Meditazione del giorno: Quando questo è finito

images

di RICHARD W. DEHANN  –  L’Iddio mio supplirà ad ogni vostro bisogno secon­do le sue ricchezze e con gloria, in Cristo Gesù… (Filippesi 4:19)  –  Avevamo molto gioito per la riunione in Altoona,  Pensylvania, e per il privilegio avuto di poter salutare molti amici della Classe Biblica per Radio, pure presenti quella sera. Dopo la riunione alcuni cari amici c’invitarono a uno spuntino. Ma arrivati in casa loro ci accorgemmo che si trattava invece più che di un ottimo pranzo, di un pranzo di festa. Mentre mangiavamo, una delle ospiti venne nella stanza per vedere se avessimo abbastanza. Prima di riandarsene, si voltò e disse: “Quando questo è finito, in cucina c’è ancora dell’altro”. Poiché provengo dal centro della costa orientale, quest’espressione pennsilvanico-olandese mi divertì molto. “In cucina c’è ancora dell’altro quando questo è finito… Questa frase voleva significare: “Quando ciò che avete sarà tutto consumato, dalla stessa fonte verrà dell’altro… Era bene che lo sapessimo, ma quanto ciò è più meraviglioso nel regno spirituale. Come è consolante l’assicurazione che per quanto grande possa essere il no­stro bisogno e per quanto abbiamo già ricevuto dalla fonte celeste: c’è ancora dell’altro “quando questo è finito…

L’amore di Dio non conosce misura: la grazia di Dio non ha limiti; la potenza di Dio è senza prepotenza. La sua sapienza non ha confini e le sorgenti delle sue sollecitu­dini non si esauriscono. Non ci dobbiamo meravigliare se l’apostolo Paolo riveste il suo augurio per la comunità di Efeso con queste parole: “… affinchè siate resi capaci di abbracciare con tutti i santi qual sia la larghezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità dell’amore di Cristo e di conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza (Ef. 3:18-19). Paolo è consapevole del fatto che Iddio può fare ad esuberanza al di là di ciò che domandiamo o comprendiamo, secondo la forza che opera in noi.

Oh, che possiamo imparare a camminare giorno per giorno con questa fiducia e a non preoccuparci mai per il domani! Mentre ringraziamo Iddio per la sua attuale sollecitudine, dovremmo fare un altro passo avanti nella consapevolezza che  “c’è ancora dell’altro quando questo è finito”.

Rifletti: La nostra preghiera e la riserva di Dio sono come due secchie su un pozzo: mentre una sale in alto, l’altra scende.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Il mantello d'Elia

Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove …
Leggi Tutto

USO E ABUSO DELLA LINGUA. (Quello che esce dalla bocca fa vedere quello che è nel cuore)

di DEREK PRINCE   –    La Bibbia ha molto da dire sull’uso della lingua, sulle labbra, sulla bocca, sulle parole e sul linguaggio. Dio ha creato l’uomo secondo la Sua propria immagine. Ha dato all’uomo la capacità di parlare e farsi comprendere, esprimendosi con parole e con frasi. Quando Dio diede all’uomo questa capacità, gli trasmise anche una parte della Sua autorità e della Sua creatività. E’ …
Leggi Tutto

S.O.S.

di Roberto Bracco  –   Nella storia del popolo d’Israele incontriamo un nome che rimane davanti agli occhi dei credenti come un tremendo monito: Roboamo.    E’ scritto di lui: « Quando il regno fu stabilito e fortificato egli, insieme con tutto Israele, lasciò la legge »  (2° Cronache 12:1). Tutto sembrava favorevole ad un avvenire di prosperità e di pace ed invece venne la rovina. Roboamo, come purtroppo hanno fatto …
Leggi Tutto

IL SERPENTE DI RAME

«E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato, affinché chiunque crede in lui abbia vita eterna. Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo …
Leggi Tutto

Charles Spurgeon: Predicare tra le avversità

di John Piper  –  Charles Haddon Spurgeon morì il 31 gennaio del 1892, all’età di 57 anni. Predicò per 38 anni al “Metropolitan Tabernacle” di Londra. La sua vita è ricchissima d’insegnamenti per i cristiani e specialmente per i pastori. Tutti dobbiamo affrontare le avversità e trovare in mezzo ad esse, il modo di perseverare anche nei momenti più opprimenti della vita. Tutti, allo stesso modo, devono alzarsi, fare …
Leggi Tutto

State andando troppo veloci

di WILLIAM BOOTH (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912) – Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo …
Leggi Tutto

Da  D. L. Moody a Billy Graham. Tutto iniziò in un negozio di scarpe...

UNA STORIA SIGNIFICATIVA.  –  Un sabato qualsiasi a Boston, circa 150 anni fa, un tranquillo insegnante di scuola domenicale di  nome Edward Kimball si prese un giorno libero per andare a trovare ogni ragazzo della sua classe. Voleva essere certo che ciascuno avesse ricevuto Cristo. Uno dei suoi studenti lavorava come apprendista nel negozio di scarpe dello zio. Kimball entrò nel negozio ed andò nel magazzino sul retro, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti