Meditazione del giorno: LA DISCIPLINA DELLA DIFFICOLTÀ

di OSWALD CHAMBERS  –  “Nel mondo avrete tribolazione ma fatevi animo; io ho vinto il mondo”  (Giovanni 16: 33.)   –   In generale si crede che vita cristiana significhi liberazione da ciò che causa afflizione; si tratta invece di liberazione nelle afflizioni, il che è cosa ben diversa. «Chi dimora nel ritiro dell’Altissimo… male alcuno non lo coglierà», cioè nessuna calamità (piaga) si accosterà al luogo in cui tu sei insieme con Dio. Se sei figlio di Dio, certamente ti imbatterai in difficoltà ed afflizioni, ma Gesù ti dice di non sorprendertene. «Nel mondo avrete tribolazioni; ma fatevi coraggio; Io ho vinto il mondo, non dovete temere più nulla.» Molte persone che prima della conversione avrebbero disdegnato di parlare di cose spiacevoli, disgrazie o calamità, dopo che sono nati di nuovo fissano spesso il loro pensiero sulle afflizioni a causa di un concetto errato di ciò che significa essere «santo».

Il Signore non ci dà una vita vittoriosa; ci dà la vita a misura che conseguiamo la vittoria. Lo sforzo che facciamo, quella è la forza. Se non c’è sforzo non c’è forza. Stai forse chiedendo a Dio di darti vita, libertà e gioia? Non potrà dartela, a meno che tu non accetti lo sforzo. Appena sarai pronto ad affrontarlo, otterrai la forza. Vinci la timidezza e fai il primo passo, e Dio ti darà da mangiare i frutti dell’albero della vita e ne sarai nutrito. Il dispendio delle energie fisiche porta alla spossatezza, allo stremo; ma il dispendio delle energie spirituali ci accresce la forza. Dio non ci dà la forza per domani, o per la prossima ora, ma soltanto per lo sforzo che stiamo facendo sul momento, mentre invece noi abbiamo la tentazione di voler affrontare e superare le difficoltà partendo dal punto prospettico del buon senso umano. Il cristiano colpito dalle difficoltà può anche giubilare perché vede quanto sarebbe assurdo pensare di poterle superare e vincere, se non fosse Dio a farlo.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Solo Dio.
    In Devotional
    di A. B. Simpson  –  Di cos’altro abbiamo bisogno? Cos’altro Dio sta tentando di farci capire? La religione della Bibbia è un qualcosa di completamente soprannaturale. L’unica fonte della nostra fede è sempre stato e sarà l’Iddio vivente e Lui solo. I figli d’Israele dipendevano completamente da Dio durante la traversata del deserto. I nemici del popolo d’Israele, invece, temevano il loro Dio perché riconoscevano che Israele aveva un Dio sovrano al quale gridare e la cui presenza rendeva vana ogni loro forza. Related posts: Meditazione del giorno: MA DIO! Meditazione del giorno: Dio mio, Dio mio, [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • CROCIFISSI CON CRISTO
    di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo si considerava il più piccolo di tutti i santi. Gesù confermò il fatto che l’uomo è fondamentalmente incapace di evitare il male, dicendo: »Senza di me non potete far nulla« (Giovanni 15:5). Così, anche se la Scrittura ci presenta delle persone sul cui conto non si può dir che del bene, bisogna subito considerare che esse non hanno fatto altro che accettare umilmente la forza […]
  • GIUSTO IN TEMPO!
    di OSWALD J. SMITH  –  Al principio del mio ministerio, ebbi una esperienza che mi fece rendere conto, in una maniera come non mi era mai accaduto prima, della serietà della mia chiamata. Accadde all’improvviso e posso ancora ricordare la chiamata telefonica che mi fece alzare dalla mia indifferenza e correre al capezzale di uno dei miei parrocchiani. – Potreste venire a vedere una donna inferma? – E’’ urgente? –  Si, molto ; può darsi che non viva fino a domattina. – Va bene, verrò subito. E riappesi il ricevitore. Attraverso le strade della città, raggiunsi in breve il luogo e fui introdotto nella camera dell’ammalata. Una donna con una espressione di profondo sconforto dipinta sul volto mi […]
  • QUESTO E’ IL TEMPO
    – di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12) Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo. Questo è il tempo, per i figli di Dio di mostrare alla gente il Cristo vivente. Questo è il tempo, di tenere alti i valori biblici riguardo la morale, la famiglia,  e dimostrare che il bisogno fondamentale dell’uomo è conoscere Dio, non diventare ricco; riconciliarsi con il Suo creatore, e non calpestare e infrangere le Sue leggi. Salmo 119:126 –  “E’ tempo che tu operi o […]
  • DIO PUO’ FARLO ANCORA
    di  Jonathan Goforth   –  La stessa potenza che discese sui discepoli durante la Pentecoste, può discendere oggi nella tua chiesa.  Una volta un missionario mi disse che egli avrebbe desiderato dar vita ad un risveglio, ma che non gli era possibile ottenere l’aiuto di un evangelista perché la sua missione era molto fuori mano. Come se lo Spirito di Dio operi soltanto per pochi selezionati! Queste false idee sono molto diffuse in qualsiasi parte del mondo. Le vere idee, al riguardo, sono quelle di Finney e di Moody.   C.G. Finney riteneva che ogni cristiano potesse contribuire a far nascere un risveglio. D.L. Moody riteneva che la Pentecoste fosse un modello a cui ognuno potesse rifarsi. In Verità Ci Vuole Un Po’ Di Tempo. Ogni gruppo di cristiani può essere oggetto della discesa […]
  • LA SHEKINAH MANCANTE
    “Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di […]
  • Noi sappiamo…Se sapete queste cose, siete beati se le fate… (Giovanni 13:17)
      Noi siamo fra coloro che vogliono essere ignoranti. Chiudiamo gli occhi per non vedere e serriamo le orecchie per non udire. Non è vero che non conosciamo, non è vero che siamo privi di rivelazione. La volontà di Dio ci è stata rivelata e noi sappiamo quello che dobbiamo fare, ma cerchiamo di dimenticare quello che sappiamo e di ignorare quello che conosciamo. La povertà spirituale che ci opprime e gli insuccessi che ci accompagnano sono i risultati logici della nostra ignoranza volontaria; noi sappiamo bene che una consacrazione più perfetta ed una vita di preghiera più costante ci libererebbero da queste tristi circostanze, ma proseguiamo ugualmente la nostra strada di povertà come se ignorassimo la causa della nostra miseria. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti