Meditazione del giorno: La fede del Figlio di Dio

di A.B. SIMPSON   –  «La fede del Figlio di Dio» (Galati 2:20)    –     La fede è ostacolata soprattutto da quella che noi chiamiamo “la nostra fede”. Si tratta di vane lotte per esercitare una fede che non è che una finzione e un tentativo disperato di confidare in Dio e che deve sempre rivelarsi insufficiente di fronte alle Sue grandi e gloriose promesse.
La verità è che la fede, all’altezza delle stupende promesse di Dio e degli innumerevoli bisogni della nostra vita, è solamente la “fede di Dio” stesso, una completa fiducia che sarà da Lui riversata nel cuore che Lo aspetta intelligentemente in quanto la sua potenza per credere, la sua potenza per amare, ubbidire o mettere in pratica qualsiasi altro esercizio della nuova vita.Sia benedetto il Suo nome! Egli non ci ha dato una catena che si estende all’interno di un singolo anello del nostro povero e debole cuore, anche se quest’ultimo anello è fatale per tutta la catena.
O meglio, l’ultimo anello, quello che unisce la parte umana, è divino quanto quello che unisce la catena della promessa nei cieli. “Abbiate la fede di Dio” è il Suo grande comandamento. “Io vivo per la fede del Figlio di Dio” è la testimonianza vittoriosa di colui che lo ha esperimentato.
Signore, insegnami ad avere la fede del Figlio di Dio.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Il Signore è il mio pastore
    In Devotional
    di David Wilkerson   –   Tutti quanti conosciamo il Salmo 23. Il suo messaggio di conforto è noto anche tra i non credenti. Questo salmo così rinomato è stato scritto dal Re Davide e il suo passaggio più famoso è contenuto nel verso d’apertura: “Il Signore è il mio pastore, nulla mi mancherà.” Davide sta dicendo “Il Signore mi guida, mi nutre e mi conduce, perciò non mi mancherà nulla”. In questo breve verso, Davide ci offre un altro aspetto del carattere e della natura di Dio. La traduzione ebraica letterale della prima parte di questo verso è Jehovah-Rohi che significa “Il Signore, mio pastore”. Related posts: SERMONI Pastore MASDEA [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • GEORGE MULLER: Salmo 23
      Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza. Per me tu imbandisci la tavola, sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo; la mia coppa trabocca. Certo, beni e bontà m’accompagneranno tutti i giorni della mia vita; e io abiterò nella casa del SIGNORE per lunghi giorni». Con l’aiuto del Signore, stasera il […]
  • EGLI NON SAPEVA…
    di E.K.Rusthoi  –  “Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29). Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un versetto negativo e triste. Il secondo è proprio l’opposto ed è un invito alla preghiera, positivo e pieno di letizia.  Che enorme differenza! Che grande contrasto! Sansone non sapeva che il Signore s’era allontanato da lui. Mosè non sapeva che il suo volto era raggiante poiché la sua pelle rifletteva la gloria del Signore. Uno di questi due uomini si era tanto […]
  • “CERCANO IL LORO PROPRIO” (Filippesi 2:2)
    di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in confronto all’infedeltà di tutti: l’evasione è la regola, la consacrazione è la eccezione!  Forse il triste fenomeno aveva un suo carattere locale ed una sua localizzazione storica, ma non per questo perde il suo allarmante aspetto o cessa dì esprimere una sua parola di ammonizione. L’infedeltà insidia ogni ministro e la fedeltà profonda è una meta […]
  • Ostacolo o benedizione?
    Si racconta di un re che pose una pesante pietra in mezzo alla strada maestra e si nascose per osservare chi l’avrebbe rimossa.  Persone di varie classi sociali passarono e raggirarono l’ostacolo, continuando il loro cammino, alcuni biasimando il re per non tener sgombra la strada maestra, ma tutti schivando il lavoro di rimuovere la pietra dalla strada. Finalmente un povero contadino, incamminato verso la città con il suo carico di verdura da vendere, passò e vista la pietra, pose a terra il suo fardello e rotolò la pietra nel fosso. Poi voltandosi scorse una borsa sul posto dov’era prima la pietra che la copriva. L’aprì e la trovò piena di monete d’oro, con un biglietto, firmato dal re, in cui era scritto che il denaro era destinato a colui che avrebbe preso l’iniziativa di […]
  • 10 errori che le persone fanno con l’Oroscopo:
    Velocissimo messaggio pensato per farti pensare …di MIKE CAMPAGNA . 1. Lo vedono come una cosa innocua. (Una cosa comune). 2. Non sanno di essere parte di un sistema globale dell’occulto condannato dalla Bibbia. (Deuteronomio 18:10-12) 3. Dimenticano che nessuno conosce il futuro, all’infuori di Dio. (Daniele 2:27-28) 4. Ignorano che gli oroscopi sono creati in modo generalizzato affinché chi legge possa determinare/concludere qualsiasi cosa. 5. Consultandolo dimostrano sfiducia verso Gesù Cristo, l’unico che può salvare. (Isaia 47:13-14) 6. Non si rendono conto degli spiriti malvagi che stanno dietro l’oroscopo. (1 Giovanni 4:1, 2 Corinzi 4:4) 7. Ignorano che consultare l’oroscopo rappresenta un affronto a Dio stesso. (Deuteronomio 18:12) 8. Non sanno […]
  • LA TUA PAROLA MI RISTORA
    – Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomini, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. Il poeta Samuel Coleridge notò: “Nella Bibbia vi sono più cose che mi riguardano, di quanto io non abbia mai trovato in altri libri.” “Signor maestro, posso avere questo libro?” chiese un piccolo bambino nello Zaire, “esso penetra nel mio cuore”. Queste sono tutte testimonianze della potenza, che è nella Parola di Dio, come anche viene rivelato in Ebrei 4:12, e in molti altri passi. La Parola di Dio è viva ed attiva. Essa non è un pesante manuale pieno di istruzioni, ma ha in sé la vita e porta beneficio. Il nostro Signore ci informa che: […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti