Perché i grandi avvenimenti della vita influiscono su di essa in ogni particolare. Un sassolino può alterare il corso di un fiume. Un granel di senape, una volta cresciuto, può determinare la caduta della pioggia
sopra un continente. Ci viene così richiesto di cercare una Guida che ab­bracci tutta la vita nei suoi molteplici aspetti.

“Io sono la luce del mondo; chi mi seguita non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita”  Giovanni 8:12.  Questo passo sembra rivolto a coloro che vagano nel deserto. Il Maestro promette di essere per tutte le anime fedeli che vanno in pellegrinaggio verso la Città di Dio, quello che fu la nuvola per il po­polo d’Israele nella sua marcia verso la Terra Promessa. Questi non sono che esempi. Il complesso delle Sacre Scritture ne è pieno, ed essi scintillano come le stelle che guidano i viaggiatori nelle tenebre. I Profeti pos­sono ben riassumere l’eredità dei servi di Dio dicendo della Città Santa: “ Tutti i tuoi figliuoli saranno disce­poli del Signore e grande sarà la pace dei tuoi figliuoli”.

Eppure, a qualche anima timida e provata potrà sem­brare che, sebbene tutti coloro che la Parola di Dio menziona, siano stati aiutati da Dio, essa sia stata in­vece lasciata sola. Potrà sembrarle di essere stata posta davanti a problemi che la riempiono di perplessità, di essere stata messa faccia a faccia con i misteri della vita; e, ansiosa di sapere cosa fare, potrà sembrarle che nessun angelo le appaia per istruirla. Alcuni danno la colpa alla loro poca intelligenza. La loro mente è ottusa. Non sanno afferrare il senso di quello che Dio vuole, mentre è così chiaro per gli altri. Sono tanto preoccupati dalla paura di sbagliare, che non sanno più comprendere quello che è giusto.  “Chi è cieco se non il mio servo, e sordo come il messo che io  invio? Chi è cieco come colui che è mio amico, cieco come il servo del Signore? “. Cosa avviene con i nostri bambini? Uno è tanto svelto, che ha bisogno solo di una piccola spinta per capire quello che deve fare; un altro è più tardo, non può capire subito ciò che si vuole da lui. Farete conoscere solo a quello più pronto ciò che volete? Non prenderete l’altro sulle gi­nocchia, e cercherete di rendergli chiare le cose che deve capire? Il dispiacere di quel piccolo essere, ansioso di comprendere per poter ubbidire subito, non crea con voi un legame quasi più forte di quello che può creare l’altro? Oh! fanciulli stanchi, perplessi, timidi, credete nel grande amore di Dio, appoggiatevi su di Esso nella certezza che Egli supplirà alla vostra ignoranza, verrà incontro ai vostri bisogni, prenderà “gli agnelli in braccio, se li torrà in seno e condurrà pian piano le pecore che allattano”.

Vi sono varie istruzioni pratiche alle quali dobbiamo attenerci per poter penetrare il pensiero del Signore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

RISVEGLIATI ….

da un sermone predicato dal past. Agostino Masdea  nella chiesa di via Anacapri nel 1998. i) E’ un appello che lo Spirito rivolge oggi alla Chiesa. E’ un appello per questo tempo indirizzato a ogni singolo credente. E’ una necessità impellente per il popolo di Dio, ed è una esigenza improrogabile per la vita della chiesa. E la parola dell’Eterno fu rivolta a Giona, figlio di Amittai, dicendo: “Lèvati …
Leggi Tutto

Dai nostri culti: Salvezza senza ravvedimento

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 23  Marzo 2014  –  (Marco 1:14-20))                                   Questo sermone confuta la dottrina della “grazia estrema” o “ipergrace”, e ribadisce che senza ravvedimento non c’è salvezza. William Booth, fondatore dell’Esercito della salvezza aveva previsto che nel XX secolo ci sarebbe stato: -Una religione senza lo Spirito Santo. -Cristiani …
Leggi Tutto

IL MALE NASCOSTO

di Roberto Bracco   –   Fratello, hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver pronunciato un ispirato sermone, o dopo aver reso una testimonianza guidata, o dopo aver elevato una calda preghiera? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver compiuto una buona opera, o dopo aver fatto una generosa elargizione? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver ottenuto una vittoria spirituale, o dopo …
Leggi Tutto

Cos'è un vero risveglio?

di Reuben A. Torrey (1855 -1928 noto evangelista, insegnante e scrittore). Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola ebraica corrispondente ha …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Un giorno asciugherò ogni tua lacrima e cancellerò ogni tua sofferenza.

E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate» Apocalisse 21:4 La promessa di oggi ci parla di un giorno che viene, quando Dio stesso asciugherà ogni lacrima dai nostri occhi. In quel grande e glorioso giorno, non ci sarà più la morte, non più dolore, non più motivi per …
Leggi Tutto

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  –  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte… per fede Noè fabbricò un’Arca per la salvezza della sua famiglia… per fede Abrahamo, essendo chiamato, ubbidì, per andarsene al luogo che egli aveva da ricevere in eredità» (Ebrei 11-4, 8). Ci è solo una via per appropriarci dei …
Leggi Tutto

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

CROCIFISSI CON CRISTO

di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti