Meditazione del giorno: L’Erba Più Verde

joni1  di  JONI EARECKSON–  Lot percorse con lo sguardo la terra più fertile di Canaan, la bellissima valle del Giordano. Probabilmente pensò: “Non è un brutto posto per mettere radi­ci”. Pascoli ricchi e ben irrigati. Campi fertili. Terra grassa e buo­na. Erba verde, come una valle piena di smeraldi.   Le tribù di Lot e di suo zio Abramo avevano difficoltà a convive­re nella stessa zona, quindi, l’uomo più anziano disse gentilmente al nipote di accamparsi dove preferiva.  “Abramo disse a Lot: Deh, non ci sia contesa fra me e te,… Tut­to il paese non sta esso davanti a te? Separati da me! Se tu vai a sinistra, io andrò a destra; e se tu vai a destra io andrò a sini­stra” (Genesi 13:8,9).

La Scrittura dichiara che il giovane alzò lo sguardo alla verdeg­giante valle del Giordano, scegliendo per sé questa pianura, e partì andando verso oriente (cfr.v. 11).  Sì, l’erba era verde, e il Giordano luccicava ai raggi del sole. Lot non sapeva, però, che nella valle erano “incorporati” dei problemi: popolazioni bizzarre, con usanze malvagie, città straripanti di cri­mini, di violenze e di perversioni sessuali.

Spine mortali e ortiche pungenti si annidavano nel vasto, verde seno della pianura. L’“affare immobiliare” di Lot, la magnifica ter­ra appena fuori Sodoma e Gomorra, gli costò la famiglia.  A ben guardare, non siamo molto diversi dal nostro amico Lot, vero? Come te, anch’io tendo a scegliere spesso il percorso più faci­le, la strada più piana. “Se è piacevole, e non ci sono ostacoli, deve essere la via che Dio vuole per me”. Così, se non incontro difficoltà e problemi, concludo che sto sperimentando le benedizioni di Dio. Oh, ma quando procedere diventa difficile, quando le spine e i cardi alzano le loro cime appuntite per bloccare il mio cammino… allora mi chiedo cosa Dio abbia in mente. E, sta’ sicuro, comincio a guardare indietro e a soffermarmi sui “sarebbe potuto accadere, poteva essere…”.

Il mio errore consiste nel pensare che l’erba sia più verde sem­plicemente perché il sentiero sembra facile. Il fatto è che da nessu- n’altra parte l’erba è più verde. Queste prime impressioni sul “sen­tiero più facile” non sostengono tutta la verità. Se stiamo seguen­do il percorso che Dio ci ha posto davanti, troveremo anche spine e cardi dovunque andremo. Certo a rendere piacevole il nostro viag­gio ci saranno moltissimi prati verdi in lontananza, e panorami di campi illuminati lungo la via. Ma la Scrittura ci assicura che pos­siamo contare su Dio anche nella nostra porzione di problemi e di dolore. Dio ce lo assicura, affinché siamo certi di avvicinarci sem­pre più a Lui, a ogni passo del cammino.

L’unica erba più verde che conosco si trova in cielo. È un luogo dove non esistono spine, cardi, problemi o angosce. Un luogo di vera pace e di gioia duratura con il Salvatore, i nostri amici, la no­stra famiglia e i santi di tutte le età.  Perciò, se sei tentato di pensare che la vita potrebbe essere più bella da qualche altra parte – forse in circostanze diverse, con un nuovo lavoro, in una nuova città, con un nuovo coniuge – credimi, l’erba che immagini non è poi così verde. Soltanto in cielo la vita sarà meravigliosa come vorresti.

Non lasciare che il diavolo ti suggerisca qualcos’altro. Se la sua erba sembra più verde, lo è soltanto perché è artificiale.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

ABBIAMO TROVATO IL MESSIA   -  UN EBREO INCONTRA GESÙ

P. GHENNASSIA  –  Cari fratelli, nell’Evangelo di Giovanni si legge questo passo: «Abbiamo trovato il Messia» (Giovanni 1:41). Con queste parole Andrea annuncia con gioia a suo fratello Simon Pietro la meravigliosa notizia. Ed è con non meno gioia che anche noi, mia moglie ed io, vogliamo dirvi: «Abbiamo infine trovato il Messia», perché, israeliti tutti e due e per di più molto religiosi e praticanti, eravamo di …
Leggi Tutto

IL MIO AMICO E PADRE PERFETTO

di Nicky Cruz  –  Ancora oggi sono un piccolo bimbo sofferente dentro di me, e Dio è ancora mio Padre. Ovunque vada, mi assicuro che cammini affianco a me, che mi tenga la mano e mi conduca. Quando inciampo e cado, Egli si protende verso me e mi rialza. Scuote la polvere dalle mie vesti, bacia le ferite e poi prosegue con me lungo il cammino. Quando faccio …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: "Il Vivente". Sermone audio

ROBERTO BRACCO: “IL VIVENTE” – Sermone Evangelistico tratto da Apocalisse 1:18 – ” «Non temere! Io sono il primo e l’ultimo, il vivente; io fui morto, ma ecco sono vivente per i secoli dei secoli, amen!” …
Leggi Tutto

FUOCO CONSUMANTE

di – Jim Cymbala    –  Gesù non ha mai battezzato nessuno con acqua. Perché? Perché il battesimo che Lui avrebbe ministrato sarebbe stato il battesimo dello Spirito Santo e col fuoco (leggere Luca 3:16). Non confondete queste parole come a voler indicare due battesimi, uno con lo Spirito e uno col fuoco.  Al contrario, Luca stava usando l’immagine del fuoco come simbolo che rappresenta lo Spirito, per …
Leggi Tutto

IL CULTO

di Roberto Bracco –  “Onore reso a Dio”. Per il cristiano è anche mezzo per realizzare comunione con Dio; quindi possibilità di offrire a Dio, ricevere da Dio. Comunemente con questo nome si definiscono le riunioni che uniscono i fedeli per la celebrazione liturgica: preghiera, canto, predicazione… In queste riunioni i fedeli vogliono offrire lode a Dio, esprimere amore, gratitudine e aspettano le benedizioni della presenza di Dio …
Leggi Tutto

LA VITA  DI  ADONIRAM  JUDSON

di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come …
Leggi Tutto

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti