Meditazione del giorno: La visione di Gesù nell’Apocalisse

morgan

G. CAMPBELL MORGAN  –   Guarda a lungo, guarda ancora, e poi guarda di nuovo alla visione che Giovanni riceve di Gesù Cristo in mezzo ai candelabri [le chiese] (Apocalisse 1:9-20). Lascia che la visione ti avvolga nella Sua  meravigliosa potenza. Il suo capo e i suoi capelli sono bianchi come la lana, ci parla della Sua purezza e della Sua eternità. I Suoi occhi sono come una fiamma di fuoco, perché la Sua profonda conoscenza delle chiese è acuta e penetrante. I suoi piedi sono come bronzo lucente, che significa procedere nella forza e nella purezza.  La sua voce è come il rumore  di molte acque, un’armonia di suoni perfetti. Nella sua mano ci sono sette stelle, che indica la Sua potenza e la Sua protezione. Dalla sua bocca esce una spada affilata, a due tagli, che pronuncia profondi e precisi deliberazioni riguardo al  Suo popolo.

Tutto il Suo volto  è come il sole, nel pieno del giorno, con la sua luce abbagliante, inondando tutto il paesaggio di immensa bellezza.

Tale era l’Uno che si muoveva in mezzo alle chiese nella visione di Giovanni a Patmos, e Tale è colui che unisce ancora le chiese nella Chiesa con la Sua presenza e la Sua presidenza.

La visione è evidentemente una scena notturna, come testimoniano i candelabri e le stelle, e tuttavia si tratta di una scena di giorno, poiché ecco, il volto del Figlio dell’uomo è “come il sole quando risplende nella sua forza” (1:16). Giovanni vide come in una visione, la Chiesa nella sua  attuale relazione e responsabilità verso Cristo e verso il mondo. La notte avvolge il buio del mondo. L’unica luce che splende su questa oscurità è quella che proviene dai candelabri. La visione del volto di Cristo, come quella del sole, è una rivelazione di ciò che Egli è per il Suo popolo. Per loro è giorno. “Voi tutti siete figli della luce e figli del giorno; noi non siamo della notte né delle tenebre. ” (1 Tess. 5:5). La Chiesa è qui vista come portatrice di luce, con Cristo come unico centro unificante e come autorità di comando. Cristo stesso in mezzo ai sette candelabri crea la loro unità. L’unità della Chiesa consiste nel comune rapporto di ogni chiesa con il Signore stesso che è presente nel suo mezzo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PER TUTTI I TEMPI E PER TUTTI GLI UOMINI

di  ANDRÉ THOMAS BRÈS  –    Quando si legge il libro degli Atti, ci si rende conto che lungi d’aver avuto luogo una volta per tutte, la Pentecoste non ha cessato di riprodursi. Alla fine del IV capitolo, leggiamo di una Pentecoste accordata a coloro che ne avevano già ricevuta una prima. Nell’VIII capitolo, Pentecoste a Samaria! Nell’XI capitolo, Pentecoste a Cesarea, nella casa di Cornelio ! Nel …
Leggi Tutto

SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA

9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci” …
Leggi Tutto

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

This is my King!

Sebbene in rete ci sono infinite versioni di questo video, ci sentiamo di riproporlo perché è un messaggio straordinario che ogni volta che lo si ascolta suscita emozioni meravigliose e si rimane toccati dalla grandezza del nostro Re! “This is my King”… Questo è il mio Re. IL pastore nero S.M. Lockridge parla per sei minuti, in questo famoso sermone, di ciò che Gesù, il nostro Re è …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 20 Luglio 2014  –  (2 Re 5:1-14)   Quando affrontiamo le sfide di questa vita,c’è un solo modo per gestirle; non è fare a modo nostro, ma riporre fede in Dio e fare a modo Suo. Allora Egli verrà incontro al nostro bisogno …
Leggi Tutto

NON SIAMO PROTESTANTI

Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma …
Leggi Tutto

LA SPOSA SI PREPARA (Ruth 3:1-6)

di Agostino Masdea  –   Abbiamo visto nella meditazione precedente come Ruth comincia a esperimentare la grazia e la provvidenza Divina, e anche se costretta dalle circostanze ad un umile lavoro, inizia a scoprire che quell’Iddio che ha scelto di adorare e servire al posto dei suoi falsi dei moabiti, è un Dio fedele e misericordioso. Abbiamo anche paragonato la sua figura alla figura della chiesa di Gesù Cristo, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti