Meditazione del giorno: Vedere Gesù

ROY HESSION–  di ROY HESSION  –  “Vorremmo vedere Gesù”  (Giovanni 12:21)   –   Dobbiamo chiederci che cosa significhi, in realtà “vedere Gesù”. Forse ci aiuterà a questo «proposito» lo scoprire che cosa non significa. Vedere Gesù non vuol dire cercare di vederLo in modo mistico, e neppure implorare o pregare per delle visioni. Una volta ci capitò di sentire qualcuno che, rispondendo a chi gli chiedeva se riuscisse a vedere Gesù, esclamò: «Oh, sì, io tento sempre di evocare alla mente delle immagini di Lui».  Certe persone sono inclini alle visioni, ma le visioni non sono da ricercarsi e non dobbiamo vantarcene se ne abbiamo. Paolo era molto reticente riguardo a ciò che aveva visto (2 Cor. 12:1-5). L’esperienza di una visione non significa necessariamente che noi conosciamo il Signore Gesù più profondamente di qualunque altra persona – talvolta può costituire un impedimento al nostro discepolato.

D’altro canto non dobbiamo immaginare che una contemplazione puramente oggettiva di Cristo e del Suo amore o una riflessione accademica della verità sia quanto occorre. Per importante che sia, lo studio della Bibbia può essere sottilmente sterile e può non significare che lo studioso goda di una visione trasformante del Signore Gesù – sebbene non si andrebbe mai molto lontano senza lo studio giornaliero, diligente delle Scritture, fatto alla presenza di Dio.

Vedere Gesù significa capire che Egli è la fonte è il rifornimento delle nostre necessità presenti, e impossessarsi di Lui con grande fiducia. Il Signore Gesù è sempre visto attraverso la visuale della necessità. Egli ci viene presentato nelle Scritture non per una gratificante contemplazione accademica, ma per rispondere al disperato bisogno di peccatori e creature deboli, come siamo noi. Il riconoscimento del bisogno e la confessione del peccato, dunque, costituiscono sempre il primo passo verso la visione di Gesù.

Dove esiste una necessità riconosciuta, lo Spirito Santo gioisce di mostrare il Signore Gesù al nostro cuore, appunto come l’appagamento di quella necessità.

Fondamentalmente Egli ci viene rivelato attraverso le Scritture, ma spesso anche in altri momenti: attraverso la testimonianza di un fratello, con le parole di un canto, o attraverso l’intervento ancor più diretto dello Spirito all’anima, senza alcuno di questi mezzi. Poi mentre l’anima si appropria con fede di ciò che lo Spirito le mostra di Gesù, lo sforzo, la tensione, il senso di colpa, la paura, il dolore svaniscono e «allora spuntarono sorrisi sulle nostre labbra e canti di gioia sulle nostre lingue» (Salmo 126:2).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

 Una promessa per oggi: “Io so tutto della tua vita e conosco tutte le tue vie”.

Salmo 139: 1-3  Tu mi hai investigato, o Eterno, e mi conosci.  Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo, tu intendi il mio pensiero da lontano.  Tu esamini accuratamente il mio cammino e il mio riposo e conosci a fondo tutte le mie vie.   –    Ti sei mai trovato in una stanza piena di persone e sentirti completamente solo? A volte possiamo essere circondati da tante persone nella nostra vita quotidiana, …
Leggi Tutto

PreghieraDigiuno

« Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore… » (Giov. 14 :15-16). Nello studio della dottrina dello Spirito e specialmente quando vogliamo approfondire il soggetto «battesimo con lo Spirito Santo» non dobbiamo trascurare un passo scritturale come questo; le parole di Gesù chiariscono l’argomento e stabiliscono un fondamento sul quale la dottrina stessa deve saldamente …
Leggi Tutto

EBREI MESSIANICI

di Agostino Masdea   –   Una realtà del nostro tempo. Affrontare questo soggetto non è facile, sia per il poco tempo che abbiamo a disposizione, sia per la complessità dei temi che questo argomento richiederebbe fossero trattati. Non si può parlare di Ebrei messianici in maniera esaustiva se non si toccano anche  temi come la storia di Israele, la storia della Chiesa,  l’antisemitismo, le profezie bibliche…. e tanti altri soggetti correlati. Potete …
Leggi Tutto

UN PIANO PER LA TUA VITA

di  ZAC POONEN  –  Il più grande onore e privilegio che l’uomo possa avere è fare la volontà di Dio. Questo è quanto il Signore Gesù insegnò ai suoi discepoli. Un giorno Egli disse loro che solamente coloro fanno la volontà del Padre Celeste entreranno nel regno dei cieli (Matteo 7 :21 ). Disse anche che i suoi veri fratelli e sorelle sono coloro che fanno la volontà …
Leggi Tutto

PECCATORI NELLE MANI DI UN DIO ADIRATO

di Jonathan Edwards . –  Jonathan Edwards nacque nel 1703 e morì nel 1758. Questo sermone fu predicato nel pomeriggio dell’ 8 luglio 1741 ad Enfield, nel Connecticut. I fuochi del risveglio erano iniziati in tutta l’area della nuova Inghilterra mediante il ministero di George Whitefield, ma Enfield, la comunità più malvagia di tutte, non era stata raggiunta. Un servizio speciale era stato convocato da un gruppo di ministri …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 20 Luglio 2014  –  (2 Re 5:1-14)   Quando affrontiamo le sfide di questa vita,c’è un solo modo per gestirle; non è fare a modo nostro, ma riporre fede in Dio e fare a modo Suo. Allora Egli verrà incontro al nostro bisogno …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ti darò il manto della lode invece di uno spirito abbattuto.

“…per accordare gioia a quelli che fanno cordoglio in Sion, per dare loro un diadema invece della cenere, l’olio della gioia invece del lutto, il manto della lode invece di uno spirito abbattuto, affinché siano chiamati querce di giustizia, la piantagione dell’Eterno per manifestare la sua gloria.” (Isaia 61:3) Il capitolo 61 di Isaia è pieno di incredibili promesse di Dio, che sono state adempiute quando Gesù venne sulla …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti