Meditazione del giorno: A Dio piace fare doni!

di  Theodore Epp  –   Non v’ingannate, fratelli miei carissimi; ogni cosa buona e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre degli astri luminosi presso il quale non c’è variazione né ombra di mutamento”. (Giacomo 1:16-17)    –    Giacomo non lascia intendere alcun dubbio riguardo al fatto che Dio sia il Donatore per eccellenza di tutto ciò che è buono. Giacomo però ci avverte, “Non v’ingannate”.  La parola greca che in Italiano è stata tradotta col verbo “ingannare” vuol dire esattamente “fuorviare” oppure “andare fuori rotta”. Questa parola era usata spesso per descrivere una nave che aveva dovuto deviare la sua rotta e che si trovava in serio pericolo.  Il “non v’ingannate” di Giacomo non si riferisce al commettere un errore di poco conto, ma ad un serio errore di giudizio che potrebbe causare risultati terribili e disastrosi.

Notate che Giacomo non dice “ogni grande dono” bensì “ogni dono buono” (v. 17). Non importa se si tratta di un dono grande o piccolo, ogni cosa che Dio ci dona è buona.

Spesso capita che una persona che si trova nella prova si chieda se ogni cosa che viene dalla mano di Dio sia buona, ma Giacomo ci fa capire che non dovremmo porci domande simili. Teniamo a mente che Giacomo si riferisce ai doni, ossia, cose che non si ottengono per merito ma solo per la Grazia di Dio, inoltre, tende a precisare che i doni di cui parla sono doni che “provengono dal cielo” (v. 17).

Vi è un forte contrasto tra le cose del cielo e le cose della terra: gli uomini sono facilmente presi dagli affari terreni e fortemente attratti dal desiderio per le cose che non durano. Non vivremo su questa terra per sempre, dunque, anche le nostre prove dovrebbero essere viste alla luce dell’eternità.

“La sua potenza divina ci ha donato tutto ciò che riguarda la vita e la pietà mediante la conoscenza di Colui che ci ha chiamati con la propria gloria e virtù. ” (2 Pietro 1:3).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Pieno di grazia e di verità
    In Devotional
    di C. H. Spurgeon   “… l’unigenito proceduto dal Padre, pieno di grazia e di verità” (Giovanni 1:14). Credente, TU puoi testimoniare personalmente che Cristo è l’unigenito del Padre, e il primogenito dai morti. Tu puoi dire: Egli ha fatto per me ciò che nessuno all’infuori di un Dio poteva fare. Egli ha vinto la mia caparbia volontà, ha sciolt o un cuore che era duro come diamante, ha frantumato porte di bronzo, e ha spezzato sbarre di ferro. Egli ha mutato il mio dolore in danza, e la mia desolazione in gioia; Egli ha condotto prigioniera la mia prigionìa, e ha fatto rallegrare il mio cuore di una gioia [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Meditazione del giorno: Crescita spirituale
    di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù dice: ““In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio”. Ma più tardi ai Suoi discepoli dirà: “In verità vi dico: se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Il progresso spirituale avviene passo dopo passo nella vita del cristiano.  Il […]
  • Certezze per il futuro: valiamo più di molti passeri!
    – di Agostino Masdea  –  “Due passeri non si vendono per un soldo? Eppure non ne cade uno solo in terra senza il volere del Padre vostro.  Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati.  Non temete dunque; voi valete più di molti passeri.” (Matteo 10:29-31) Viviamo in un mondo carico di sofferenza e di dolore; cosa si può fare? Possiamo rassegnarci, spaventarci, vivere nell’ansia del domani, oppure scegliere di confidare! Una cosa è certa: Dio siede sul Suo trono! E nulla può succedere se Dio non lo permette. Cosa ci circonda? Le notizie che arrivano ogni giorno ci rattristano e ci turbano? Dio è indifferente agli avvenimenti del mondo? La situazione gli è sfuggita di mano? No, affatto! Egli si prende cura anche di un passero! Così quando la […]
  • MEDITAZIONE DEL GIORNO: SEMI DI PERDONO
     by Nicky Cruz –   Vorrei che voi poteste sperimentare il miracolo che la nostra famiglia ha ricevuto. Vorrei che sentiste la differenza tra come viviamo adesso e come vivevamo durante i giorni della mia gioventù. Oggi io amo i miei fratelli e le mie sorelle con passione; non c’è nulla che preferirei fare se non stare insieme alla mia famiglia per ridere, parlare e piangere con loro. […]
  • SIGNORE, MANDA IL VENTO DI UNA NUOVA PENTECOSTE!
    Mercoledì 16 Mag, 2012 – dalla rubrica “Fire In My Bones” di  J. Lee Grady –  CHARISMA MAGAZINE. Dodici anni fa un uomo d’affari sudafricano, Graham Power, sentì Dio spingerlo ad organizzare un incontro di preghiera nella città di Cape Town. Circa 45 mila cristiani hanno risposto alla chiamata accalcandosi in uno stadio di rugby nel marzo 2001, per intercedere per la loro nazione. Quello fu l’inizio della Giornata Mondiale di Preghiera, un evento che probabilmente coinvolgerà milioni di cristiani in 220 nazioni, la Domenica di Pentecoste, il 27 maggio. […]
  • 10.000 REASONS for BLESS THE LORD
    Canto conosciuto in italiano per lo più con il titolo “Benedici il Signor”, ma la traduzione forse più corretta in italiano potrebbe essere “10.000 Ragioni per Benedire il Signore”. Ed  se guardiamo alla nostra vita ed a quello che Dio fa e ha fatto per noi, quante ragioni avremmo per ringraziare, lodare e adorare DIO? Non una, ma dieci, cent0, mille, diecimila e più ragioni. Ogni giorno benedire il Signore dovrebbe essere il nostro primo pensiero quando ci svegliamo ed il nostro ultimo pensiero quando ci addormentiamo. Perché è una grazia dell’Eterno che non siamo stati lasciati alla deriva , abbandonati nel peccato, e se affidiamo la nostra vita a Cristo Gesù, se rivolgiamo a Lui il nostro cuore, Egli opererà in modo straordinario, forse non sempre come noi desideriamo ma sempre secondo […]
  • I CONDUTTORI
    Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile condizione generale di fallibilità che accompagna ogni credente, e quindi ogni Conduttore, nel pellegrinaggio terrestre. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti