Meditazione del giorno: LA CHIESA CHIESA

di A.W. TOZER  –   La chiesa dovrebbe essere un sana vigna feconda che porta onore a Cristo, una chiesa secondo il cuore di Cristo per cui Egli possa guardare al travaglio della Sua anima ed essere soddisfatto. Tra le persone dovrebbe esserci una bella semplicità e un amore cristiano radioso e quindi dovrebbe essere impossibile trovare pettegoli e chiacchieroni. Ci dovrebbe essere un sentimento di umile riverenza e un’atmosfera di gioiosa informalità, dove ognuno stimi gli altri più di se stesso, dove tutti sono disposti a servire, ma nessuno sgomita per servire. Un candore infantile senza doppiezza o disonestà dovrebbe caratterizzare la chiesa, e la presenza di Cristo dovrebbe essere avvertita, e la fragranza delle Sue vesti profumare per la Sua amata. Le preghiere dovrebbero essere regolarmente esaudite da non pensarci più. Sarebbe normale, perché Dio è Dio, e noi siamo il Suo popolo. E i miracoli, quando necessario, non dovrebbero essere una cosa rara. È irragionevole e non auspicabile, alla luce della Scrittura, aspettarsi questo da una chiesa? . . . E’ impossibile? C’è qualcosa di impossibile con Dio? C’è qualcosa di impossibile lì dove c’è il Signore Gesù Cristo? E’ ciò non scritturale? No! L’unica cosa che non  è scritturale di questa visione è che non ha raggiunto ancora lo standard della Scrittura. Gli standard  scritturali sono ancora elevati.

Se tu puoi dire: “No, non è irragionevole, non è indesiderabile e nemmeno impossibile”, allora tu stai dicendo di credere in questo. Se credi in questo, se desideri diventare la chiesa che potrebbe dare inizio a  questa riforma, a questo cambiamento verso il meglio, questa riconquista dell’antica potenza di Dio nelle anime delle persone, allora ci deve essere una radicale rottura psicologica con il predominante modo religioso di pensare .

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Un esercito menomato contro i Cananei
    In Devotional
    di George H. Warnock  –   Consideriamo la seconda generazione di Israele, dopo l’Esodo. Dio prese un popolo non esperto nell’arte della guerra, in una terra che era abitata da potenti nemici, per cacciare questi nemici. Ma benché Israele fosse così debole, Dio avrebbe indebolito la nazione ancora di più: non mentre erano sulla riva orientale del Giordano in relativa sicurezza, ma dopo che lo ebbero attraversato, e si accamparono di fronte a Gerico, Dio ordinò che tutti i giovani nella nazione fossero circoncisi. E tutti insieme. Così le armate di Israele, deboli com’erano, furono per un tempo completamente inabili e [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO
    di JIM CYMBALA  –  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così andai in un piccolo bar che mi piace a Long Island. Trovai un tavolo tranquillo contro il muro, ordinai la mia solita insalata e mentre gustavo il mio salutare pranzo iniziai a leggere. Sono abbonato al New York Times sul mio Kindle, e avevo già letto diverse storie quando un titolo attirò la mia attenzione: ‘L’odio avviluppa i cristiani in Pakistan’. A quel punto ero già alle prese con la mia insalata, ma posai la forchetta e lessi l’articolo: “I muri neri e grumosi della camera da letto della famiglia Hameed parlano di un crimine inenarrabile. Sette membri della famiglia sono morti qui sabato, sei di loro […]
  • CRESCERE NELLA GRAZIA
     di AGOSTINO MASDEA  –   L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla vigilanza sui tentativi del nemico di sedurre i figli di Dio con dottrine che Pietro definisce “errori degli empi” egli conclude la sua breve lettera raccomandando:  “Crescete nella grazia e nella conoscenza…” . Tutta l’opera della salvezza è basata sulla grazia. Siamo salvati per grazia, mediante la fede, e questo è il dono di Dio. Quindi non […]
  • COS’E’ LA NUOVA NASCITA?
    “Gesù gli rispose: “In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio”…  “Non ti meravigliare se ti ho detto: “Bisogna che nasciate di nuovo ” (Giovanni 3: 3-7). “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna… Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio” (Giovanni 3:16- 18). “Dovete nascere di nuovo”   –     Ci sono tre ragioni per parlarvi di questo soggetto. La prima, per il bene di quelli che hanno bisogno di sapere cosa vuol ire nascere di nuovo; la seconda, per il bene di quelli che già lo sanno, ma hanno bisogno di aver sempre rinfrescate le idee, così […]
  • “CERCANO IL LORO PROPRIO” (Filippesi 2:2)
    di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in confronto all’infedeltà di tutti: l’evasione è la regola, la consacrazione è la eccezione!  Forse il triste fenomeno aveva un suo carattere locale ed una sua localizzazione storica, ma non per questo perde il suo allarmante aspetto o cessa dì esprimere una sua parola di ammonizione. L’infedeltà insidia ogni ministro e la fedeltà profonda è una meta […]
  • PAROLE E FATTI
    Ogni cristiano deve desiderare ardentemente l’approvazione di Dio e per conseguirla deve essere risolutamente disposto a rinunciare alla purtroppo ambita approvazione umana. Se questo sano desiderio non giganteggia nel cuore, la vita del fedele sarà sempre un susseguirsi di mezze misure o di compromessi che ostacoleranno ogni progresso spirituale e ogni conquista cristiana. […]
  • Grandi servitori di Dio: Oswald J. Smith
    Il Dr. Oswald J. Smith è nato in una fattoria nella periferia di Odessa, Ontario, l’ 8 novembre 1889. Suo padre era un operatore del telegrafo, e per questo ha trascorso la sua infanzia nelle stazioni ferroviarie. Il tempo trascorso a Mount Albert, Ontario, una piccola e tranquilla cittadina, dove solitamente viveva per brevi periodi, non l’ha mai  dimenticato. Dopo essere diventato famoso, vi tornò a meditare e godere del suo rurale paesaggio.   Nel 1906, una grande campagna evangelistica fu condotta dall’allora famoso evangelista Dr. RA Torrey in Massey Hall, Toronto. Anche se Oswald non era mai stato prima di allora in una campagna evangelistica, ne fu attratto. Durante quella campagna si convertitì. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti