LA POTENZA DELLO SPIRITO SANTO

di DAVID WILKERSON   –  Coloro che si diressero verso l’alto solaio amavano Gesù profondamente. Erano compassionevoli, consacrati, amavano le anime. Però non erano ancora qualificati ad essere Suoi testimoni. Ci vuole più che solo l’amore per Gesù e la compassione per qualificarti come Suo testimone. Erano stati alla scuola di Cristo. Avevano guarito gli infermi, scacciato demoni e compiuto miracoli. Avevano visto Gesù rivestito di gloria eterna sul Monte. Erano lì quando sudò gocce di sangue mentre pregava e L’avevano visto appeso alla croce. L’avevano visto risuscitato, avevano visto la tomba vuota, mangiato con Lui e parlato con Lui nel Suo corpo glorificato. Lo avevano persino visto ascendere al cielo! Eppure non erano ancora pronti per testimoniare di Lui. 

Perché Pietro non poteva recarsi subito da quella folla agitata a Gerusalemme e testimoniare della Sua resurrezione? Non l’aveva visto con i suoi occhi? Avrebbe potuto predicare, “Gesù è vivo! È asceso al cielo! Ravvedetevi!” Pietro dichiara qualcosa di potente al sommo sacerdote: “E di queste cose noi gli siamo testimoni, come pure lo Spirito Santo, che Dio ha dato a coloro che gli ubbidiscono” (Atti 5:32).

Mediante le parole dello Spirito Santo che parlava attraverso Pietro, i sacerdoti “si infuriarono e deliberarono di ucciderli” (Atti 5:33). Lo Spirito Santo aveva anche parlato attraverso Pietro nel giorno di Pentecoste, e tutti quelli che l’udirono “furono compunti nel cuore” (Atti 2:37).

Stefano, ripieno di Spirito Santo, predicò ai capi religiosi: “Uomini di collo duro ed incirconcisi di cuore e di orecchi, voi resistete sempre allo Spirito Santo; come fecero i vostri padri, così fate anche voi…All’udire queste cose, essi fremevano in cuor loro e digrignavano i denti contro di lui” (Atti 7:51, 54).

Quando esci da un incontro con Dio, ripieno di Spirito Santo, potrai stare con franchezza davanti ai tuoi colleghi, la famiglia, chiunque, e la tua testimonianza provocherà una delle due reazioni. O grideranno: “Che devo fare per essere salvato?” oppure vorranno ucciderti! Proferirai una parola che andrà dritta al cuore. La differenza risiede nella potenza dello Spirito Santo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GRANDI INNI: "BLESSED ASSURANCE" (GARANZIA BENEDETTA )

Fanny Crosby, compositrice di inni, era rimasta cieca quando aveva sei settimane di vita, per delle cure mediche sbagliate. Fanny Crosby nel corso della sua lunga vita (morì all’età di 95 anni) scrisse più di ottomila testi di canzoni gospel. Spesso i temi per i testi venivano suggeriti a Fanny Crosby da ministri che la andavano a trovare e che desideravano avere una nuova canzone su un soggetto …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: IL MIO AMORE PERFETTO CACCERÀ VIA LA PAURA DAL TUO CUORE. 

-Nell’amore non c’è paura; anzi, l’amore perfetto caccia via la paura. (1 Giovanni 4:18)  –  Secondo la Concordanza Biblica Strong, il significato della parola greca per “perfetto” è “completo”. Immaginate un amore completo in tutto. L’amore di un padre, l’amore di una madre, l’amore di un amico, l’amore di un fratello, l’amore di un coniuge, ecc. Qualunque tipo di amore abbiamo bisogno, la vera sorgente si trova nella completezza …
Leggi Tutto

17 Aprile 2011 - ZAC POONEN

Ospite il pastore ZAC POONEN della Christian Fellowship Church, Bangalore, India. Potete ascoltare la sua predicazione (Paul Schafer interprete) …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

Cosa significa essere un servo.

di Brian L. Harbour  –  Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” …
Leggi Tutto

UNITA'... A CHE PREZZO?

di Keith Green –  Di questi tempi si fa un gran parlare tra i Cristiani riguardo all’esigenza di unità. Ovunque cristiani si riuniscono puoi sentire qualcuno che afferma “Se solo tutti i credenti potessero unirsi e andare d’accordo, allora il mondo si sveglierebbe e ci darebbe retta! allora sì il Diavolo fuggirebbe spaventato! Allora si avrebbe un vero risveglio!!” L’intero movimento ecumenico si basa su questo assunto. Devo ammettere …
Leggi Tutto

Una Testimonianza

di ROBERTO BRACCO – Lettura biblica: 1 Timoteo 1:12-20 – La storia di Saulo da Tarso, persecutore della Chiesa cristiana, fariseo zelante, difensore della fede giudaica, è troppo nota per aver bisogno di essere ricordata, ma la testimonianza che egli rende, attraverso questa pagina della sua lettera a Timoteo, esprime un messaggio così vivo, così attuale, da non poter essere ignorato. In poche parole, l’apostolo mette a fuoco …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti