Sacrificio di Cristo

fb_meyer

di F.B. Meyer  –   In terra solitaria.  (Levitico 16:22)       –      Questo capitolo è pieno di riferimenti al sacrificio di Cristo Gesù i quali sono esposti attraverso i diversi sacrifici che possiamo leggere fin dal primo verso del capitolo. Pensiamo ad esempio al capro vivo che venne portato via nel deserto. In esso notiamo che:

Cristo divenne peccato – Con entrambe le mani Aaronne (prima simbologia), trasferì tutte le iniquità, i peccati e le trasgressioni del popolo alla testa del capro, che caricandosi di tutto il peccato d’Israele diventò un animale impuro. Esso divenne talmente impuro che anche colui che lo portò via dovette lavare se stesso ed i suoi vestiti. Questo è ciò che intende l’apostolo quando dice che Gesù divenne peccato per noi. I nostri peccati furono trasferiti su di Lui, Egli stava lì davanti a Dio portandoli su di sé come se fossero Suoi.

Cristo porta via il peccato – Mentre il capro si allontanava, gli occhi del popolo lo potevano ben vedere. Il peccato, dunque, non veniva più imputato ad Israele. Aaronne si tolse le vesti di lino per indossare i paramenti della festa e iniziare il processo di espiazione. Possiamo immaginare la gioia che il popolo provò in quel momento! Così Gesù, nella sua incommensurabile grazia, ha portato via il peccato del mondo dimenticandosi completamente di esso. “E non mi ricorderò più dei loro peccati e delle loro iniquità”.

La solitudine di Cristo Gesù – Egli era solo durante la Sua opera di mediazione, nessuno poteva prendere il Suo posto. Presto o tardi avremmo sofferto anche noi le pene del martirio e della morte se Gesù Cristo non si fosse immolato per tutti noi. Nessuno avrebbe potuto fare ciò che fece il nostro Salvatore per redimerci dal peccato. Oh, quanto era solo! Anche il Padre Celeste sembrava che lo avesse abbandonato! Davanti all’universo intero, in quell’ora  atroce, il Salvatore versava in uno stato di tremenda, inevitabile solitudine!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

L'AMORE È BENIGNO

di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo …
Leggi Tutto

PICCOLI CRISTIANI E CRISTIANI

di Roberto Bracco.   –   Qualche volta riferendoci ad alcuni ser­vitori di Dio del passato o del presente, diciamo: «Essi sono, o sono stati gran­di cristiani». Questa frase contiene un errore: non ci sono «grandi cristiani», perché chi è veramente cristiano, senza l’aggiunta di aggettivi, ha raggiun­to il massimo della grandezza consentita ad un uomo finito. Non ci sono «grandi cristiani», ma solo «cristiani» e «piccoli cristiani ». I …
Leggi Tutto

L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.

di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è …
Leggi Tutto

DIOTREFE

Chi era Diotrefe? Etimologicamente il suo nome significa «nutrito dall’Eterno » e se tale nome era stato scelto dopo la conversione, come è da supporsi, dobbiamo dedurne che in origine questo fedele doveva manifestare le caratteristiche della consacrazione. Nelle scritture facciamo la conoscenza di questo poco noto cristiano leggendo la terza breve epistola di S. Giovanni, in cui si parla di lui in termini poco lusinghieri; viene presentato …
Leggi Tutto

ABRAMO O LOT ?

Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ

di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la …
Leggi Tutto

QUELL’UOMO PUOI ESSERE TU

 di ROBERTO BRACCO   –   Il mondo non ha ancora veduto quello che Dio può fare per un uomo, in un uomo, attraverso un uomo! Un uomo che sappia consacrare se stesso fino al punto di dipendere soltanto da Dio, da desiderare soltanto la gloria di Dio, da cercare esclusivamente l’approvazione di Dio può realizzare tutta la potenza necessaria per sorprendere e sconvolgere il mondo. Le testimonianze che sono …
Leggi Tutto

POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti