Meditazione del giorno: Abitudini spirituali

di A.B. Simpson    –   “Come dunque avete ricevuto Cristo Gesù, il Signore, così camminate in lui,” (Colossesi 2:6).     –      È molto più facile mantenere il fuoco acceso che a riaccenderlo dopo che si è spento. Cerchiamo di dimorare in Lui. Cerchiamo di non dover rimuovere le scorie e le ceneri dai nostri caminetti ogni giorno per accendere di nuovo la fiamma; ma cerchiamo di mantenerla viva e di non lasciarla mai spegnere. Tra gli antichi greci il fuoco sacro non doveva mai spegnersi, così, in un senso più elevato, dobbiamo tenere la celeste fiamma ardente sopra l’altare del nostro cuore.

Ci vuole molto meno impegno a mantenere una buona abitudine che formarla da capo. Una vera abitudine spirituale una volta formata diventa una tendenza spontanea del nostro essere, e in noi cresce un piacevole senso di libertà nel praticarla.

“Cerchiamo di non dover mai porre di nuovo il fondamento del ravvedimento dalle opere morte, ma camminiamo verso la perfezione; e se a questo ci siamo attenuti, andiamo avanti per la stessa regola, cercando di pensare le stesse cose.”

Ogni abitudine spirituale inizia con difficoltà, attenzione e fatica, ma se accuratamente lasciamo che si stabilisca, diventerà un canale attraverso il quale correnti di vita fluiranno con spontaneità divina e libertà.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • MEDITAZIONE DEL GIORNO: Cristiani Spirituali o Carnali?
    In Devotional
    di Theodore Epp  –   “Ora Lot, che viaggiava con Abramo, aveva anch’egli pecore, buoi e tende. Il paese non era sufficiente perché essi potessero abitarvi insieme, poiché il loro bestiame era numeroso ed essi non potevano stare insieme. Scoppiò una lite fra i pastori del bestiame di Abramo e i pastori del bestiame di Lot. I Cananei e i Ferezei abitavano a quel tempo nel paese. Allora Abramo disse a Lot: «Ti prego, non ci sia discordia tra me e te, né tra i miei pastori e i tuoi pastori, perché siamo fratelli! Tutto il paese non sta forse davanti a te? Ti prego, separati da me! Se tu vai a sinistra, io andrò a destra; se tu vai a [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • ABRAMO O LOT ?
    Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti i credenti. In seguito le cose cambiarono. Venne intatti il momento in cui Lot dovette prendere la sua decisione. Giunto al gran bivio sbagliò strada scegliendo secondo la sua propria via. Egli usci dal sentiero di Dio per entrare in quello dell’uomo naturale. Staccatosi cosi dalla marcia per fede di Abramo il credente, s’inoltrò in quella più comoda del mondo. Gesù […]
  • COME SPEZZARE LA NOSTRA RIBELLIONE:
    La risposta di CRISTO all’autorità secolare.  –  di Don Basham –  Ogni autorità viene da Dio, e Dio ci chiede di sottometterci. L’autorità viene espressa con delle limitazioni della nostra volontà: –          “Potrai mangiare da tutti gli alberi, fuorché da quello della conoscenza del bene e del male.” –          E quell’albero non era relegato in un angolo, ma si trovava in mezzo al giardino dell’Eden, per ricordare di continuo quella sottomissione. L’autorità cui Cristo ci chiede di sottometterci non è solo quella buona, che fa la Sua volontà, ma anche quella cattiva e ingiusta. –          Infatti, è proprio in questo tipo di sottomissione che in noi viene spezzata la nostra naturale […]
  • GRANDI INNI: HOW GREAT THOU ART – (Grande sei Tu)
    In origine questo famoso inno era una poesia. Composta da un predicatore svedese di nome  Carl Boberg, aveva per titolo  “O Store Gud  (O grande Dio)” e fu  pubblicata nel 1886.  Quando  Carl Boberg scrisse questa poesia mai avrebbe pensato che sarebbe diventato un inno.  Alcuni anni dopo, Boberg partecipando  a una riunione rimase sorpreso nel  sentire la sua poesia cantata sulle note di una vecchia melodia svedese. La melodia originale era diversa   dalla melodia attuale.   […]
  • Modestia, che la nostra luce risplenda!
    di Kim Cash Tate  –  Una domenica sera,  Ayesha Curry, moglie di Stephen Curry, campione di Basket NBA, stava sfogliando la rivista Style Weekly e poi mise un post su Tweeter che diceva: “Tutti indossano vestiti che mostrano quasi tutto il loro corpo scoperto. Non è il mio stile. A me piace tenere le parti belle del mio corpo coperte per colui che ha importanza per me”. Quelle parole provocarono un dibattito su Twitter relativamente alle virtù talvolta assenti che portano ad esporre il proprio corpo con vestiti poco coprenti. Qualcuno rispose chiedendo: “Cosa c’è di sbagliato nel non essere ben coperto?” Così, con poche parole, Ayesha Curry, una credente professante in Gesù Cristo, introdusse il concetto della modestia e dell’essere “sale e luce” nel flusso dei social. […]
  • LA GUARIGIONE DIVINA
    di DAVID PETTS  –  Uno dei maggiori aspetti dell’effusione dello Spirito Santo in questo secolo è che insieme alla fede nel Battesimo dello Spirito e nei doni dello Spirito vi è anche un risorgere di fede nella potenza e nella volontà di Dio per la Guarigione Divina. Molte sono state le benedizioni ricevute nella pratica della Guarigione Divina, ma sono stati molti anche i problemi e gli abusi sorti a riguardo. Perciò è di estrema importanza comprendere non solo che cosa crediamo circa la Guarigione Divina ma anche perché ci crediamo. Un giusto concetto della Guarigione Divina Come evidenza del fatto che la guarigione è un previlegio del popolo di Dio possiamo avvalerci della promessa divina in Esodo 15 :26. Israele fu tratto fuori d’Egitto per un atto soprannaturale di liberazione […]
  • Cristo nostra Roccia
    di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse parole usate in questi due passaggi, parole fondamentali che si riferiscono a due diverse azioni da compiere nei confronti della roccia. Sebbene entrambe le rocce parlassero di Cristo, Dio stava tentando di far comprendere, al Suo popolo ed a noi oggi, due cose diverse in merito alla Persona di Cristo Gesù. In Esodo 17 la roccia venne “percossa”, così come Cristo venne […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti