Meditazione del giorno: Autocommiserazione alla porta

Joni_eareckson_tadadi JONI EARECKSON TADA  –  La tecnologia moderna, che pure ci ha messo a disposizione molti prodotti utili – dalla plastica, agli insetticidi, ai conservanti – costituisce una minaccia mortale per una mia amica. Linda è stata avvelenata da sostanze chimiche; di conseguen­za ha perso la capacità di sopportare questo nostro mondo sintetico. Andai a trovarla la settimana scorsa, in una zona remota sulle colline di Santa Barbara. Per le due settimane precedenti dovetti sottopormi a una “disintossicazione” dei miei abiti, del mio corpo e dei capelli. Fui costretta ad eliminare profumi, deodoranti e saponi. Non potei neppure mangiare cipolla, aglio o cibi piccanti. Mentre mangiavamo insieme a casa sua, Linda mi raccontò un fatto avvenuto la settimana precedente. Era stata costretta a subire un lungo isolamento nella sua stanza, semplicemente perché i vicini avevano fatto un barbecue in giardino. Soltanto una minima parte del liquido usato per accendere il fuoco, se diffuso dal vento, poteva farle perdere conoscenza.

A causa di questo problema Linda è quasi sempre sola. È isolata dai familiari e dagli amici. Tuttavia, la sua solitudine è spesso disturbata da un ospite, che insistentemente bussa alla sua porta. Quest’ospite indesiderato continua a bussare, e a supplicare di essere ricevuto.

Si chiama Autocommiserazione.  È facile capire perché Linda sia tentata ogni volta di far entrare questo instancabile visitatore. Le verrebbe facile compiangersi quando deve telefonare con un apparecchio metallico antiquato, i cui pezzi non possono essere sostituiti, quando si rompono. Le conversazioni “urlate” al telefono la lasciano sempre frustrata ed esausta. Tutto questo non è crudele per lei? Non pensi che sarebbe ragionevole che lei trascorresse qualche ora con Autocommiserazione? Alcuni risponderebbero di sì, ed è comprensibile.

Ma cosa ne dice Linda? “Joni, certamente la sofferenza e la malattia non occupano i primi posti nella mia classifica dei desideri per una vita felice. Ma soltanto Dio può stabilire cosa sia meglio per me. Solamente Lui vede la fine già dal principio. Egli è l’unico a sapere cosa è utile a rendermi conforme all’immagine del Suo Figliuolo. Per questo il Signore non risparmia il dolore per adempiere la Sua volontà nella mia vita. Non mi serve la pietà, anzi, ciò di cui ho meno bisogno è proprio l’autocommiserazione”.

Tutti noi conosciamo giorni nei quali Autocommiserazione, come un accanito venditore, continua a suonare il campanello e a bussare alla porta; giorni nei quali ci sentiamo come se fossimo gli unici sulla terra ad avere problemi. Conosci bene quelle gior­nate: un piatto cade rumorosamente a terra, il telefono squilla, la lavatrice va in tilt, la chiave dell’auto rimane chiusa all’interno, la banca ti informa di un altro assegno scoperto. “Ah, povera me!”. Pensi. Prima di offrire ospitalità al vecchio Autocommiserazione, ricordati di Linda, sulle colline di Santa Barbara. Linda sopporta tanta solitudine, ma è circondata dalle preghiere di cari amici cristiani, e… rifiuta di far entrare quella “persona” che insiste a bussare alla sua porta.

Se lei riesce a tenere chiusa e sprangata quella porta, puoi far­lo anche tu!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA ESSERE UN SERVO

di Brian L. Harbour  –  Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

10 Errori che le persone fanno con Israele.

di Mike Campagna 1. Cadere nella bugia che l’Olocausto non è mai avvenuto. 2. Pensare che Dio ha finito con Israele / lo ha abbandonato. (Romani 11:1-5) 3. Pensare che il suo popolo sarà salvato senza la fede in Gesù Cristo. (Efesini 2:8-9) 4. Non capire che Israele è l’orologio che segna la fine del mondo. (Matteo 24:32-33) 5. Ignorare che uno (l’Anticristo) …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

IL SERMONE

di ROBERTO BRACCO   –   Come si prepara un sermone? Preparando la propria vita!  Se noi crediamo che il ministro rappresenta soltanto il canale attraverso il quale deve fluire la gloria di Dio, ci dobbiamo preoccupare che questo canale sia completamente libero per far passare lo Spirito di Dio. La lettura, la meditazione, la preghiera unite alla santità della vita sono gli elementi più preziosi per preparare un sermone …
Leggi Tutto

IL MISTERO E IL MINISTERO DELLA PREGHIERA

di Roberto Bracco   –   Quante volte il Signore Gesù ha esortato i suoi discepoli alla preghiera? Perché la preghiera ha occupato un posto così importante nella vita e negli ammaestramenti del figliuolo di Dio? Vi siete mai posto queste domande? Ogni cristiano dovrebbe porsele e rispondere ad esse e, così facendo, si accorgerebbe di non essere perfettamente fedele al volere divino, nella pratica della preghiera …
Leggi Tutto

DIARIO DI UN VIAGGIO IN ANGOLA

di Agostino Masdea.  Una delegazione dell’A.M.E.N, Agenzia Missionaria Evangelo per le Nazioni, si è recata in Angola per inaugurare, nel centro Beniamino di Funda, nella provincia di Cacuaco, un panificio (“padaria” in portoghese), che consentirà la produzione di pane per I bambini e i ragazzi della scuola del centro. La delegazione era composta da alcuni pastori, membri del consiglio nazionale dell’AMEN, tra cui il presidente Remo Cristallo, il …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti