Meditazione del giorno: Sete di Dio

di  J.C. Philpot   –   Poiché io spanderò delle acque sul suolo assetato.” Isaia 44:3   –   Sete, in senso spirituale, intesa come un bisogno dell’anima è indicativo della vita spirituale. Ѐ spiritualmente impossibile, infatti, che un uomo morto nel peccato possa comprendere il significato del termine “dissetarsi” presso l’Iddio vivente, al pari di un cadavere che tenta di bere acqua fresca da una sorgente. Io in prima persona non avevo mai avuto sete di Dio fino a quando il Signore stesso decise di spronare la mia anima a vivere una vita spirituale. Il mio orecchio aveva sentito parlare di Dio, lo avevo visto nella creazione, nel cielo stellato, nel frastuono delle onde, nel pullulare della terra; Avevo letto di Lui nella Bibbia, avevo imparato molto della Sua vita attraverso l’istruzione e la tradizione ed avevo timore della Sua santità dentro di me.  Ma dentro di me non sentivo la sete di Dio, né un serio desiderio di temerlo, conoscerlo, credere in Lui o amarlo. Amavo il mondo così tanto da non badare a Colui che lo creò, amavo me stesso così intensamente che poco m’importava di riguardare a Colui che offerse se stesso per me sulla croce.

Dunque, sono convinto che un uomo cominci a vivere in Dio e possa realmente capire il significato della sensazione di “sete” solo attraverso una rigenerazione spirituale così come espresso dal Salmista quando gridava, “Come la cerva agogna i rivi delle acque, così l’anima mia agogna te, o Dio. L’anima mia è assetata di Dio, dell’Iddio vivente” (Salmi 42:1, 2). Ora, dal momento in cui Dio mette in noi questa sete spirituale, certamente comincia anche a soddisfarla (ma ai giusti è concesso quel che desiderano – Prov. 10:24. L’invito di Dio è, O voi tutti che siete assetati, venite alle acque” (Isaia 55:1); e Gesù stesso dice, Se alcuno ha sete, venga a me e beva” (Giov. 7:37). Anzi, Egli iniziò il Suo ministerio parlando proprio di quanto stiamo considerando oggi, Beati quelli che sono affamati ed assetati della giustizia, perché essi saranno saziati”.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Ubbidienza più che sacrificio
    In Devotional
    di JR Miller  –  “L’ubbidienza vale più del sacrificio.” (1 Samuele 15:22) – Molte persone danno più peso ai rituali religiosi, che sull’obbedienza pratica. Saranno fedeli sempre presenti nei servizi di chiesa, devoti e riverenti nel culto, eppure nella loro vita quotidiana, essi ignorano i semplici comandamenti di Dio! Riempiono la loro settimana di egoismo, orgoglio, amarezza, e maldicenza, e poi vanno in chiesa la Domenica, con grande mostra di devozione e di impegno nell’adorazione. Ma ciò che Dio desidera prima che la nostra adorazione sia accettevole, è che osserviamo ciò che Egli ci comanda. [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE
    «Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siano molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane» (1 Corinzi 10:16-17). L’Apostolo Paolo sentì la necessità di chiarire ai Corinzi il significato della Cela del Signore, che era, oltre al battesimo, l’unico atto simbolico della Chiesa Cristiana primitiva. La stessa necessità ii sente oggi quando si passa, nell’ambito generale della Cristianità — cioè nell’ambito di coloro che si professano cristiani, pur senza necessariamente esserlo di fatto — dal sacramentalismo cattolico-romano, che fa di questa celebrazione un atto quasi magico e dei suoi ministri una […]
  • L’AMORE È BENIGNO
    di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo è meravigliosamente illustrato nella storia del Buon Samaritano scritta al capitolo 10 del Vangelo di S. Luca. Un uomo è stato depredato, ferito e lasciato mezzo morto sulla via dai ladri. Un sacerdote ed un levita gli sono passati vicino e senza dubbio hanno inteso compassione per lui, ma non hanno fatto nulla per sollevarlo dal suo stato. Il buon samaritano ha avuto un’attitudine […]
  • I TRE ALBERI
    Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? diventare una mangiatoia da cui? potessero mangiare delle bestie stanche? dopo una lunga giornata di lavoro. Dio? ricompens? la sua modestia. Da lui? venne ricavata una speciale mangiatoia,? e cio? quella in cui venne posto pi? tardi? il neonato Figlio di Dio. Vide angeli vegliare sul bambino, ascolt? Maria cantare delle ninne nanne e i magi e i? […]
  • La libertà cristiana
    di John MacArthur   – “Fratelli, voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un’occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell’amore servite gli uni agli altri”(Gal. 5:13).  Una delle mie gioie come pastore è quella di insegnare alle persone la Parola di Dio e spiegare le sue implicazioni nelle loro vite.  Tra i dubbi che la gente esprime, non figurano domande su se sia sbagliato mentire, truffare, rubare, uccidere, comemttere adulterio, o concupire. Né mi viene chiesto se i Cristiani dovrebbero leggere la Bibbia, pregare, o parlare agli altri della salvezza in Gesù Cristo. La Bibbia infatti è molto chiara su tutti questi punti. C’è, però, una serie di domande che si trova in un’area che potremmo definire […]
  • VENGA IL TUO REGNO
    di M.R. De Haan  –  Per oltre 1900 i Cristiani hanno continuato a pregare questa preghiera che Gesù aveva insegnato ai suoi discepoli: “Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà in cielo come in terra.” (Matteo 6,10)  –  Questa preghiera non è stata ancora esaudita, nessuno può affermare infatti che si sia, o che ci sia mai stata, pace sulla terra. Anche se consideriamo questa richiesta da un punto di vista puramente spirituale, non possiamo certo affermare che la volontà di Dio sia fatta su questa terra, così come è in cielo. Ciò che vediamo attorno a noi è esattamente il contrario. Ci sono guerre dappertutto e in nessuna epoca c’è mai stato così poco rispetto per le cose di Dio come ai nostri giorni. Eppure sappiamo che questa preghiera verrà esaudita e che […]
  • ALLATTA IL BAMBINO E AVRAI IL TUO SALARIO
    “Porta via questo bambino… allattalo, e io ti darò il tuo salario” (Esodo 2:9). Jokebed non si rendeva completamente conto del significato della sua fede quando affidava il suo piccolo al Signore, deponendolo dentro una cesta e nascondendolo nel canneto sulla riva del Nilo. Ella non pensava neppure che stava dando un bellissimo esempio a favore di milioni di bambini che, come Mosè, sarebbero stati usati da Dio per le Sue grandi opere. Molte madri, dal tempo di Jokebed a noi, sanno bene di […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti