La nostra comunione è col Padre.

di Roberto Bracco  –  E la nostra comunione è col Padre.   1 Giovanni 1:3

La religione è oggi intesa, più che nel passato, come semplice astrazione intellettuale. La teologia si è trasformata in anatomia e tutti i circoli religiosi in laboratori dove si sezionano le “verità” gli “enunciati”,  i“concetti”.

Tutti parlano, tutti discutono, tutti si animano per esprimere i risultati delle loro autopsie, delle loro analisi, delle loro ricerche. Dio viene presentato vivo, morto, attuale, superato; Cristo viene dichiarato umano, divino, storico, mitico; la trinità, la salvezza, il cielo.. .cento altre dottrine, dopo essere state vivisezionate, vengono illustrate secondo i concetti delle più diverse scuole di pensiero in antitesi, in sintesi..

Idee, parole, concetti, dogmi, enunciati.. .ma tutto e sempre nelle sfere del vago, della teoria. Se ci avviciniamo alla religione nelle sue pratiche troviamo un cambiamento di forma, ma non di sostanza: cerimonie, liturgia, paramenti simbolici, ma tutto privo della sensibile presenza di Dio.

La “comunione”col Padre invece è non solo la nostra disponibilità al pensiero religioso e al sentimento religioso, ma anche o soprattutto, la realizzazione di quelle realtà celesti che dobbiamo, per usare le parole dell’apostolo, “ vedere, udire, contemplare, toccare con le mani…”

Se comunione vuoi dire, come ci suggerisce la radice etimologica, avere le “ cose in comune” è chiaro che noi la esperimentiamo, nella nostra relazione con Dio quando offriamo noi stessi, ma anche quando il Padre ci offre in maniera sensibile le cose che sono proprie della Sua persona e del Suo Regno.

 Dio si vuoi far sentire” anzi ci sia consentita un’espressione audace ma sentimentale Dio si vuol far godere”.

Soltanto quando l’esperienza della comunione è autentica i cristiani trovano anche vera comunione tra loro e uniti comunione col cielo. Far parte di una medesima associazione o di una medesima comunità non rappresenta, in se stesso, indice di incontro e relazione spirituale perché le membra del corpo di Cristo formano un vero organismo spirituale soltanto quando sono realmente unite al capo che dà vita.

Parlare della “sensibile”ed inconfondibile presenza di Dio nel credente e nella chiesa, diventa sempre più difficile nel nostro mondo, ma tu ricordati: il Padre vuole avere comunione con te.  Non fare mai di Dio un concetto; cerca e vivi sempre la Sua presenza.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SETTE PASSI PER TROVARE DIO

di William Booth  –  Lo scritto How to find God di William Booth, fondatore dell’Esercito della Salvezza, presenta la visione di un uomo che per tutta la vita ha amato Dio profondamente. Booth ha amato, oltre Dio, anche gli altri, continuando ad adoperarsi affinché quanti, vivendo nelle tenebre, nella difficoltà e nel peccato, e che avevano bisogno di conoscere Dio, potessero incontrarLo personalmente. Anche oggi per chiunque è possibile nutrire il santo desiderio …
Leggi Tutto

C'E' SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?

di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica. Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… …
Leggi Tutto

Manda la tua luce e la tua verità

di  Wilhelm Busch   –   Manda la tua luce e la tua verità; mi guidino esse e mi conducano al tuo santo monte e al luogo della tua dimora. (Salmo 43:3)  –   Se leggete l’intero salmo vi renderete conto che il salmista dice continuamente: “Non c’è la faccio più! Non vedo alcuna via d’uscita!” E questo 3000 anni fa. Quanto spesso sento proprio questa frase: “Non c’è la faccio più! …
Leggi Tutto

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

10.000 REASONS for BLESS THE LORD

Canto conosciuto in italiano per lo più con il titolo “Benedici il Signor”, ma la traduzione forse più corretta in italiano potrebbe essere “10.000 Ragioni per Benedire il Signore”. Ed  se guardiamo alla nostra vita ed a quello che Dio fa e ha fatto per noi, quante ragioni avremmo per ringraziare, lodare e adorare DIO? Non una, ma dieci, cent0, mille, diecimila e più ragioni. Ogni giorno benedire il Signore …
Leggi Tutto

Sermone: RESA INCONDIZIONATA

“RESA INCONDIZIONATA”  …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti