Meditazione del giorno: Vedere Gesù

ROY HESSION–  di ROY HESSION  –  “Vorremmo vedere Gesù”  (Giovanni 12:21)   –   Dobbiamo chiederci che cosa significhi, in realtà “vedere Gesù”. Forse ci aiuterà a questo «proposito» lo scoprire che cosa non significa. Vedere Gesù non vuol dire cercare di vederLo in modo mistico, e neppure implorare o pregare per delle visioni. Una volta ci capitò di sentire qualcuno che, rispondendo a chi gli chiedeva se riuscisse a vedere Gesù, esclamò: «Oh, sì, io tento sempre di evocare alla mente delle immagini di Lui».  Certe persone sono inclini alle visioni, ma le visioni non sono da ricercarsi e non dobbiamo vantarcene se ne abbiamo. Paolo era molto reticente riguardo a ciò che aveva visto (2 Cor. 12:1-5). L’esperienza di una visione non significa necessariamente che noi conosciamo il Signore Gesù più profondamente di qualunque altra persona – talvolta può costituire un impedimento al nostro discepolato.

D’altro canto non dobbiamo immaginare che una contemplazione puramente oggettiva di Cristo e del Suo amore o una riflessione accademica della verità sia quanto occorre. Per importante che sia, lo studio della Bibbia può essere sottilmente sterile e può non significare che lo studioso goda di una visione trasformante del Signore Gesù – sebbene non si andrebbe mai molto lontano senza lo studio giornaliero, diligente delle Scritture, fatto alla presenza di Dio.

Vedere Gesù significa capire che Egli è la fonte è il rifornimento delle nostre necessità presenti, e impossessarsi di Lui con grande fiducia. Il Signore Gesù è sempre visto attraverso la visuale della necessità. Egli ci viene presentato nelle Scritture non per una gratificante contemplazione accademica, ma per rispondere al disperato bisogno di peccatori e creature deboli, come siamo noi. Il riconoscimento del bisogno e la confessione del peccato, dunque, costituiscono sempre il primo passo verso la visione di Gesù.

Dove esiste una necessità riconosciuta, lo Spirito Santo gioisce di mostrare il Signore Gesù al nostro cuore, appunto come l’appagamento di quella necessità.

Fondamentalmente Egli ci viene rivelato attraverso le Scritture, ma spesso anche in altri momenti: attraverso la testimonianza di un fratello, con le parole di un canto, o attraverso l’intervento ancor più diretto dello Spirito all’anima, senza alcuno di questi mezzi. Poi mentre l’anima si appropria con fede di ciò che lo Spirito le mostra di Gesù, lo sforzo, la tensione, il senso di colpa, la paura, il dolore svaniscono e «allora spuntarono sorrisi sulle nostre labbra e canti di gioia sulle nostre lingue» (Salmo 126:2).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Da  D. L. Moody a Billy Graham. Tutto iniziò in un negozio di scarpe...

UNA STORIA SIGNIFICATIVA.  –  Un sabato qualsiasi a Boston, circa 150 anni fa, un tranquillo insegnante di scuola domenicale di  nome Edward Kimball si prese un giorno libero per andare a trovare ogni ragazzo della sua classe. Voleva essere certo che ciascuno avesse ricevuto Cristo. Uno dei suoi studenti lavorava come apprendista nel negozio di scarpe dello zio. Kimball entrò nel negozio ed andò nel magazzino sul retro, …
Leggi Tutto

PER LA SUA GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Ma per la grazia di Dio sono quello che sono; e la sua grazia verso di me non è stata vana, anzi ho faticato piú di tutti loro non io però, ma la grazia di Dio che è con me. ( 1 Corinzi 15:10 ) a) Cos’è la grazia? E’ un favore immeritato che ci viene da Dio! Ma è più di questo: E’ la Sua misericordia che …
Leggi Tutto

IL SERPENTE DI RAME

«E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato, affinché chiunque crede in lui abbia vita eterna. Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo …
Leggi Tutto

USO E ABUSO DELLA LINGUA. (Quello che esce dalla bocca fa vedere quello che è nel cuore)

di DEREK PRINCE   –    La Bibbia ha molto da dire sull’uso della lingua, sulle labbra, sulla bocca, sulle parole e sul linguaggio. Dio ha creato l’uomo secondo la Sua propria immagine. Ha dato all’uomo la capacità di parlare e farsi comprendere, esprimendosi con parole e con frasi. Quando Dio diede all’uomo questa capacità, gli trasmise anche una parte della Sua autorità e della Sua creatività. E’ …
Leggi Tutto

IL TIPO DI PREGHIERA CHE AZIONA LE RUOTE DEL RISVEGLIO

di  SIDLOW BAXTER  –  Abbiamo bisogno di un risveglio di preghiera di intercessione tra il popolo di Dio. Non preghiamo abbastanza. Oltre ad intensificare la loro vita privata di preghiera, i cristiani dovrebbero unirsi in gruppi per aggrapparsi a Dio e promuovere un risveglio nella propria terra e in ogni altro paese. Il nostro più pressante bisogno è di chiedere a Dio di dare più potenza nella preghiera a …
Leggi Tutto

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io posso fare per te più di quanto tu possa immaginare.

Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen. (Efesini 3:20-21)  –  Dopo aver letto questa promessa, prova per un attimo ad immaginare la più grande, impensabile cosa, per la tua vita. Non importa quanto grande …
Leggi Tutto

LA BIBBIA, PAROLA DI DIO

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. – Eppure, essa vive: Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti