Meditazione del giorno: Uomini scelti

di E. M. BOUNDS   –  Dio può operare meraviglie se può avere l’uomo adatto. Gli uomini possono operare meraviglie se possono lasciarsi guidare da Dio. L’investitura totale ad opera dello Spirito, che capovolse il mondo di allora, sarebbe di enorme utilità in questi tempi recenti. La Chiesa ha una necessità estrema di uomini che possano agitare potentemente le cose per Dio e le cui rivoluzioni cambiano l’intero aspetto delle cose. La Chiesa non è mai stata priva di questi uomini; essi ne adornano la storia; costituiscono il miracolo permanente della sua divinità; il loro esempio e la loro storia sono di costante ispirazione e benedizione. Dovremmo fare oggetto delle nostre preghiere un aumento del loro numero e potenza.  Ciò che è stato fatto in campo spirituale può ripetersi ed esser fatto anche meglio. Era questo il pensiero di Cristo. Egli disse: «In verità, in verità vi dico che chi crede in me farà anch’egli le opere che faccio io; e ne farà di maggiori, perché io me ne vado al Padre».

Il passato non ha esaurito le possibilità né la necessità di fare grandi cose per Dio. La chiesa che dipende dal suo passato storico per operare i suoi miracoli di potenza e di grazia è una chiesa decaduta.  Dio vuole uomini eletti,  uomini nei quali per mezzo di una severa crocifissione di se stessi siano stati annullati l’io ed il mondo, in maniera tanto completa da aver distrutto ogni speranza e desiderio di rinascita, uomini che a causa di questo fallimento e di questa crocifissione dell’io hanno rivolto a Dio dei cuori resi perfetti.

Preghiamo ardentemente perché le promesse fatte da Dio circa la risposta alle preghiere possano realizzarsi in forma più che completa.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: FRA LE BRACCIA TUE D’AMORE
    In Devotional
     by Claude Houde  –   (Claude Houde, pastore della Eglise Nouvelle Vie (Chiesa della Nuova Vita – Montreal, Canada)  –  Il mio ultimo ricordo del mio caro amico Pastore Bernard Sigouin qui sulla terra è un momento stupendo in cui stava in piedi con le mani alzate verso il cielo a cantare: Canto un semplice inno d’amore Al mio Salvatore, al mio Gesù. Sono grato per le cose che hai fatto. Mio amato Salvatore, mio prezioso Gesù.Il mio cuore è grato perché Tu mi hai chiamato a Te ed io sono Tuo. Non c’è posto in cui io vorrei stare che  Fra le braccia Tue d’amore, Fra le braccia Tue d’amore. Tienimi [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.
      di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città. Vidi sopra la porta un’iscrizione: “Benvenuto!” Ed entrai per ripararmi dalla pioggia senza sapere che cosa facessero lì dentro. Erano tutti in ginocchio e pregavano. Dopo un poco sentii un uomo (il fratello Junk, un predicatore) che recitava il capitolo 53 di Isaia in lingua ebraica. Una donna stava cantando in ebraico un inno  che gli ebrei usano cantare il […]
  • Terry Peretti – Gli ultimi tempi
    Domenica 11 Novembre 2012 […]
  • SEGUIRE GESÙ
    di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna cioè la pienezza della vita. Uno dei capi lo interrogò, dicendo: “Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?”. E Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio. Tu conosci i comandamenti: “Non commettere adulterio, non […]
  • RISVEGLIATI ….
    i) E’ un appello che lo Spirito rivolge oggi alla Chiesa. E’ un appello per questo tempo indirizzato a ogni singolo credente. E’ una necessità impellente per il popolo di Dio, ed è una esigenza improrogabile per la vita della chiesa. […]
  • TROVARE GRAZIA
    Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra di Moab a Bethlemme significa per Ruth il passaggio alla povertà e alla condizione di bisogno. Ma per questo non la vediamo triste e nostalgica della sua condizione precedente. Se nel capitolo 1 abbiamo visto in lei la figura del vero credente, di colui che ama il Signore, vediamo in questo capitolo la figura della Chiesa. La Chiesa, intesa non come comunemente si pensa, l’edificio nel quale si radunano i credenti, […]
  • E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)
    di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in senso biblico. Le parole di Gesù nel versetto citato ci ricordano che c’è una caratteristica che identifica un Suo seguace, un Suo discepolo,  cioè un vero cristiano: essere un testimone!   Un testimone di Gesù è un vero cristiano e un vero cristiano è un testimone di Gesù. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti