Meditazione del giorno: SPERA IN DIO

di G.H. Morrison  –  “Perché ti abbatti, anima mia? … Spera in Dio” Salmo 42:5    –    Il salmista qui non si sta rivolgendo a un pubblico. Egli sta parlando a sé stesso. “Perché ti abbatti, anima mia? Spera in Dio”. Questa è una delle abitudini dei santi, e si tratta di una abitudine altamente proficua. Significa che guardiamo francamente in faccia le cose che sono nascoste nelle tenebre. E di solito quando lo facciamo, con le paure e gli scoraggiamenti che ci assalgono, le cose non si dimostrano poi così tragiche come sembravano. Tutti noi sappiamo quanto, durante il silenzio notturno, il più piccolo dei rumori è capace di spaventarci. L’immaginazione si scatena nel buio. Ma sorridiamo quando, accesa la luce, scopriamo che il rumore dei passi era solo una porta cigolante e il bussare il fruscio di una tendina.
Allo stesso modo è con l’anima. Paure infondate sono le paure peggiori. Scoraggiamenti senza nome e indefiniti sono spesso gli scoraggiamenti più deprimenti. E molto spesso il trampolino di lancio verso una nuova tranquillità è semplicemente quello di affrontarli e trascinarli alla luce sfidandoli coraggiosamente a dichiararsi. Perché ti abbatti, anima mia? Vieni, anima mia, e rispondi a questa domanda! Stai qui e fatti esaminare. Spiega le tue ragioni. Perché ti abbatti? Molto spesso quando una persona fa questo, le cose si dimostrano essere meno tragiche di quelle che sembravano ed è a questo punto che l’anima comincia a scorgere i barlumi del mattino.
Ora, molte persone, quando leggono queste parole, possono interpretarle in modo errato. Esse le vedono come un richiamo a confidare: ma non è proprio questo il significato delle parole. Quando io confido in una persona, faccio più che sperare in essa. Quando spero, faccio meno che confidare. La speranza in Dio perciò è qualcosa di diverso da una confidanza debole e limitata. Si tratta di basare ogni speranza che arde dentro di noi su un profondo riconoscimento che Dio è. Fonda la tua speranza, qualsiasi essa sia (e ci sono migliaia e diversi tipi di speranze) sul riconoscere che Dio regna e che Dio, il Dio dell’intera Bibbia, un Padre infinitamente amorevole, ci è stato rivelato nel Signore Gesù. Se ciò è falso, se non esiste un tale Essere, allora le nostre speranze più care sono una farsa. Non abbiamo nulla su cui costruire se non sulla sabbia. Le nostre speranze possono crollare in qualsiasi momento. Ma se Dio è e noi siamo certi di questo, più certi di avere mani e piedi, allora c’è speranze per noi e per il mondo. Spera, anima mia perché c’è un Dio: questo è ciò che in realtà il salmista vuole dire. Spera, perché Egli regna. Spera, perché Egli siede sul trono. Spera, perché Egli si prende cura di te e ti ama; perché Egli si prende cura di tutto il mondo e ama il mondo. Poiché Egli ha amato così tanto il mondo da dare Gesù.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

La conversione di Phil Thatcher

A 18 anni ero entrato e uscito tre volte dal riformatorio e a 30 anni avevo passato più tempo in prigione di quanto ne avessi passato fuori. Tutto cominciò quando ero ragazzo. Sono cresciuto in campagna; mio padre era agricoltore e faceva anche il pastore evangelico. Io lo rispettavo e gli credevo. Mi diceva il che il mio vero Padre era in cielo e che mi stava sempre vicino …
Leggi Tutto

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siano molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane» (1 Corinzi 10:16-17). L’Apostolo Paolo sentì la necessità di chiarire ai Corinzi il significato della Cela del Signore, che era, oltre al battesimo, l’unico …
Leggi Tutto

TIMORE E TREMORE

di David Wilkerson  –  I profeti ci avvertono che quando vediamo Dio scuotere le nazioni, e quando avvengono dei periodi pericolosi, il nostro uomo naturale ha molta paura. Ezechiele si chiedeva: “Potrà reggere il tuo cuore o potranno rimanere forti le tue mani nei giorni in cui agirò contro di te?” (Ezechiele 22:14).  Quando Dio avvertì Noè dei giudizi imminenti e gli disse di costruire un’arca, Noè fu …
Leggi Tutto

LA FATALE RISPOSTA DI DIO

di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse …
Leggi Tutto

IL MISTERO E IL MINISTERO DELLA PREGHIERA

di Roberto Bracco   –   Quante volte il Signore Gesù ha esortato i suoi discepoli alla preghiera? Perché la preghiera ha occupato un posto così importante nella vita e negli ammaestramenti del figliuolo di Dio? Vi siete mai posto queste domande? Ogni cristiano dovrebbe porsele e rispondere ad esse e, così facendo, si accorgerebbe di non essere perfettamente fedele al volere divino, nella pratica della preghiera …
Leggi Tutto

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  –  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte… per fede Noè fabbricò un’Arca per la salvezza della sua famiglia… per fede Abrahamo, essendo chiamato, ubbidì, per andarsene al luogo che egli aveva da ricevere in eredità» (Ebrei 11-4, 8). Ci è solo una via per appropriarci dei …
Leggi Tutto

IL POTENTE MI HA FATTO GRANDI COSE

di Agostino Masdea   –   E Maria disse: »L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore, perché egli ha avuto riguardo alla bassezza della sua serva, poiché ecco d’ora in poi tutte le generazioni mi proclameranno beata, perché il Potente mi ha fatto cose grandi, e Santo è il suo nome! (Luca 1: 46-49) Sono parole meravigliose. Se queste parole non fossero state riportate mancherebbe alla …
Leggi Tutto

RISVEGLIO ARTIFICIALE

 di ROBERTO BRACCO  –  ” hai nome di vivere, eppure sei morto… (Apocalisse 3:1)    –   Quante volte nel corso dei secoli le severe parole pronunziate dallo Spirito per la Chiesa di Sardi, hanno riacquistato il loro sapore di attualità, proprio applicate a quei movimenti che hanno spento il fuoco di Dio.     Hai nome di vivere! Puoi avere un credo fondamentalista, una disciplina rigorosa, un’attività ecclesiastica ed …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti