Meditazione del giorno: SCORAGGIAMENTO – 13 febbraio 2016

by Gary Wilkerson   –   Lo scoraggiamento può ostacolare ma non potrà mai fermare il piano vittorioso di Dio. Gedeone combatté contro 100.000 soldati nemici col suo esercito di 300 uomini, i quali ottennero una vittoria schiacciante tanto da lasciarne solo 15.000 in vita. Dopo la vittoria, alcuni dei suoi fratelli gli chiesero: “‘Perché ti sei comportato in questo modo con noi, non chiamandoci quando sei andato a combattere contro Madian?’ Ed ebbero con lui un’aspra contesa” (Giudici 8:1).   Il popolo stesso di Gedeone metteva in discussione la sua leadership, le sue decisioni, le sue motivazioni e le sue azioni. Alcune delle nostre lotte più sconfortanti e logoranti spesso non sono nel campo di battaglia della vita ma fra la comunione dei fratelli. A volte i nostri stessi fratelli e sorelle ci scagliano contro delle accuse e sembrano trovare molto di cui lamentarsi. Ci aspettiamo cose simili dai nostri nemici, ma possiamo essere colti di sorpresa quando un nostro fratello ci accusa violentemente. 

Gedeone non era scoraggiato, distratto, né la sua fede venne meno; anzi, quando venne messo in discussione, rimase in battaglia! Mi piace quanto fece: “Che ho fatto io a vostro confronto?” (8:2). Gedeone stava dicendo ai suoi accusatori: “Cosa sono le mie vittorie rispetto alle vostre?” Invece di infuriarsi e di litigare con loro, Gedeone fece quello che aveva fatto Nehemia quando costruì le mura e i suoi nemici gli dissero: “Scendi qui. Dobbiamo discutere di quello che stai facendo”. Nehemia rispose ai suoi nemici: “Non ho tempo per discutere di quello che sto facendo; sono troppo impegnato a farlo” (vedi Nehemia 6:1-9). 

La Bibbia dice che Gedeone e i suoi 300 uomini “…arrivò quindi al Giordano e lo passò…benché stanchi, essi continuavano a inseguire il nemico” (Giudici 8:4). Gedeone decise di tornare alla guerra contro il nemico. Attraversò il fiume e si reintrodusse nella battaglia alla quale Dio l’aveva chiamato. Quando vivi la missione che Dio ti ha chiamato a compiere; quando non ti lasci scoraggiare o dissuadere da quello che ti dicono gli altri; quando si tratta della tua santa ambizione a fare quello che Dio ti ha chiamato a fare, questo diventa la tua vittoria.

Rimani concentrato sulla tua battaglia, resta concentrato sulla tua chiamata, e Dio ti darà la vittoria!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Il Povero giovane ricco
    In Devotional
    di Henry G. Bosch  –  “Ma egli se andò dolente…”  Marco 10:22   –   Alcuni anni fa un pastore andò a far visita ad un uomo ricco che era in fin di vita. Dopo avergli parlato delle cose dell’anima, gli domandò se poteva prendergli la mano per la preghiera. L’uomo disse di no e chiuse pugno sotto la coperta. Poco dopo spirò senza dare la certezza che la sua anima fosse salvata. Quando più tardi furono rimosse le coperte, gli si trovò nella mano rattrappita la chiavetta della sua cassetta di sicurezza. Ancora una volta era vero: l’amore al denaro rende l’uomo cieco. Abbiamo un classico e ugualmente tragico esempio della [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Terry Peretti – Gli ultimi tempi
    Domenica 11 Novembre 2012 […]
  • SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA
    9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci”. Questa frase mi viene continua mente in mente e mi chiedo: quali doveri dovrebbe avere Dio verso un popolo che riesce a commettere in un solo giorno più peccati di quelli che venivano commessi a Sodoma e Gomorra in un anno intero? Pensiamo inoltre al grande privilegio che abbiamo di sentir predicare l’Evangelo già da molti secoli, mentre invece gli abitanti di Sodoma non […]
  • Le Condizioni del Discepolato
    di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, come ha sempre fatto, non le folle apatiche che lo seguono senza un piano, ma uomini e donne la cui imperitura fedeltà proviene dall’aver riconosciuto che Egli vuole degli individui preparati a seguire il sentiero della rinunzia di se stessi, che Egli ha percorso prima di essi. Soltanto una resa incondizionata può essere una risposta degna al Suo sacrificio sul Calvario. Un amore tanto grande, […]
  • PAROLE E FATTI
    Ogni cristiano deve desiderare ardentemente l’approvazione di Dio e per conseguirla deve essere risolutamente disposto a rinunciare alla purtroppo ambita approvazione umana. Se questo sano desiderio non giganteggia nel cuore, la vita del fedele sarà sempre un susseguirsi di mezze misure o di compromessi che ostacoleranno ogni progresso spirituale e ogni conquista cristiana. […]
  • Comunione o Comunella?
    di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri. […]
  • COS’E’ LA NUOVA NASCITA?
    “Gesù gli rispose: “In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio”…  “Non ti meravigliare se ti ho detto: “Bisogna che nasciate di nuovo ” (Giovanni 3: 3-7). “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna… Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio” (Giovanni 3:16- 18). “Dovete nascere di nuovo”   –     Ci sono tre ragioni per parlarvi di questo soggetto. La prima, per il bene di quelli che hanno bisogno di sapere cosa vuol ire nascere di nuovo; la seconda, per il bene di quelli che già lo sanno, ma hanno bisogno di aver sempre rinfrescate le idee, così […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti