Meditazione del giorno: I tuoi propositi sono ancora incompiuti?

P. R. Van Gorder  –  “Perché sei rimasto fra gli ovili ad ascoltare il flauto dei pastori? Presso i ruscelli di Ruben, le decisioni furono coraggiose!” (Giudici 5:16)   –   Quando Deborah, quarto giudice d’Israele, cantò la sua canzone per celebrare la vittoria d’Israele sui Cananei (Giudici 5:2-31), menzionò la gente della tribù di Ruben. Ella ne parla dicendo che: “le decisioni furono coraggiose”; ma notò, con suo sgomento, che essi erano contenti di rimanere “fra gli ovili” invece di rivedere i loro piani ed agire.

Possiamo paragonare la tribù di Ruben ad un ragazzo che mentre se ne sta seduto alla scrivania della madre tenta disegnare il cagnolino di famiglia. Ad un certo punto mette giù la matita e mostra con orgoglio il suo schizzo alla mamma che ne apprezza subito la forte somiglianza, però nota che manca qualcosa ed esclama: “dov’è la coda di Rover?”. “Devo ancora terminare il disegno”, risponde il ragazzo. Molte cose nella vita dei cristiani vengono lasciate incomplete perché non mettiamo in atto i nostri piani: decidiamo di dedicare più tempo alla lettura della parola di Dio, ma poi veniamo distratti da altre attività; prendiamo la decisione di pregare di più per gli altri e magari lo facciamo per un po o per qualche tempo, ma gradualmente cominciamo a dare la priorità ad altre cose.  Non importa quanto siano nobili i tuoi piani, non importa quanto siano buone le tue intenzioni, esse non possono glorificare Dio se  “vengono lasciate incompiute”.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

Un vaso al servizio del Maestro

di Charles E. Greenaway  –   “La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno, in questi termini: “Levati, scendi in casa del vasaio, e quivi ti farò udire le mie parole”. Allora io scesi in casa del vasaio, ed ecco egli stava lavorando alla ruota; e il vaso che faceva si guastò, come succede all’argilla in man del vasaio, ed egli da capo ne fece un altro …
Leggi Tutto

Avvertimenti utili a quei membri di chiesa che non vivono in Cristo

di CHARLES H. SPURGEON – L’apostolo Paolo ci offre il modello perfetto di un uomo sinceramente consacrato. Pastore vigilante, si preoccupava incessantemente del gregge affidato alle sue cure e non si limitava a predicare l’Evangelo, ne pensava di aver fatto tutto il suo dovere annunziando la salvezza; ma i suoi occhi era?no sempre aperti sulle Chiese che ave?va fondato, seguendo con vivo interesse i loro progressi spirituali o …
Leggi Tutto

DIO PUO' FARLO ANCORA

di  Jonathan Goforth   –  La stessa potenza che discese sui discepoli durante la Pentecoste, può discendere oggi nella tua chiesa.  Una volta un missionario mi disse che egli avrebbe desiderato dar vita ad un risveglio, ma che non gli era possibile ottenere l’aiuto di un evangelista perché la sua missione era molto fuori mano. Come se lo Spirito di Dio operi soltanto per pochi selezionati! Queste false idee …
Leggi Tutto

IL PERICOLO DELL’INSODDISFAZIONE

di AGOSTINO MASDEA  –   Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo. Infatti il bene che io voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio… O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte? Io rendo grazie …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti