Meditazione del giorno: Uno con Cristo!

theodore eppdi  Theodore Epp  –  Romani 6:1-10  –  Dal momento in cui il credente viene giustificato per fede in Cristo scopre che possiede ancora una natura peccaminosa. Il peccato comincia subito a creargli i primi problemi ed egli si ritrova a compiere peccati che nemmeno vorrebbe commettere fino al punto di poter diventare un credente dominato dal peccato. Cosa fa Dio in questa situazione? La soluzione a questo problema è identificarci con Gesù Cristo, nella sua morte e risurrezione. In questa identificazione Dio santifica, o rende santo, il credente giustificato per fede (peccatore salvato per grazia).

Mentre la giustificazione riguarda la colpevolezza del peccato, la santificazione (identificazione) ha a che fare col potere che il peccato ha nella vita del credente. Come fa Dio a santificare, o rendere santo, un credente nella sua esperienza giornaliera? Romani 6 ci fornisce la risposta: essa sta nell’unione, o identificazione con Cristo. Ricordiamo ancora una volta che tutto ciò che abbiamo lo abbiamo solo per mezzo di Cristo Gesù. L’essere uniti a Cristo, o identificati con Lui è ciò che viene spesso specificato nel vecchio testamento con l’espressione “in Cristo”. L’essere in Cristo significa semplicemente che il credente è diventato uno con Cristo, identificato con Lui.

Gesù non è solo Colui che cammina insieme al cristiano lungo il cammino; di fatto Egli dimora nel credente, dunque, quest’ultimo si identifica con Cristo poiché la Sua vita è in lui.

“Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me! La vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me”. (Gal. 2:20).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Sermone: RESA INCONDIZIONATA

“RESA INCONDIZIONATA”  …
Leggi Tutto

SAPER VIVERE, SAPER MORIRE

di ROBERTO BRACCO  –  Filippesi 1: 18-23  –  Qualcuno ha detto che non è difficile morire, ma è difficile vivere; molti altri invece hanno affermato che è facile vivere, ma non è facile saper morire coraggiosamente… crediamo che tutti abbiano torto, perché in realtà è difficile saper vivere e non meno difficile saper morire. Tutti vivono e tutti muoiono, ma questo non vuol dire che sappiano vivere e …
Leggi Tutto

La libertà cristiana

di John MacArthur   – “Fratelli, voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un’occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell’amore servite gli uni agli altri”(Gal. 5:13).  Una delle mie gioie come pastore è quella di insegnare alle persone la Parola di Dio e spiegare le sue implicazioni nelle loro vite.  Tra i dubbi che la gente esprime, non figurano domande su se …
Leggi Tutto

IL PRIMO OPUSCOLO EVANGELICO

–  by Timothy Cross  –  Il primo opuscolo evangelico.  Il dizionario definisce un opuscolo  come “un breve trattato, che tratta in particolare un argomento religioso”. Nel corso degli anni ho dato e ricevuto molti opuscoli cristiani. Lo sapevate che il primo opuscolo cristiano è stata scritto da un non cristiano? Il primo opuscolo cristiano fu scritto da Ponzio Pilato, l’infame governatore della Giudea,  nel momento della crocifissione di …
Leggi Tutto

RISVEGLIO ARTIFICIALE

” hai nome di vivere, eppure sei morto… (Apocalisse 3:1) Quante volte nel corso dei secoli le severe parole pronunziate dallo Spirito per la Chiesa di Sardi, hanno riacquistato il loro sapore di attualità, proprio applicate a quei movimenti che hanno spento il fuoco di Dio …
Leggi Tutto

LA TUA PAROLA MI RISTORA

– Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomini, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. Il poeta Samuel Coleridge notò: “Nella Bibbia vi sono più cose che mi riguardano, di quanto io non abbia mai trovato in altri libri.” “Signor …
Leggi Tutto

Un nuovo passo avanti della medicina.

2 Dicembre 2012 | di  Elisabeth Elliot  –   Qualche tempo fa ho letto di un nuovo trionfo nel campo medico che riguarda gemelli non ancora nati. L’amniocentesi ha dimostrato che uno di loro aveva la sindrome di Down. La madre ha deciso che non voleva quel bambino, quindi con un semplice espediente di perforare il cuore del bambino con un lungo ago, è stato ucciso nel grembo materno. Lei …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti