Meditazione del giorno: COSA SONO “TUTTE LE COSE”?

joni1

di  Joni Eareckson Tada  –  “Or noi sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di coloro che amano Dio…” (Romani 8:28). Hai visto questo verso ricamato a punto croce e incorniciato su un quadro appeso nel salotto, forse sopra il caminetto. Lo hai visto scritto su piccole calamite attaccate ai frigoriferi. Appare di tanto in tanto sui portachiavi. Io l’ho persino visto ricamato a mano su un orsacchiotto. Sicuramente lo conosciamo a memoria, in un paio di versioni diverse. Non potrebbe essere che diamo per scontato Romani 8:28 proprio perché lo conosciamo così bene? Stavo considerando questo versetto qualche giorno fa, quando, all’improvviso, una domanda che non mi ero mai posta si affacciò alla mia mente. Provai a chiedermi: “A cosa pensava l’apostolo Paolo quando scrisse che tutte le cose cooperano al bene? Cosa intendeva con “tutte”? A quali cose si riferiva?”. Continuando la lettura a partire da quel versetto, ho trovato alle mie domande delle risposte sorprendenti. Verso la fine del capitolo, Paolo precisa le cose di cui stava parlando. Non è una lista molto piacevole. Non è il genere di cose che ricameresti a punto croce sulla pancia di un orsacchiotto. Paolo inizia con la parola “tribolazione”, poi passa al termine “distretta”, quindi traccia le parole “persecuzione”, “fame”, “nudità”, “pericolo” e “spada”. Che lista! E queste erano le cose che egli credeva Dio usasse per il bene della sua vita! Le sopportava, fiducioso che nessuna tribolazione o distretta, per quanto grande, avrebbe mai potuto separarlo dall’amore di Dio.

Non riesco proprio a immaginarmi Paolo che guarda alle parole di Romani 8:28 con un’aria di “sì, le ho sentite per l’ennesima volta”. Non posso pensare che egli fosse indifferente riguardo a una verità così bella. Ho la netta impressione che cose come la nudità, la fame, il pericolo e la spada lo tenessero più vicino a Dio, in punta di piedi. Cosa sono “tutte le cose” nella tua vita di oggi? Quale lista potresti compilare? No, la fame non sarebbe in cima alla tua lista. Penso che neppure la nudità e la spada vi apparirebbero. Forse neppure la persecuzione, ma certo hai anche tu una lista incombente , come era quella per Paolo.

Puoi ringraziare il Signore perché Egli fa cooperare tutte le circostanze e i fatti della tua vita per il tuo bene? È per te una realtà il fatto che la lista dei tuoi problemi di oggi non potrà mai “separarti dall’amore di Dio”? E neppure quella di domani o di dopodomani? Non permettere che Romani 8:28 diventi come un vecchio e consunto paio di pantofole. Non trascinare la tua vita con questo versetto. Non lasciare che la verità dell’opera sovrana di Dio nella vita dei Suoi figliuoli diventi una cosa astratta.

Ogni volta che incontri un nuovo ostacolo o un nuovo problema nella tua vita il versetto di Romani 8:28 può risplendere per te di un fresco significato. È così nuovo come l’alba di domani, così attuale come la tua prossima difficoltà.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL SERMONE

di ROBERTO BRACCO   –   Come si prepara un sermone? Preparando la propria vita!  Se noi crediamo che il ministro rappresenta soltanto il canale attraverso il quale deve fluire la gloria di Dio, ci dobbiamo preoccupare che questo canale sia completamente libero per far passare lo Spirito di Dio. La lettura, la meditazione, la preghiera unite alla santità della vita sono gli elementi più preziosi per preparare un sermone …
Leggi Tutto

SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo …
Leggi Tutto

SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA

9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci” …
Leggi Tutto

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

praise-Him-all-creatures

di Peter Scothem  – Ti senti solo, scoraggiato e impaurito? Allora alza il tuo cuore a lodare il Signore! Sei debole, ammalato e abbattuto? Allora alza la tua voce a lodare il Signore! La lode è il linguaggio della fede. Un cuore che loda è sempre un cuore che crede. La lode è la fede in azione! La lode ravviverà l’anima tua e farà suonare le campane della …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

VUOI ESSERE SALVATO?

di AGOSTINO MASDEA –  In ogni uomo vi è l’inquietante sensazione di una mancanza: egli cerca continuamente qualche cosa di importante, che “dovrebbe possedere”, ma che non riesce mai a raggiungere. Spesso gli accade di osservare qualcuno che sembra aver ottenuto una posizione sociale invidiabile, o individui che hanno scalato “le vette del successo”, ed in questi momenti egli pensa di essere il solo ad avvertire quel “senso …
Leggi Tutto

COME SUPERARE L’AUTOCOMMISERAZIONE

di  TIM LAHAYE  –  La pietà verso se stessi non è solo un peccato, è anche una cattiva abitudine. Più uno si lascia trasportare da essa e più sprofonda in un certo modo di pensare nel quale cercherà rifugio ogni volta che gli accadrà qualcosa di sgradevole. Nella maggior parte le nostre reazioni sono dettate dall’abitudine e sono messe in moto dai nostri istinti e dalle circostanze esterne …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti