Meditazione del giorno: Il Povero giovane ricco

boschdi Henry G. Bosch  –  “Ma egli se andò dolente…”  Marco 10:22   –   Alcuni anni fa un pastore andò a far visita ad un uomo ricco che era in fin di vita. Dopo avergli parlato delle cose dell’anima, gli domandò se poteva prendergli la mano per la preghiera. L’uomo disse di no e chiuse pugno sotto la coperta. Poco dopo spirò senza dare la certezza che la sua anima fosse salvata. Quando più tardi furono rimosse le coperte, gli si trovò nella mano rattrappita la chiavetta della sua cassetta di sicurezza. Ancora una volta era vero: l’amore al denaro rende l’uomo cieco.

Abbiamo un classico e ugualmente tragico esempio della perfida potenza delle ricchezze nella storia che ci è raccontata in Marco 10. Questo giovane che si presentò a Gesù aveva davanti a sè un futuro pieno di promesse. Era moralmente integro, sembrava molto religioso e possedeva buone qualità. Tuttavia, nonostante la sua sincerità, andò eternamente perduto. Qualcuno ha trovato che egli si è perduto per i motivi seguenti:

  • Per la sua seria morale,
  • Per la sua purezza etica,
  • Per essersi accostato esternamente a Gesù e
  • Per aver riconosciuto l’amore del Salvatore per lui. Egli andò via dalla presenza di Gesù senza la salvezza. L’ostacolo per il giovane fu che egli amava se stesso e il suo denaro più di Dio.
  • Gesù vi mise il dito quando gli consigliò di dare le ricchezze ai poveri, di resistere alle inclinazioni e ai desideri carnali e di percorrere con Lui la via della croce. Di fronte a questa decisione il giovane non ha riconosciuto che il prezzo della sua preziosa anima immortale era più grande delle sue terrene ricchezze. Se ne andò via triste e irredento, però soddisfatto di poter conservare il suo denaro.

    <Dal momento che lo spirituale è più importante che il materiale, non dovremmo porre il significato su ciò che vale per l’anima? Perciò il protagonista di questa storia non lo dovremmo chiamare giovane ricco, ma dovremmo dire: il povero giovane ricco!
    Rifletti: Essere ricco di Dio è meglio che essere ricco di beni.

    I commenti sono chiusi.

    Post meno recenti

    Una promessa per oggi: DIO NON ABBANDONA COLORO CHE LO CERCANO

    Salmo 9:10 – Quelli che conoscono il tuo nome confideranno in te, perché, o SIGNORE, tu non abbandoni quelli che ti cercano.  –   …
    Leggi Tutto

    EMOZIONI ARTIFICIALI

    Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
    Leggi Tutto

    DIOTREFE

    Chi era Diotrefe? Etimologicamente il suo nome significa «nutrito dall’Eterno » e se tale nome era stato scelto dopo la conversione, come è da supporsi, dobbiamo dedurne che in origine questo fedele doveva manifestare le caratteristiche della consacrazione. Nelle scritture facciamo la conoscenza di questo poco noto cristiano leggendo la terza breve epistola di S. Giovanni, in cui si parla di lui in termini poco lusinghieri; viene presentato …
    Leggi Tutto

    UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

    di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
    Leggi Tutto

    mp3

    Siamo Figli di Dio  (Matteo 27:43)   …
    Leggi Tutto

    Come incontrare Gesù

                  Sermone di Roberto Bracco – Marco 2:1-12 “Come incontrare Gesù”.  1 Alcuni giorni dopo, egli entrò di nuovo in Capernaum e si venne a sapere che egli si trovava in casa; 2 e subito si radunò tanta gente da non trovare più posto neppure davanti alla porta; ed egli annunziava loro la parola. 3 Allora vennero da lui alcuni a presentargli un paralitico, portato da …
    Leggi Tutto

    TIMORE E TREMORE

    di David Wilkerson  –  I profeti ci avvertono che quando vediamo Dio scuotere le nazioni, e quando avvengono dei periodi pericolosi, il nostro uomo naturale ha molta paura. Ezechiele si chiedeva: “Potrà reggere il tuo cuore o potranno rimanere forti le tue mani nei giorni in cui agirò contro di te?” (Ezechiele 22:14).  Quando Dio avvertì Noè dei giudizi imminenti e gli disse di costruire un’arca, Noè fu …
    Leggi Tutto

    IL MIO AMICO E PADRE PERFETTO

    di Nicky Cruz  –  Ancora oggi sono un piccolo bimbo sofferente dentro di me, e Dio è ancora mio Padre. Ovunque vada, mi assicuro che cammini affianco a me, che mi tenga la mano e mi conduca. Quando inciampo e cado, Egli si protende verso me e mi rialza. Scuote la polvere dalle mie vesti, bacia le ferite e poi prosegue con me lungo il cammino. Quando faccio …
    Leggi Tutto

    Dai nostri Culti