Meditazione del giorno: CRISTO NOSTRO AMICO

di F. B. Meyer    –    “Vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udito dal Padre mio. – Giovanni 15,15 .   –    Ho letto da qualche parte che quando Michelangelo era al culmine della sua fama, un ragazzo di nome Raffaello, destinato ad essere il suo degno successore – gli fu presentato come un promettente allievo. In un primo momento il ragazzo fu impiegato in semplici manzioni nello studio, pulire i pennelli, miscelare le vernici, ma man mano che sviluppava qualità di precisione, di puntualità, e di simpatia, gli furono affidate crescenti responsabilità, fino a quando il maestro fece di lui il suo amico e il suo confidente. In questo stesso modo noi veniamo a Cristo, in primo luogo, come redenti dalla schiavitù di Satana, per essere suoi servi, e quindi Egli ci chiama suoi amici.

Un amico si rivelerà tale. Tutto il mondo può pensare di conoscere un uomo famoso, ma dopo tutto, se egli mi chiama suo amico, mi aspetto di avvicinarmi a lui e sentire dalle sue proprie labbra notizie o informazioni confidenziali. Così è con il Signore Gesù. Egli si manifesta a coloro che lo amano, e mantiene la sua parola, con loro, non con il mondo.

Un amico coinvolgerà i suoi amici nelle sue imprese. E’ una gioia per Cristo, quando coloro che Egli ama possono condividere e prendere parte dei suoi progetti per la redenzione del mondo. Per noi, ovviamente, è un grande onore, ma è anche una grande gioia e un grande piacere per Lui, come lo è per qualche cara anima che ha il piacere di lavorare con un’altra anima gemella, a cui è legata. È meraviglioso che Gesù sia felice di avere noi come suoi compagni d’opera.

Un amico sarà interessato ai nostri fallimenti e ai nostri successi. Non è diverso con il Signore. Quando vede che qualche pericolo ci minaccia, non farà in nostro favore una speciale intercessione? Se falliamo, Egli ci viene incontro con lo stesso tenero affetto, non alienandosi da noi, ma solo fortemente dispiaciuto, pronto a farci notare la causa del nostro fallimento per incoraggiarci a provare di nuovo. Se resistiamo all’attacco, Egli ci viene incontro appena usciamo dalla lotta, contento per noi, e desideroso di ristorarci dalla stanchezza, attento a curare ogni ferita che possiamo aver ricevuto.

Questa è l’amicizia di Gesù. Lui è sempre lo stesso, il suo amore non tramonta mai, le sue manifestazioni non sono mai negligenti. Non vale forse la pena di fare tutto il possibile per osservare i Suoi comandamenti, in modo che il nostro abbandonarci completamente a Lui possa indurlo ad abbandonarsi completamente a noi?

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Sapienza reale
    In Devotional
    di Warren Wiersbe –   Salmo 111:1-10  –  Viviamo in un mondo in cui la conoscenza ha un posto di rilievo, ma non lo ha invece la sapienza. Coloro che vengono chiamati intelligenti fanno spesso cose stupide. Davide ci rivela il segreto della sapienza e della conoscenza nel Salmo 111. “Il timore dell’Eterno è il principio della sapienza, hanno grande sapienza quelli che mettono in pratica i suoi comandamenti; la sua lode dura in eterno” (v. 10). Ecco qui tre segreti di saggezza e per impararli non c’è bisogno di andare all’università. Temere Dio. “Il timore dell’Eterno è il principio della [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.
    di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è chi ha paura della malattia: ogni epidemia ed ogni sintomo di male sono causa di preoccupazioni. A qualcuno lo spettro della prematura morte di un parente stretto lo induce a pronosticare la sua propria morte prematura: così morirò anch’io. Altri al solo pensare d’essere […]
  • LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO
    di JIM CYMBALA  –  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così andai in un piccolo bar che mi piace a Long Island. Trovai un tavolo tranquillo contro il muro, ordinai la mia solita insalata e mentre gustavo il mio salutare pranzo iniziai a leggere. Sono abbonato al New York Times sul mio Kindle, e avevo già letto diverse storie quando un titolo attirò la mia attenzione: ‘L’odio avviluppa i cristiani in Pakistan’. A quel punto ero già alle prese con la mia insalata, ma posai la forchetta e lessi l’articolo: “I muri neri e grumosi della camera da letto della famiglia Hameed parlano di un crimine inenarrabile. Sette membri della famiglia sono morti qui sabato, sei di loro […]
  • Una promessa per oggi: I MIEI ANGELI SONO ACCAMPATI INTORNO A COLORO CHE MI TEMONO.
    Ci sono molti riferimenti nella Bibbia che parlano di angeli e del loro rapporto con il popolo di Dio. Nel Salmo 91:11 leggiamo che Dio comanda ai suoi angeli di prendersi cura di noi. In Ebrei 1:14 angeli sono chiamati “spiriti servitori” per ministrare coloro che sono “eredi della salvezza”. Nella promessa di oggi dal Salmo 34: 7, leggiamo che “l’Angelo del Signore si accampa intorno a coloro che lo temono e li libera”. Non so voi, ma io non penso agi angeli così spesso. So che sono reali e so che sono coinvolti nella nostra vita quotidiana. Ma ho scelto di concentrarmi su Gesù, autore e perfezionatore della mia salvezza e a crescere nel mio rapporto con il mio Padre celeste attraverso l’efficace ed attiva opera del suo Spirito. Ed oggi, voglio incoraggiarvi, che Dio ha mandato i suoi […]
  • Promessa per oggi: Io do buoni doni ai miei figli quando essi chiedono
    Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a quelli che gliele domandano! Matteo 7:11  –   In questa parte del sermone sul monte, Gesù incoraggia i suoi ascoltatori a non aver paura di chiedere a Dio ciò di cui hanno bisogno. Nei versetti precedenti, Gesù incoraggia le persone a continuare a chiedere, continuare a cercare e continuare a bussare. La promessa che Egli fa è che coloro che chiedono è che riceveranno, chi cerca troverà, e chi bussa sarà aperta la porta. In questa promessa particolare, Gesù associa il cuore dei padri terreni al cuore del suo Padre celeste. Nonostante siano peccatori, i padri terreni   sanno dare cose buone ai loro figli. Se è così, quanto più il Padre perfetto […]
  • DIFFERENZE TRA BIBBIA E CORANO
    CHE COS’È IL CORANO? Il Corano è un complesso di racconti su personaggi biblici e non, compresa una raccolta di insegnamenti morali, legislative e dogmatici insieme. Secondo la tradizione islamica per realizzare quest’opera, ci si doveva affidare alla memoria dei compagni di Maometto. Maometto nacque verso l’anno 580 nella penisola arabica in una regione nota come Hijaz, tra una popolazione che aveva perso l’idea dell’Unico Dio ed era dedita al politeismo e all’idolatria; figlio di una famiglia appartenente alla tribù dei Qurays – praticamente i signori della Mecca e i custodi della Kaaba – edificio che contiene la Pietra nera. Dopo il suo matrimonio, nel quale pare abbia trovato tranquillità economica, ci fu una svolta nella sua vita, da quel momento disgustato […]
  • 10 Errori che le persone fanno con Israele.
    di Mike Campagna 1. Cadere nella bugia che l’Olocausto non è mai avvenuto. 2. Pensare che Dio ha finito con Israele / lo ha abbandonato. (Romani 11:1-5) 3. Pensare che il suo popolo sarà salvato senza la fede in Gesù Cristo. (Efesini 2:8-9) 4. Non capire che Israele è l’orologio che segna la fine del mondo. (Matteo 24:32-33) 5. Ignorare che uno (l’Anticristo) […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti