Meditazione del giorno: La visione di Gesù nell’Apocalisse

morgan

G. CAMPBELL MORGAN  –   Guarda a lungo, guarda ancora, e poi guarda di nuovo alla visione che Giovanni riceve di Gesù Cristo in mezzo ai candelabri [le chiese] (Apocalisse 1:9-20). Lascia che la visione ti avvolga nella Sua  meravigliosa potenza. Il suo capo e i suoi capelli sono bianchi come la lana, ci parla della Sua purezza e della Sua eternità. I Suoi occhi sono come una fiamma di fuoco, perché la Sua profonda conoscenza delle chiese è acuta e penetrante. I suoi piedi sono come bronzo lucente, che significa procedere nella forza e nella purezza.  La sua voce è come il rumore  di molte acque, un’armonia di suoni perfetti. Nella sua mano ci sono sette stelle, che indica la Sua potenza e la Sua protezione. Dalla sua bocca esce una spada affilata, a due tagli, che pronuncia profondi e precisi deliberazioni riguardo al  Suo popolo.

Tutto il Suo volto  è come il sole, nel pieno del giorno, con la sua luce abbagliante, inondando tutto il paesaggio di immensa bellezza.

Tale era l’Uno che si muoveva in mezzo alle chiese nella visione di Giovanni a Patmos, e Tale è colui che unisce ancora le chiese nella Chiesa con la Sua presenza e la Sua presidenza.

La visione è evidentemente una scena notturna, come testimoniano i candelabri e le stelle, e tuttavia si tratta di una scena di giorno, poiché ecco, il volto del Figlio dell’uomo è “come il sole quando risplende nella sua forza” (1:16). Giovanni vide come in una visione, la Chiesa nella sua  attuale relazione e responsabilità verso Cristo e verso il mondo. La notte avvolge il buio del mondo. L’unica luce che splende su questa oscurità è quella che proviene dai candelabri. La visione del volto di Cristo, come quella del sole, è una rivelazione di ciò che Egli è per il Suo popolo. Per loro è giorno. “Voi tutti siete figli della luce e figli del giorno; noi non siamo della notte né delle tenebre. ” (1 Tess. 5:5). La Chiesa è qui vista come portatrice di luce, con Cristo come unico centro unificante e come autorità di comando. Cristo stesso in mezzo ai sette candelabri crea la loro unità. L’unità della Chiesa consiste nel comune rapporto di ogni chiesa con il Signore stesso che è presente nel suo mezzo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

L'Ammirabile

di BILLY SUNDAY    –   «Il Suo Nome sarà chiamato: L’Ammirabile».  Isaia 9:6  –   Anticamente ogni nome aveva un significato; ciò è ancora vero fra gl’india­ni e fra quei popoli che vivono tuttora in modo primitivo.  Ogni nome della Bibbia ha un signi­ficato, ed è di grande aiuto nella lettu­ra delle Scritture ricercare la definizio­ne propria di ogni nome. Vi sono nella Bibbia duecento cinquantasei nomi dati al Signore …
Leggi Tutto

I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? …
Leggi Tutto

VIVERE IL CRISTIANESIMO.

di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente …
Leggi Tutto

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: "HO PREPARATO COSE STUPENDE PER COLORO CHE MI AMANO"

1 Corinzi 2: 9 – Ma come sta scritto: “Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d’ uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano”. Quando mia moglie ed io ospitiamo una festa di compleanno o un evento speciale per i nostri cari, un prepariamo e pianifichiamo prima un sacco di …
Leggi Tutto

Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

​     Sermone di Agostino Masdea  –  1 Corinti 3  – “La Chiesa, il tempio di Dio”. Da cosa sono causati i problemi nella chiesa oggi? Cos’è che porta divisione? Qual è il marchio di una chiesa matura e spirituale? Nella chiesa non ci sarebbero problemi, non ci sarebbero mal di pancia, lamentele e critiche, se ogni credente si arrendesse all’opera dello Spirito Santo! Bisognerebbe avvisare tanti …
Leggi Tutto

IL MIRACOLO DI ALMOLONGA

Fino ad alcuni anni fa questa città del Guatemala era dominata da paganesimo e povertà. Oggi più del 90 percento delle persone sono Cristiani evangelici. E’ la sorprendente storia di come la preghiera porta trasformazione …
Leggi Tutto

COMPRA IL CAMPO

di Mike Brown  –   Questo messaggio dovrebbe edifi­carvi e fortificarvi nella fede. Fino a quando saremo in questo mondo avremo sempre combattimenti di fede, e fino a quando saremo in questo corpo dovremo scegliere di camminare per fede e non per visione. Sono un uomo abbastanza ottimista, ma negli ultimi cinque anni ho affrontato dure prove e grandi pressioni che andavano al di là delle mie forze, e proprio …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti