Meditazione del giorno: Quando questo è finito

images

di RICHARD W. DEHANN  –  L’Iddio mio supplirà ad ogni vostro bisogno secon­do le sue ricchezze e con gloria, in Cristo Gesù… (Filippesi 4:19)  –  Avevamo molto gioito per la riunione in Altoona,  Pensylvania, e per il privilegio avuto di poter salutare molti amici della Classe Biblica per Radio, pure presenti quella sera. Dopo la riunione alcuni cari amici c’invitarono a uno spuntino. Ma arrivati in casa loro ci accorgemmo che si trattava invece più che di un ottimo pranzo, di un pranzo di festa. Mentre mangiavamo, una delle ospiti venne nella stanza per vedere se avessimo abbastanza. Prima di riandarsene, si voltò e disse: “Quando questo è finito, in cucina c’è ancora dell’altro”. Poiché provengo dal centro della costa orientale, quest’espressione pennsilvanico-olandese mi divertì molto. “In cucina c’è ancora dell’altro quando questo è finito… Questa frase voleva significare: “Quando ciò che avete sarà tutto consumato, dalla stessa fonte verrà dell’altro… Era bene che lo sapessimo, ma quanto ciò è più meraviglioso nel regno spirituale. Come è consolante l’assicurazione che per quanto grande possa essere il no­stro bisogno e per quanto abbiamo già ricevuto dalla fonte celeste: c’è ancora dell’altro “quando questo è finito…

L’amore di Dio non conosce misura: la grazia di Dio non ha limiti; la potenza di Dio è senza prepotenza. La sua sapienza non ha confini e le sorgenti delle sue sollecitu­dini non si esauriscono. Non ci dobbiamo meravigliare se l’apostolo Paolo riveste il suo augurio per la comunità di Efeso con queste parole: “… affinchè siate resi capaci di abbracciare con tutti i santi qual sia la larghezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità dell’amore di Cristo e di conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza (Ef. 3:18-19). Paolo è consapevole del fatto che Iddio può fare ad esuberanza al di là di ciò che domandiamo o comprendiamo, secondo la forza che opera in noi.

Oh, che possiamo imparare a camminare giorno per giorno con questa fiducia e a non preoccuparci mai per il domani! Mentre ringraziamo Iddio per la sua attuale sollecitudine, dovremmo fare un altro passo avanti nella consapevolezza che  “c’è ancora dell’altro quando questo è finito”.

Rifletti: La nostra preghiera e la riserva di Dio sono come due secchie su un pozzo: mentre una sale in alto, l’altra scende.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

L’evangelizzazione comincia nella propria casa

di Ruth Steelberg Carter  –  Qualcuno ha detto che «la sola religione che vale è quella praticata in casa» e questo è vero anche per l’evangelizzazione. Quando il Signor Gesù dette ai Suoi seguaci l’ordine di esserGli testimoni, Egli disse loro di cominciare da dove si trovavano, cioè da Gerusalemme. (Atti 1 :8). La casa è come un fiume che, sebbene piccolo all’inizio, si gonfia nello scorrere fino …
Leggi Tutto

Le stanze del Re

ROBERTO BRACCO:  “LE STANZE DEL RE” – Cantico dei Cantici 1 – ” Il Cantico dei Cantici che è di Salomone. 2 Mi baci con i baci della sua bocca! Poiché il tuo amore è migliore del vino. 3 Per la fragranza dei tuoi gradevoli olii profumati il tuo nome è un olio profumato versato; per questo ti amano le fanciulle. 4 Attirami a te! Noi ti correremo dietro. Il re mi …
Leggi Tutto

LE DUE CASE

di AGOSTINO MASDEA   –  Perciò, chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, io lo paragono ad un uomo avveduto, che ha edificato la sua casa sopra la roccia.  Cadde la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa però non crollò, perché era fondata sopra la roccia.  Chiunque invece ode queste parole e non le mette in pratica, sarà paragonato ad …
Leggi Tutto

L'AMORE È BENIGNO

di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 13 Gennaio 2013

Agostino Masdea: VITA SOPRANNATURALE (Giovanni 10:10) …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti