Meditazione del giorno: La solita vecchia gang

dehaanrdi  M. R. DeHann  –  “Così temevano l’Eterno, e servivano al tempo stesso i loro dèi.”  2 Re 17:33

Qualcuno ha chiamato la gente di 2 Re 17  “santi cotti a metà”. Essi non erano “nè carne nè pesce”, ma ambedue le cose: con un piede al servizio degli idoli e con l’altro in attività spirituali. Temevano l’Eterno, ma nello stesso tempo servivano i loro dèi.  A quel tempo come oggi: si prendono le difese del cristianesimo, si è religiosi la domenica (temono Dio), ma sono pagani durante la settimana (servono i loro dèi).  Anche certe chiese sono “cotte a metà, sono religiose solo di nome. Tempo fa fu riferito di un riadattamento del culto domenicale, promosso da un gruppo del genere: Jazz in sostituzione dei cantici, ballo al posto della riunione di preghiera e film invece del culto serale. Avevano anche uno speciale “angolo dei fumatori, dove si servivano bevande alcooliche. Quale beffa e bestemmia! Ciò mi fa ricordare una storia che una volta ascoltai: Una nota birreria s’era trasferita in un altro quartiere della città ed il vecchio locale era rimasto vuoto. Una certa chiesa lo affittò per un paio di mesi, allo scopo di aggiungere alla propria sala di culto anche un bar e un biliardo. Il banco di mescita fu trasformato in pulpito, i tavolini da gioco furono spinti ai lati per far posto ai banchi della chiesa, messi là provvisoriamente. Se non che il proprietario della mescita aveva dimenticato di portar via con sè il vecchio pappagallo, che era rimasto nella gabbia nel suo vecchio angolo. Quando la domenica mattina il pastore andò al suo posto, il pappagallo squittì: “Ma guarda un pò; abbiamo un nuovo gestore! Quando poi entrò il coro, aggiunse: “e una nuova compagnia di spettacolo! Infine entrarono i membri della chiesa, e il pappagallo disse: “Ma ahimè!, i soliti clienti – la solita vecchia gang!

 

Caro amico, può sembrare strano, ma per molti vale questa triste realtà: mentre sostengono di temere il Signore, continuano a “servire i loro dèi….

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

CRISTIANI INFUOCATI

di Agostino Masdea  –  Ci sono molte figure nella Parola che rappresentano lo Spirito Santo: l’olio, il vento, la colomba, il fuoco. A Pentecoste, due di questi simboli, il fuoco e il vento si sono manifestati contemporaneamente, e fu quel tipo di battesimo che segnò una nuova era, perché segnò la nascita della chiesa di Gesù Cristo. Ed è stato quel fuoco, quel battesimo, che ha trasformato quei discepoli …
Leggi Tutto

RISVEGLIATI ….

da un sermone predicato dal past. Agostino Masdea  nella chiesa di via Anacapri nel 1998. i) E’ un appello che lo Spirito rivolge oggi alla Chiesa. E’ un appello per questo tempo indirizzato a ogni singolo credente. E’ una necessità impellente per il popolo di Dio, ed è una esigenza improrogabile per la vita della chiesa. E la parola dell’Eterno fu rivolta a Giona, figlio di Amittai, dicendo: “Lèvati …
Leggi Tutto

Una Promessa per te: "TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA."

“Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25) Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno …
Leggi Tutto

Sermone del pastore Agostino Masdea predicato Domenica 5 Aprile 2015.   “Camminare con Gesù è l’esperienza più straordinaria che possiamo vivere. Vuoi che le cose cambino nella tua vita? Prova a camminare insieme a Colui che è risorto dalla morte, al “Vivente”. Cammina con Gesù…” …
Leggi Tutto

IL POTENTE MI HA FATTO GRANDI COSE

di Agostino Masdea   –   E Maria disse: »L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore, perché egli ha avuto riguardo alla bassezza della sua serva, poiché ecco d’ora in poi tutte le generazioni mi proclameranno beata, perché il Potente mi ha fatto cose grandi, e Santo è il suo nome! (Luca 1: 46-49) Sono parole meravigliose. Se queste parole non fossero state riportate mancherebbe alla …
Leggi Tutto

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
Leggi Tutto

BEATI I MORTI...

di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre …
Leggi Tutto

C'E' SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?

di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica. Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti