Meditazione del giorno: IL GOVERNO DI DIO

di F.B. Meyer   – “Venga il Tuo Regno”. (Luca 11:2)  –   In una delle sue Epistole, l’apostolo Paolo ci dice che l’ora viene in cui il Figlio consegnerà a Dio il Regno. Che l’ora viene quando il Padre abolirà ogni regola, ogni autorità ed ogni potere. Da ciò possiamo dedurre che in origine il Regno era del Padre e che a causa del peccato dell’uomo e della sua caduta era stato tolto al Suo controllo. Il Signor Gesù si fece uomo con l’unico scopo di ridare il Regno a Dio attraverso la Sua agonia, il Suo sangue e le Sue lacrime; sebbene il Regno non sia ancora Suo, esso però è già stato acquistato. Dunque, quando preghiamo: “Padre, venga il Tuo Regno” stiamo chiedendo che la completa vittoria di Cristo possa presto arrivare; che Egli possa vincere sopra ogni meyerfbostacolo e nemico; che la verità possa regnare sovrana sopra ogni governo, arte e scienza; che il mercato possa essere libero dagli imbrogli e da frodi; che si estingua la tirannia e la corruzione venga svelata; che Egli possa mandare i Suoi Angeli per togliere via dal Suo Regno tutto ciò che lo offende e produce inquietudine; che vengano distrutti gli ultimi nemici e la morte. Ed infine che Dio dichiari l’inizio dell’età d’oro dal momento in cui tutti gli uomini lo conosceranno e ameranno, diventando dei figli ubbidienti.

Ci sono diverse definizioni in merito al Regno dei Cieli. Forse potremo definirlo come Monarchia Divina, anche se probabilmente è una definizione poco corretta. Ma quando ne carpiamo il significato, il Regno di Dio diventa per noi davvero importante, la chiave che apre ogni porta. Per credere che il Dio è il nostro Re, basta pensare ad esempio che Egli è il Dio che si muove a compassione per un uccellino  che cade dal suo nido, che è descritto nelle parabole della pecora smarrita e del figliol prodigo. Egli è il Re del mondo, il Re degli eserciti e di ogni cosa che fa parte della vita umana.

Non vorresti, in questo esatto momento, essere già sotto il governo del Re? Lascia che Egli governi i tuo cuore, affinché per mezzo del Suo Spirito tu lo possa amare di un amore puro e santo. Lascia che Egli governi la tua mente affinché nessun pensiero malvagio possa più mettere radici in essa. Lascia che egli sia a capo di ogni cosa, delle tue amicizie e dei tuoi affetti, dei tuoi affari, dei tuoi investimenti, del libro che stai leggendo e dei tuoi hobbyes. Ogni cosa deve essere fatta sotto il governo del Suo Regno, perché Egli non sarà Re affatto a meno che Egli sia il Re in tutto.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Affrontare i nemici
    In Devotional
    –   di Warren Wiersbe  –  leggi Salmo 21:8-13  –   Non ci piace avere dei nemici, né tanto meno vogliamo averne, ma a volte, averne o meno, non dipende da noi. Si può conoscere una persona sia dagli amici che dai nemici che ha o si crea. No, non possiamo evitare di farci dei nemici, ma possiamo invece fare qualcosa nel modo in cui li affrontiamo. Ed è proprio questo ciò di cui Davide parla in questo Salmo. In che modo affronti i tuoi nemici? Paolo dice, “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati“ (II Tim. 3:12). Molte persone sono nemiche della croce di Cristo, di conseguenza, [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Terry Peretti – Gli ultimi tempi
    Domenica 11 Novembre 2012 […]
  • INSEGNARE A PREGARE
    di E.M.Bounds –  Prima della Pentecoste gli Apostoli ed i discepoli di Gesù avevano solo un’idea generale circa la grande importanza della preghiera. Quando, però, vi fu la straordinaria manifestazione dello Spirito Santo, la preghiera fu elevata a quello stato di preminenza che tuttora occupa nella Chiesa cristiana. Oggi l’appello più urgente che lo Spirito Santo rivolge ai cristiani è come sempre l’appello alla preghiera. Infatti la crescita dei cristiani nella santità è legata alla preghiera e la loro opera di evangelizzazione dalla preghiera riceve il suo incremento. Dove sono, però, quei pastori, quegli evangelisti che possano insegnare ai cristiani di oggi a pregare? Generalmente solo le guide spirituali che pregano, hanno discepoli che pregano, e se sul pulpito […]
  • State andando troppo veloci
    di WILLIAM BOOTH  (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912)  –   Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa  da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo tutto quanto diciamo contro i mali del peccato, sui terrori del Giorno del Giudizio, e sulla dannazione dell’inferno, noi stessi non crediamo a queste cose, allora avrei potuto capire e sentirmi umiliato dalla  loro accusa. Se i nostri amici venissero a dirci: “Perché non andate più veloce? Guardate quanti milioni di persone muoiono nella nostra nazione e anche […]
  • NON SIAMO PROTESTANTI
    Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma. […]
  • FRUTTI DI PENITENZA
    GIUSEPPE MANAFO’ –  Matteo 3: 7-8  – Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? 8 Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Giovanni Battista, anche se visse una vita solitaria nel deserto, era divenuto popolare. Egli appari come un lampo con lo spirito del profeta Elia ed il deserto stesso non era più un posto solitario, perché moltitudini da Gerusalemme, dalla Giudea e dai paesi intorno al Giordano, accorrevano a lui. Molti venivano per udire un gran predicatore ma i loro cuori non furono toccati, e quindi non si convertirono. Forse essi furono attratti dalla corrente dell’opinione pubblica, perché come sempre, la folla attira la folla. Giovanni però non si […]
  • IL MIO AMICO E PADRE PERFETTO
    di Nicky Cruz  –  Ancora oggi sono un piccolo bimbo sofferente dentro di me, e Dio è ancora mio Padre. Ovunque vada, mi assicuro che cammini affianco a me, che mi tenga la mano e mi conduca. Quando inciampo e cado, Egli si protende verso me e mi rialza. Scuote la polvere dalle mie vesti, bacia le ferite e poi prosegue con me lungo il cammino. Quando faccio qualcosa di buono, Lo vedo sorridere, battere le mani, dimostrarmi il Suo sostegno. Quando faccio qualcosa di sbagliato, mi castiga e mi disciplina. Quando mi stanco e sono afflitto, Egli mi sostiene, invitandomi ad andare avanti e incoraggiandomi a non mollare. Quando ho paura, Egli prende la mia mano. Quando sono triste, Egli bacia il mio cuore. Guardo a Gesù per ricevere aiuto e guida in tutto ciò che faccio, e Lui non mi ha […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti