Meditazione del giorno: Volgi a Lui il tuo sguardo

di Henry G. Bosch  –   “riguardando a Gesù…” (Ebrei 12:2)  –  Un grande pittore teneva un certo numero di pietre preziose sul suo cavalletto. I colori scintillanti degli zaffiri, degli smeraldi e dei rubini attiravano sempre gli sguardi dei suoi clienti. Interrogato perché mettesse le pietre preziose in un posto così singolare, egli rispose che per lui c’era il pericolo che con l’abitudine i colori diventassero scialbi, e che il suo occhio si affievolisse, e che soprattutto i colori chiari perdessero sulla tela la loro brillantezza. Perciò, per conservare lo sguardo acuto e penetrante, egli si serviva delle pietre preziose mettendo continuamente a confronto i colori della tavolozza con quelli dei gioielli, che non sbiadiscono mai.
In questo aneddoto c’è una lezione per noi tutti. Noi pure corriamo il pericolo che, a furia di guardare le cose terrene che appassicono, si attenui la nostra capacità spirituale di vedere. Come è importante tenere i nostri occhi rivolti a Gesù! Guardiamo spesso il suo volto. Lo splendore del Cristo crocifisso e sempre vivente accrescerà la nostra vista spirituale e fortificherà il nostro cuore e la nostra vita. Questo ci aiuterà a camminare come Egli ha camminato. Gli occhi della nostra anima non devono mai diventare opachi. Se guardiamo alla fragilità umana e alle tentazioni di questo mondo, è così facile perdere la nostra fiducia, ma se guardiamo a Gesù, la nostra intelligenza spirituale aumenta e la nostra fede si rinvigorisce.
Si narra che quando Blondin, il grande funambolo, attraversò su una sottile fune le cascate del Niagara, teneva gli occhi fissi su una stella che aveva attaccata sulla riva di fronte. Se avesse guardato giù verso l’acqua rumoreggiante, la paura avrebbe potuto sopraffargli il cuore e l’impresa sarebbe finita in una tragedia. Ma mentre egli puntava tutta la sua attenzione sull’oggetto posto al termine della fune, non trovava difficile camminargli incontro sulla piccola corda.
Anche a noi non è permesso guardare a ciò che sta intorno, bensì dobbiamo avere i nostri occhi rivolti a Gesù. Se facciamo ciò, non abbiamo difficoltà a camminare sulla “via giusta”.

Rifletti: Se guardi a te, sarai nel dubbio; se guardi intorno a te, ti scoraggerai; ma se guardi a Gesù, sarai in ogni tempo tranquillo, sicuro e benedetto!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

FAVORITI NELL'AMATO SUO FIGLIO.

Efesini 1:6  –   i.  –  A volte ci capita di avere l’imbarazzo della scelta. E’ come se trovandoci davanti  ad uno scrigno pieno di perle o pietre preziose dovessimo sceglierne una tra le tante….!  La lettera agli Efesini è come quello scrigno: solo in questi primi sei versi dobbiamo fare uno sforzo per scegliere una delle tante perle che contiene;  scegliamo il verso sei, e in particolare le parole: favoriti …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La mia Parola non tornerà a me a vuoto.

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata. (Isaia 55:10-11) …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Puoi fidarti della mia fedeltà perché la Mia parola è vera.

Perché la parola dell’Eterno è retta, e tutte le sue opere sono fatte con fedeltà. (Salmo 33:4)   –   Se facessi una promessa ai miei figli ed essi mettessero in discussione la veridicità della mia promessa, mi darebbe parecchio fastidio. Come padre, spero che i miei figli abbiano fiducia nel mio carattere e nella mia parola. Se essi dubitano di ciò che dico, mettono in discussione l’intera mia persona. Credo che alla base …
Leggi Tutto

GEORGE VERWER: UNA GRANDE IMMAGINE

GEORGE VERWER – Domenica 27 Luglio 2014 – Chiesa Alfa Omega …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 17 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea   Vivere ancora sotto la legge o vivere sotto la la grazia? …
Leggi Tutto

Dove sei?

di D. L. Moody    –    La primissima cosa che accadde quando fu giunta in cielo la notizia della caduta dell’uomo, fu che Dio discese alla ricerca del perduto. Mentre Egli cammina attraverso il giardino nella brezza del giorno lo sentiamo chiamare: “Adamo! Adamo! Dove sei?”. Era la voce della grazia, della misericordia, e dell’amore. Dal momento che era Adamo il trasgressore, avrebbe dovuto essere lui a cercare …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti