MEDITAZIONE DEL GIORNO: “Un uomo secondo il cuore di Dio”

di LANCE LAMBERT   –  “L’Eterno si è cercato un uomo secondo il suo cuore”. (1 Samuele 13:14)    –   Questo era Davide. Un uomo secondo il cuore di Dio è una persona che, a prescindere da quanto sia povera o giovane, ha la sua esperienza diretta e personale con il Signore Gesù. E’ una persona che ha una esperienza e rivelazione personale del Signore; non ne ha una di seconda mano. Guarda i Salmi di Davide: abbiamo in tutta la Parola di Dio un’innologia o salmodia che somigli a quella di Davide? Il mio problema più grande è con i teologi liberali che tolgono tutto a tutti. Essi affermano che i Salmi non sono di Davide. Quando vedono il nome di Davide nei Salmi, asseriscono che non è lui. E come una stoffa rossa per un toro. Non capisco. Chi dà loro il diritto di dire che non sono di Davide? Se seguiamo la tradizione che si trova nella nostra Bibbia, troviamo un gran numero di Salmi che sono stati scritti da Davide. Sono stati scritti durante la sua vita, dalla sua gioventù alla sua vecchiaia, e in questi troviamo la più sorprendente rivelazione della sua esperienza. Quando ti trovi nei guai, c’è qualcuno che ti parla come Davide? Forse è perché sono ebreo, ma io trovo che Davide mi parli come nessun altro. Comprendo Davide. Leggo i Salmi quando mi trovo in momenti di difficoltà, e il Signore mi dà sempre qualcosa attraverso Davide.

Quest’uomo aveva una conoscenza veramente profonda del Signore. Davide imparò cose che i credenti sotto il nuovo patto sembrano non imparare. Imparò a pregare il Signore nei giorni bui. Imparò ad essere vittorioso mediante l’adorazione. Imparò come andare avanti per fede. Imparò che bisogna essere assoluta- mente sinceri quando si pecca e che bisogna chiamare il peccato per nome e affrontarlo nella sua bruttezza, chiedendo al Signore di rinnovare in noi un cuore puro. L’evidenza si trova tutta qui. La sua non era un’esperienza di seconda mano. Davide, pur avendo studiato la vita di Abramo, non scrisse questi Salmi basandosi sulla sua esperienza, e nemmeno studiò la vita di Mosè per poi, in un modo o nell’altro, basare tutto sulla sua esperienza. Certamente Davide citò Mosè e anche Abramo, ma è della sua esperienza personale con il Signore che ci parla.

Ecco qui un uomo secondo il cuore di Dio. Questo è il genere di carattere che arriva al trono. Non si tratta di un carattere che non è soggetto a cadute: non si tratta di un carattere che non ha passioni proprio come le abbiamo tu ed io. Non è un carattere che non può venire terribilmente irretito dal male, ma è un carattere che anela il Signore e che desidera qualcosa che viene dalla fonte originale, direttamente dal Signore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

I DONI DELLO SPIRITO

di Roberto Bracco  –  La Chiesa di Dio deve essere edificata dallo Spirito Santo, il quale opera attraverso la strumentalità umana, distribuendo i Suoi doni come vuole e quando vuole. Questa volontà dello Spirito non deve essere interpretata come una manifestazione capricciosa e disordinata, ma come un’azione sottoposta ad una legge superiore che sfugge, in gran parte, alla nostra ragione. Lo Spirito segue una legge ed adempie un …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

PREDICAZIONE DEL PASTORE AGOSTINO MASDEA nella Chiesa Bethel di Milano …
Leggi Tutto

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

cross-and-fire

di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato …
Leggi Tutto

UN’OPERA PER OGNI TEMPO, UN TEMPO PER OGNI OPERA!

di ROBERTO BRACCO   –   Come trascorri il tuo tempo? Le ore passano, volano, scompaiono, ma tu stai fermo o ti muovi?  Il tempo della nostra vita è breve, spaventevolmente breve ed anche quando lo impieghiamo tutto per lavorare nel campo di Dio, possiamo compiere soltanto un piccolo lavoro. Quando poi lo lasciamo trascorrere senza utilizzarlo ci accorgiamo con rimpianto amarissimo che non abbiamo fatto «nulla» che rimanga …
Leggi Tutto

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti