Dio dimora con l’umile e il contrito

BobHoekstra

di  Bob Hoekstra    –    Poiché così dice l’Alto e l’Eccelso, che abita l’eternità, e il cui nome è “Santo”: «Io dimoro nel luogo alto e santo e anche con colui che è contrito e umile di spirito, per ravvivare lo spirito degli umili, per ravvivare lo spirito dei contriti. ” (Isaia 57:15)

Dio si compiace nel versare la Sua grazia nei cuori umili. “Dio … dà grazia agli umili” (Giacomo 4:6). Che notevole disposizione ciò comporta. Il Dio che dimora nei cieli, in alto, vuole anche abitare con gli umili qui sulla terra, in basso. Il nostro grande Dio, il Dio vivente e vero, è alto ed elevato. “Poiché così dice l’Alto e l’Eccelso”  Egli è esaltato. “Poiché tu, o Eterno, sei l’Altissimo su tutta la terra, tu sei grandemente esaltato al di sopra di tutti gli dèi.” (Salmo 97:9). Egli governa sopra ogni cosa, totalmente, sopra ogni valida autorità e sopra ogni falso dio. Inoltre, l’eternità è la Sua dimora legittima: “che abita l’eternità.” Inoltre, la santità è il suo carattere sostanziale: “il cui nome è Santo“. Tra tutte le potenze spirituali professate, o usurpate, nessuna è come il nostro Santo Signore. “Chi è pari a te fra gli dèi, o Eterno? Chi è pari a te, mirabile nella santità, maestoso nelle lodi, o operatore di prodigi?” (Esodo 15:11).

Alla luce del Suo santo ed eterno carattere, ne consegue che Egli avrebbe fatto questa dichiarazione: “Io dimoro nel luogo eccelso e santo.” Al di là dei cieli atmosferici, al di là dei cieli stellari, il Signore dimora nel cielo dei cieli. In questa dimensione spirituale, al di là del tempo e dello spazio, la pienezza della presenza del Signore è manifesta. Eppure, egli è ancora più grande di questo “terzo cielo”  stesso. “Il cielo è il mio trono e la terra è lo sgabello dei miei piedi… Ecco, i cieli e i cieli dei cieli non possono contenerti” (Isaia 66:1 e 1 Re 8:27).

Il Signore è Alto, Esaltato, Santo, ed Eterno. Queste verità ci  portano al timore e alla riverenza. Eppure, c’è una verità che è una logica conseguenza, che ci porta incoraggiamento e  speranza (anche se sembra quasi una contraddizione). “Io dimoro nel luogo alto e santo e anche con colui che è contrito e umile di spirito. ” Dio in sostanza dimora in alto, ma Egli desidera anche  abitare con l’uomo quaggiù. Chi è la persona che realizza l’abitare del Signore con lui? Questa  comunione con Dio è per colui che è contrito e umile. Il Signore vuole farsi conoscere nel cuore pentito e umile, per potergli dare vita spirituale: “per ravvivare lo spirito degli umili, per ravvivare lo spirito dei contriti”.

O Signore Dio, ti adoro come Altissimo, Elevato, Santo, ed Eterno. Ti esalto come Colui che è sopra tutto, prima di tutto, e che governa tutto. Ti lodo anche perché desideri abitare con me  qui sulla terra, in basso. Mi umilio davanti a Te, confessando il mio bisogno di rinnovamento spirituale, nel nome di Gesù, Amen.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

QUANDO DIO DISFA' IL TUO NIDO

di  Rex Humbard –  “Come un’aquila incita la sua nidiata, si libra sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende e li porta sulle sue penne, l’Eterno lo guidò da solo, e non c’era con lui alcun dio straniero” (Deut. 32:11,12). E’ facile avere fede quando tutto procede tranquillamente, ma cosa succede quando la strada comincia a farsi difficile? Proprio in questo momento può darsi che …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: INVOCAMI E TI ANNUNZIERÒ COSE GRANDI CHE TU NON CONOSCI.

Invocami e io ti risponderò, e ti annunzierò cose grandi e impenetrabili che tu non conosci. (Geremia 33:3) I bambini sono le persone più curiose del pianeta. Sono pieni di meraviglia su tutto l’ambiente che li circonda e in continuazione fanno domande ai genitori su cosa, dove, quando, perché, come, ecc. Mi piace notare l’interazione tra questi piccoli e i loro amorevoli genitori. Papà, perché il cielo è blu? Mamma, come mai …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

SCEGLIETE OGGI CHI VOLETE SERVIRE  (Giosuè 24) …
Leggi Tutto

COMUNIONE CON DIO

di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, …
Leggi Tutto

LA FEDE

di  William Macdonald  –  «Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono». – Non si può essere veri discepoli senza una fede nell’Iddio vivente che sia profonda e assoluta. Chi desidera compiere grandi imprese per il Signore deve prima avere implicita fiducia in Lui. «Tutti i giganti di Dio sono stati degli uomini deboli che hanno fatte grandi cose per …
Leggi Tutto

Crescita spirituale

di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù …
Leggi Tutto

Non siamo protestanti.

di ROBERTO BRACCO   –    –  Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma.     Il 19 aprile 1529 i Principi che avevano apertamente aderito al …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti