Meditazione del giorno: “I tuoi peccati ti sono rimessi”

di GIOVANNI ROSTAGNO  –   Gesù disse al paralitico: “Figliuolo, sta’ dì buon animo, i tuoi peccati ti sono rimessi”. Matteo 9:2.  –  Ve l’immaginate lo stupore del paralitico e dei suoi amici? Avevano domandato a Gesù una grazia ed egli ne concede loro un’altra; avevano domandato a Gesù una grazia temporale, ed egli ne concede una spirituale; avevano domandato a Gesù la guarigione del corpo, ed egli concede all’infermo quella dell’anima.
Ciò vuol dire che nel Vangelo ed in Cristo dobbiamo cercare innanzi tutto i beni dello spirito. Gli altri hanno la loro importanza e possono diventare oggetto delle nostre preghiere; ma alla religione e a Dio dobbiamo chiedere specialmente i beni spirituali. Anche se avessimo delle invidiabili energie intellettuali e fisiche, anche se fossimo esenti da qualsiasi infermità, anche se possedessimo delle colossali ricchezze, l’anima continuerebbe tuttavia a far salire al cielo il suo grido… Anzi, quel grido si farebbe più acuto; poiché nei beni temporali, l’anima trova assai più delusione che non appagamento. L’anima ha bisogno d’essere consolata, fortificata, rigenerata, perdonata ; e noi dobbiamo prima di tutto domandare al Signore una risposta a quelle aspirazioni supreme.
D’altronde i beni spirituali chiesti con fede ci saranno sempre concessi ; non sempre gli altri. Vi sono nel mondo c in noi le inevitabili conseguenze del peccato; vi sono il male fisico, la sofferenza, la morte; vi sono, e non è possibile che non vi siano.
Quello che dobbiamo chiedere soprattutto è la forza, la rassegnazione, la speranza, la pace, e il dono di glorificare Dio nelle nostre prove. Non domandiamo a Dio di allontanare da noi ogni dolore: il dolore ha sempre accompagnato il peccato, e finché ci sarà peccato ci sarà dolore: è giusto. Ma domandiamo a Dio di concederci il senso del dolore, l’innalzamento dell’anima nel dolore, un’intelligenza più profonda di quel che sia la missione del dolore, e la felicità nella certezza che in Paradiso, dove non vi sarà più il peccato, non vi sarà più il dolore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: NON SIATE ANSIOSI, IO MI PRENDERÒ CURA DI VOI

Matteo 6: 25-26  –  Perciò io vi dico: Non siate con ansietà solleciti per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di che vi vestirete. La vita non vale più del cibo e il corpo più del vestito? Osservate gli uccelli del cielo: essi non seminano, non mietono e non raccolgono in granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non …
Leggi Tutto

POTENZA DALL’ALTO

Ed ecco, io mando su di voi la promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città di Gerusalemme, finché siate rivestiti di potenza dall’alto.    LUCA 24: 49 –  Ma voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea, in Samaria e fino all’estremità della terra”.    ATTI 1: 8  –    Nel momento in cui siamo stati salvati abbiamo ricevuto …
Leggi Tutto

NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua …
Leggi Tutto

10 Errori che le persone fanno con Israele.

di Mike Campagna 1. Cadere nella bugia che l’Olocausto non è mai avvenuto. 2. Pensare che Dio ha finito con Israele / lo ha abbandonato. (Romani 11:1-5) 3. Pensare che il suo popolo sarà salvato senza la fede in Gesù Cristo. (Efesini 2:8-9) 4. Non capire che Israele è l’orologio che segna la fine del mondo. (Matteo 24:32-33) 5. Ignorare che uno (l’Anticristo) …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

INSEGNARE A PREGARE

di E.M.Bounds –  Prima della Pentecoste gli Apostoli ed i discepoli di Gesù avevano solo un’idea generale circa la grande importanza della preghiera. Quando, però, vi fu la straordinaria manifestazione dello Spirito Santo, la preghiera fu elevata a quello stato di preminenza che tuttora occupa nella Chiesa cristiana. Oggi l’appello più urgente che lo Spirito Santo rivolge ai cristiani è come sempre l’appello alla preghiera. Infatti la crescita …
Leggi Tutto

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Il mio amore per te durerà per sempre

Da tempi lontani il SIGNORE mi è apparso. “Sì, io ti amo di un amore eterno; perciò ti prolungo la mia bontà. Geremia 31:3 Che cosa significa che Dio ci ama con un amore eterno? Un mio caro amico una volta mi disse che essere amato di un amore eterno significa che non c’è mai stato un momento in tutta l’eternità in cui non sono stato amato. Ero …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti