Meditazione del giorno: Vedere Gesù

ROY HESSION–  di ROY HESSION  –  “Vorremmo vedere Gesù”  (Giovanni 12:21)   –   Dobbiamo chiederci che cosa significhi, in realtà “vedere Gesù”. Forse ci aiuterà a questo «proposito» lo scoprire che cosa non significa. Vedere Gesù non vuol dire cercare di vederLo in modo mistico, e neppure implorare o pregare per delle visioni. Una volta ci capitò di sentire qualcuno che, rispondendo a chi gli chiedeva se riuscisse a vedere Gesù, esclamò: «Oh, sì, io tento sempre di evocare alla mente delle immagini di Lui».  Certe persone sono inclini alle visioni, ma le visioni non sono da ricercarsi e non dobbiamo vantarcene se ne abbiamo. Paolo era molto reticente riguardo a ciò che aveva visto (2 Cor. 12:1-5). L’esperienza di una visione non significa necessariamente che noi conosciamo il Signore Gesù più profondamente di qualunque altra persona – talvolta può costituire un impedimento al nostro discepolato.

D’altro canto non dobbiamo immaginare che una contemplazione puramente oggettiva di Cristo e del Suo amore o una riflessione accademica della verità sia quanto occorre. Per importante che sia, lo studio della Bibbia può essere sottilmente sterile e può non significare che lo studioso goda di una visione trasformante del Signore Gesù – sebbene non si andrebbe mai molto lontano senza lo studio giornaliero, diligente delle Scritture, fatto alla presenza di Dio.

Vedere Gesù significa capire che Egli è la fonte è il rifornimento delle nostre necessità presenti, e impossessarsi di Lui con grande fiducia. Il Signore Gesù è sempre visto attraverso la visuale della necessità. Egli ci viene presentato nelle Scritture non per una gratificante contemplazione accademica, ma per rispondere al disperato bisogno di peccatori e creature deboli, come siamo noi. Il riconoscimento del bisogno e la confessione del peccato, dunque, costituiscono sempre il primo passo verso la visione di Gesù.

Dove esiste una necessità riconosciuta, lo Spirito Santo gioisce di mostrare il Signore Gesù al nostro cuore, appunto come l’appagamento di quella necessità.

Fondamentalmente Egli ci viene rivelato attraverso le Scritture, ma spesso anche in altri momenti: attraverso la testimonianza di un fratello, con le parole di un canto, o attraverso l’intervento ancor più diretto dello Spirito all’anima, senza alcuno di questi mezzi. Poi mentre l’anima si appropria con fede di ciò che lo Spirito le mostra di Gesù, lo sforzo, la tensione, il senso di colpa, la paura, il dolore svaniscono e «allora spuntarono sorrisi sulle nostre labbra e canti di gioia sulle nostre lingue» (Salmo 126:2).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

FRANCHEZZA

di Roberto Bracco  –  Nell’esercizio del ministero e del servizio, cristiano la “franchezza” rappresenta una caratteristica positiva, anzi un elemento indispensabile, ma dobbiamo saperla individuare per essere certi di non sostituirla con quei surrogati perniciosi che vengono abbondantemente offerti dalla natura umana. “Franchezza” vuol dire esercizio della libertà e quando ci riferiamo alla “franchezza” espressa nella vita e nel servizio cristiano parliamo della completa liberazione dalla timidezza, dalla …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Io sarò la tua sicurezza e un luogo di rifugio per i tuoi figli. 

Nel timore dell’Eterno c’è una grande sicurezza, e i suoi figli avranno un luogo di rifugio. (Proverbi 14:26)   –   La persona che adora il Signore ha la fiducia che Dio sarà un luogo sicuro per lui e un luogo di rifugio per i suoi figli. Dio è la nostra fortezza sicura. Le Sue mura sono impenetrabili.  Siamo sicuri e protetti nel centro del Suo cuore. Questa è una buona notizia per noi, …
Leggi Tutto

L'AMORE DI CRISTO CHE SOPRAVANZA OGNI CONOSCENZA

di Dwight L. MOODY – “E conoscere l’ amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza?. (Efesi 3:19). Se potessi soltanto fare intendere agli uomini il vero senso delle parole dell’apostolo Giovanni “Dio è amore” prenderei questo solo testo e andrei su e giù per il mondo proclamando questa gloriosa verità. Convincere un uomo che voi l?amate, significa esservi cattivato il suo cuore. Se noi riuscissimo a convincere gli …
Leggi Tutto

IL CRISTIANESIMO È ESPERIENZA

di Roberto Bracco   –   I demolitori più tenaci del cristianesimo sono coloro che lo accettano senza penetrarlo. Quando il cristianesimo è vissuto superficialmente non è vissuto affatto ed anzi è oltraggiato e rovinato.  Il cristianesimo non si può rovinare e demolire in senso assoluto, ma si può offendere attraverso una testimonianza insincera e perciò coloro che si dichiarano cristiani, ma vivono soltanto alla superficie del cristianesimo possono essere definiti, …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La mia Parola non tornerà a me a vuoto.

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata. (Isaia 55:10-11) …
Leggi Tutto

Spingi e basta...!

(anonimo)  Una notte un uomo stava dormendo nella sua capanna, quando all’improvviso la sua stanza si riempì di luce, e Dio apparve. Il Signore disse all’uomo che gli avrebbe dato del lavoro da fare, e gli mostrò una grande roccia di fronte alla sua capanna.  Il Signore spiegò che l’uomo doveva spingere contro la roccia con tutta la sua forza. Così l’uomo fece, giorno dopo giorno. Per molti anni, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti