Meditazione del giorno: Il Povero giovane ricco

boschdi Henry G. Bosch  –  “Ma egli se andò dolente…”  Marco 10:22   –   Alcuni anni fa un pastore andò a far visita ad un uomo ricco che era in fin di vita. Dopo avergli parlato delle cose dell’anima, gli domandò se poteva prendergli la mano per la preghiera. L’uomo disse di no e chiuse pugno sotto la coperta. Poco dopo spirò senza dare la certezza che la sua anima fosse salvata. Quando più tardi furono rimosse le coperte, gli si trovò nella mano rattrappita la chiavetta della sua cassetta di sicurezza. Ancora una volta era vero: l’amore al denaro rende l’uomo cieco.

Abbiamo un classico e ugualmente tragico esempio della perfida potenza delle ricchezze nella storia che ci è raccontata in Marco 10. Questo giovane che si presentò a Gesù aveva davanti a sè un futuro pieno di promesse. Era moralmente integro, sembrava molto religioso e possedeva buone qualità. Tuttavia, nonostante la sua sincerità, andò eternamente perduto. Qualcuno ha trovato che egli si è perduto per i motivi seguenti:

  • Per la sua seria morale,
  • Per la sua purezza etica,
  • Per essersi accostato esternamente a Gesù e
  • Per aver riconosciuto l’amore del Salvatore per lui. Egli andò via dalla presenza di Gesù senza la salvezza. L’ostacolo per il giovane fu che egli amava se stesso e il suo denaro più di Dio.
  • Gesù vi mise il dito quando gli consigliò di dare le ricchezze ai poveri, di resistere alle inclinazioni e ai desideri carnali e di percorrere con Lui la via della croce. Di fronte a questa decisione il giovane non ha riconosciuto che il prezzo della sua preziosa anima immortale era più grande delle sue terrene ricchezze. Se ne andò via triste e irredento, però soddisfatto di poter conservare il suo denaro.

    <Dal momento che lo spirituale è più importante che il materiale, non dovremmo porre il significato su ciò che vale per l’anima? Perciò il protagonista di questa storia non lo dovremmo chiamare giovane ricco, ma dovremmo dire: il povero giovane ricco!
    Rifletti: Essere ricco di Dio è meglio che essere ricco di beni.

    I commenti sono chiusi.

    Post meno recenti

    LA SPOSA SI PREPARA (Ruth 3:1-6)

    di Agostino Masdea  –   Abbiamo visto nella meditazione precedente come Ruth comincia a esperimentare la grazia e la provvidenza Divina, e anche se costretta dalle circostanze ad un umile lavoro, inizia a scoprire che quell’Iddio che ha scelto di adorare e servire al posto dei suoi falsi dei moabiti, è un Dio fedele e misericordioso. Abbiamo anche paragonato la sua figura alla figura della chiesa di Gesù Cristo, …
    Leggi Tutto

    ESPERIENZE: ESSERE RIPIENI DELLO SPIRITO SANTO

    di SMITH WIGGLRSWORTH – Prima di parlare della dottrina parliamo delle esperienze. All’epoca in cui il numero dei discepoli cominciava ad aumentare, gli apostoli presero la decisione di non occuparsi più del servizio delle tavole, per potersi consacrare totalmente alla preghiera e al ministerio della Parola. E’ importante che tutti i ministri di Dio siano continuamente in preghiera e si nutrono costantemente delle verità della Scrittura. Nessuno può …
    Leggi Tutto

    Quando i padri volgono i loro cuori verso i loro figli

      By Mark Ellis  –   Sembra sia stato solo ieri che stavo insegnando ai nostri figli ad andare in bici, giocare a calcio, fare delle escursioni con le guide indiane o boy scouts, e condividere felici momenti familiari con il nostro carrello-tenda da campeggio nei viaggi durante l’estate. Ora da quando i nostro ragazzi non vivono più con noi la casa è molto calma. Padri, voi solo avete …
    Leggi Tutto

    Perseverare nella Parola di Dio

    di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che …
    Leggi Tutto

    La conversione di Phil Thatcher

    A 18 anni ero entrato e uscito tre volte dal riformatorio e a 30 anni avevo passato più tempo in prigione di quanto ne avessi passato fuori. Tutto cominciò quando ero ragazzo. Sono cresciuto in campagna; mio padre era agricoltore e faceva anche il pastore evangelico. Io lo rispettavo e gli credevo. Mi diceva il che il mio vero Padre era in cielo e che mi stava sempre vicino …
    Leggi Tutto

    La Storia più bella

    di A. Masdea  –  Allora Filippo prese la parola e, cominciando da questa Scrittura, gli annunziò Gesú.  (Atti 8:35) i) A tutti piace sentire delle storie: a) Da bambini ascoltavamo i nonni al focolare…b) Poi leggevamo libri…c) C’erano anche  i cantastorie che musicavano delle storie vere.d) Oggi le storie si raccontano con i films, le commedie, il teatro, romanzi… ecc.- Anche Gesù racconta delle …
    Leggi Tutto

    "CERCANO IL LORO PROPRIO" (Filippesi 2:2)

    di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in …
    Leggi Tutto

    GOLGOTA DIMENTICATO

    di J. R. GSCHWEND – Missionario in AFRICA per più di 70 anni.  –  Milioni di uomini e donne di tutte le classi sociali e di tutte le nazioni, piangono e piangeranno ancora amaramente, perché si sono dimenticati del Golgota e del Figliuolo di Dio che offri per la loro salvezza, nei giorni della sua carne, preghiere, supplicazioni con alte grida e con lacrime (Ebrei 5.7). Migliaia di …
    Leggi Tutto

    Dai nostri Culti