Meditazione del giorno: Un luogo in cui stare

di Ray Stedman  –  Essi vagavano nel deserto per vie desolate; non trovavano città dove poter abitare. Soffrivano la fame e la sete, l’anima veniva meno in loro. (Salmo 107:4-5). Leggere tutto il Salmo.  –    Chi sono questo vagabondi? Sono quelli che probabilmente chiameremmo irrequieti. Essi sono coloro che vagano da un luogo all’altro, da un lavoro all’altro o da un matrimonio all’altro, sempre alla ricerca di una risposta alle loro domande. Ce n’è davvero tanta di gente così, sempre alla ricerca di qualcosa che però non trova. Gente che continua a vagare da un posto all’altro, da un’esperienza all’altra tentando di trovare qualcosa che li soddisfi.

Il salmista prosegue dicendo che essi sono alla ricerca di una città in cui sistemarsi. Coloro che vivono in città sono bloccati nello smog, in coda sulla tangenziale, schiacciati dal peso delle tasse e dal crimine. Questa gente si chiede il perché in tanti vogliano vivere in una città; non sarebbe meglio vivere in campagna? Ma la Bibbia dice che Dio ha pianificato che l’uomo debba finire per vivere nelle città. In Ebrei 11:10 è scritto che Abraamo stava cercando una città che avesse delle vere fondamenta e il cui architetto fosse Dio. Perché? Una città è sempre caratterizzata da due qualità: vitalità e sicurezza. La vitalità si crea quando la gente si raduna insieme: la gente compie azioni di vario genere e dal momento in cui occupa uno spazio comune accadono le cose più svariate. Le città però sono anche luoghi di sicurezza. Se stai avendo qualche problema è meglio avere intorno altra gente perché è più facile difendersi in città quando si è in pericolo. La gente descritta in questo verso del Salmo 107 è alla ricerca di ciò che si può trovare in una città: vitalità e sicurezza.

Ci viene anche detto come essi trovano soddisfazione: “Ma nella loro angoscia gridarono al Signore ed egli li liberò dalle loro tribolazioni. Li condusse per la retta via, perché giungessero a una città da abitare” (Salmo 107:6-7). Alcuni di voi hanno avuto questa esperienza. Anche voi eravate erranti, incerti, irrequieti, affamati ed assetati, ma nulla soddisfaceva i vostri bisogni. Dopo averle tentate tutte, finalmente quando avevate ormai toccato il fondo gridaste al Signore nella vostra afflizione. Dopo averlo fatto Lui vi sentì e anche se non subito o istantaneamente ma gradualmente, Egli cominciò a liberarvi; cominciò a guidarvi per la retta via. Dio libera da questa condizione tutti coloro che gridano a Lui, conducendoli sulla retta via. Dopo aver vagabondato tortuosamente ora cominciano a camminare ritti. È questa la via descritta nelle Scritture: è la retta via che conduce alla vita. Dio li conduce fino a fargli trovare una città in cui dimorare e dove trovare vitalità e sicurezza.

Signore, grazie per aver ascoltato il mio grido e per avermi aiutato. Grazie per il tuo amore che mi soccorre nell’irrequietezza e mi guida per la retta via.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Ciò che viene dalla mano di Dio. –
    In Devotional
    di J. Hudson Taylor – “… il Signore ha dato e il Signore ha tolto; Benedetto sia il nome del Signore ” (Giobbe 1:21). – Il grande accusatore non trovando nessuna colpa nel carattere e nella vita di Giobbe, insinuò che tutto era frutto dell’egoismo. “E? forse per nulla che Giobbe teme Dio?” Infatti, era così, e satana lo sapeva bene! E questo vale per tutti. Non c’è nessun servizio che ripaga così bene come il servizio del nostro divino Maestro: non c’è né nessuno così regalmente ricompensato. Satana stava facendo un’affermazione vera, ma l’insinuazione – che era [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • L’AMORE DI DIO È LIMITATO AGLI ELETTI?
    Rispondere alla sfida calvinista sul Vangelo.   Tra i difensori evangelici contemporanei della redenzione limitata spiccano, più di tutti, R.C. Sproul e John Piper. Sproul, nato nel 1939, è stato un influente apologeta evangelico e teologo riformato per la maggior parte della seconda metà del ventesimo secolo. Dalla sua sede di Ligonier Ministries è intervenuto a trasmissioni radiofoniche, ha viaggiato per parlare a numerose conferenze apologetiche e teologiche, e scritto molti libri, di cui la maggior parte trattanti la sovranità di Dio da una prospettiva fortemente riformata. […]
  • Terry Peretti – Gli ultimi tempi
    Domenica 11 Novembre 2012 […]
  • COS’E’ UN VERO RISVEGLIO?
    di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola ebraica corrispondente ha il medesimo significato. Essa viene tradotta nel Salmo 85:7 con i termini “ravvivare” o “dar vita”: “Non tornerai tu a ravvivarci, onde il tuo popolo si rallegri in te?”. In un’altra traduzione troviamo: “Torna a darci la vita e sarai la gioia del tuo popolo.” La vita può’ venire soltanto da Dio perciò’ ogni risveglio è un periodo in cui Dio si rende manifesto al suo popolo […]
  • …MA DAVIDE SI FORTIFICO’ NELL’ETERNO.
    1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è la ragione per cui fallì l’uomo della parabola dei talenti, il quale non aveva che un solo talento miserabile. Egli non ebbe coraggio, si lasciò prendere dalla paura. Si è lasciato fermare troppo presto dalla difficoltà lasciandosi invadere dallo scoraggiamento. Lo scoraggiamento è un arma efficace del Diavolo.Amico, se vuoi vincere una battaglia spirituale, se vuoi vivere […]
  • Luoghi trascurati
    Tratto dal libro “Che ne sarà dei suoi sogni…” “Guardati dal trascurare quel tal luogo… ” (2 Re, 6:9) Il popolo di Dio è sempre in lotta; ogni credente incontra conflitti e battaglie ed ogni chiesa è impegnata in continui combattimenti. I figli di Dio non dovrebbero mai dimenticare questa impegnativa realtà perché non dovrebbero mai dimenticare che come combattenti di Cristo sono chiamati a possedere e curare l’armatura spirituale e sono anche chiamati a rimanere sul campo senza chiedere e senza prendersi licenze. […]
  • LA FEDE
    di  William Macdonald  –  «Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono». – Non si può essere veri discepoli senza una fede nell’Iddio vivente che sia profonda e assoluta. Chi desidera compiere grandi imprese per il Signore deve prima avere implicita fiducia in Lui. «Tutti i giganti di Dio sono stati degli uomini deboli che hanno fatte grandi cose per Dio perchè contavano sul fatto che Dio era con loro». (Hudson Taylor). Ora la vera fede si basa sempre su qualche promessa di Dio, su qualche brano della Sua Parola. Questo è molto importante. Il credente dapprima legge o ascolta qualche promessa del Signore, quindi lo Spirito Santo prende quella promessa e la applica al suo cuore e alla sua coscienza in maniera personale. Il cristiano […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti