La nostra comunione è col Padre.

di Roberto Bracco  –  E la nostra comunione è col Padre.   1 Giovanni 1:3

La religione è oggi intesa, più che nel passato, come semplice astrazione intellettuale. La teologia si è trasformata in anatomia e tutti i circoli religiosi in laboratori dove si sezionano le “verità” gli “enunciati”,  i“concetti”.

Tutti parlano, tutti discutono, tutti si animano per esprimere i risultati delle loro autopsie, delle loro analisi, delle loro ricerche. Dio viene presentato vivo, morto, attuale, superato; Cristo viene dichiarato umano, divino, storico, mitico; la trinità, la salvezza, il cielo.. .cento altre dottrine, dopo essere state vivisezionate, vengono illustrate secondo i concetti delle più diverse scuole di pensiero in antitesi, in sintesi..

Idee, parole, concetti, dogmi, enunciati.. .ma tutto e sempre nelle sfere del vago, della teoria. Se ci avviciniamo alla religione nelle sue pratiche troviamo un cambiamento di forma, ma non di sostanza: cerimonie, liturgia, paramenti simbolici, ma tutto privo della sensibile presenza di Dio.

La “comunione”col Padre invece è non solo la nostra disponibilità al pensiero religioso e al sentimento religioso, ma anche o soprattutto, la realizzazione di quelle realtà celesti che dobbiamo, per usare le parole dell’apostolo, “ vedere, udire, contemplare, toccare con le mani…”

Se comunione vuoi dire, come ci suggerisce la radice etimologica, avere le “ cose in comune” è chiaro che noi la esperimentiamo, nella nostra relazione con Dio quando offriamo noi stessi, ma anche quando il Padre ci offre in maniera sensibile le cose che sono proprie della Sua persona e del Suo Regno.

 Dio si vuoi far sentire” anzi ci sia consentita un’espressione audace ma sentimentale Dio si vuol far godere”.

Soltanto quando l’esperienza della comunione è autentica i cristiani trovano anche vera comunione tra loro e uniti comunione col cielo. Far parte di una medesima associazione o di una medesima comunità non rappresenta, in se stesso, indice di incontro e relazione spirituale perché le membra del corpo di Cristo formano un vero organismo spirituale soltanto quando sono realmente unite al capo che dà vita.

Parlare della “sensibile”ed inconfondibile presenza di Dio nel credente e nella chiesa, diventa sempre più difficile nel nostro mondo, ma tu ricordati: il Padre vuole avere comunione con te.  Non fare mai di Dio un concetto; cerca e vivi sempre la Sua presenza.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

BALSAMO DI GALAAD

 di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che …
Leggi Tutto

Giornata di preghiera PER LA NAZIONE

DOMENICA 14 APRILE 2013  –  PAUL SCHAFER: PREGHIERA PER LA NAZIONE …
Leggi Tutto

Che devo fare?

di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Io sarò la tua sicurezza e un luogo di rifugio per i tuoi figli. 

Nel timore dell’Eterno c’è una grande sicurezza, e i suoi figli avranno un luogo di rifugio. (Proverbi 14:26)   –   La persona che adora il Signore ha la fiducia che Dio sarà un luogo sicuro per lui e un luogo di rifugio per i suoi figli. Dio è la nostra fortezza sicura. Le Sue mura sono impenetrabili.  Siamo sicuri e protetti nel centro del Suo cuore. Questa è una buona notizia per noi, …
Leggi Tutto

IL POTENTE MI HA FATTO GRANDI COSE

di Agostino Masdea   –   E Maria disse: »L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore, perché egli ha avuto riguardo alla bassezza della sua serva, poiché ecco d’ora in poi tutte le generazioni mi proclameranno beata, perché il Potente mi ha fatto cose grandi, e Santo è il suo nome! (Luca 1: 46-49) Sono parole meravigliose. Se queste parole non fossero state riportate mancherebbe alla …
Leggi Tutto

Da una vita di sesso, droga, suicidio, ad attivista in favore della vita: Come Dio mi ha riscosso dalle tenebre

Febbraio 10, 2014  –   LA STORIA DI MEAGAN WEBER  –  Tra la prima e la seconda gravidanza qualcosa è successo nella vita di Meagan Weber.  “Credevo  nel mantra “il corpo è mio e lo gestisco io”; facevo uso di droghe e vivevo «completamente immersa nella promiscuità», ma poi qualcosa accadde nel mio cuore”.   Meagan Weber oggi è impegnata nella lotta contro l’aborto negli Stati Uniti e …
Leggi Tutto

FUOCO SPIRITUALE

Samuel Chadwick  –  ” Il nostro Dio è un fuoco consumante”. Il simbolo scelto della Sua presenza è il fuoco acceso sulla terra, e il segno preferito della Sua approvazione è la fiamma che consuma il sacrificio. Patto e sacrificio, santuario e consacrazione, erano santificati ed approvati con la discesa del fuoco celeste. “Dio che risponde per mezzo della fiamma di fuoco; Lui è Dio!” Gesù è venuto …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti