Meditazione del giorno: Una seconda opportunità.

di MAX LUCADO – E’ così breve da non notarlo. Solo due parole. So che ho letto quel passaggio un centinaio di volte. Ma non ci ho mai fatto caso. E non voglio perderlo di nuovo. E’ così l’ho evidenziato in giallo e sottolineato in rosso. Potreste anche voi fare lo stesso. Guardate in Marco, capitolo 16. Tenete la matita pronta e godetevi questo gioiello nel verso sette (di questo che si tratta). Il versetto recita così: “Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro che Egli vi precede in Galilea. L’avete notato? Leggetelo di nuovo. (Questa volta ho messo le parole in corsivo.) “Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro che Egli vi precede in Galilea.”

Ora ditemi se questo non è un tesoro nascosto. Se posso parafrasare le parole: “Non state qui, ma andate a dire ai discepoli,” una pausa, poi un sorriso, soprattutto ditelo a Pietro, che Egli vi precede in Galilea.”

E’ come se tutto il cielo aveva visto la caduta di Pietro ed è come se tutto il cielo lo voglia aiutare a rialzarsi. “Assicuratevi di dire a Pietro che non è rimasto fuori. Ditegli che una caduta non è un fallimento.”

Wow! Non c’è da stupirsi se lo chiamano il Vangelo della seconda opportunità.

Chi è addentrato in queste cose dice che il Vangelo di Marco è l’insieme delle note trascritte e il dettato dei pensieri di Pietro. Se questo è vero, allora fu lo stesso Pietro ad inserire queste due parole! E se queste sono davvero le sue parole, non posso fare a meno di immaginare che il vecchio pescatore ebbe un groppo alla gola e dovette trattenere una lacrima quando arrivò a questo punto della storia.

Non capita tutti i giorni che si ottiene una seconda possibilità. Pietro lo sapeva. La volta successiva che vide Gesù, era così eccitato che ha appena indossato i suoi calzoni prima di gettarsi nelle acque fredde del mare di Galilea. E’ questo è bastato, così dicono, a determinare questo Galileo a portare il Vangelo della seconda possibilità nei luoghi più remoti. Se vi siete mai chiesti cosa potrebbe portare un uomo ad essere disposto alla crocefissione a testa in giù, forse ora lo sapete.

Non capita tutti i giorni di trovare qualcuno che vi dia una seconda possibilità, tanto meno qualcuno che vi dia una seconda possibilità ogni giorno.

Ma in Gesù, Pietro le ha trovato entrambe.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • La Chiesa vivente rivela la Persona vivente.
    In Devotional
    By G. Campbell Morgan  –   “… la chiesa del Dio vivente, colonna e sostegno della verità.” (1 Tim. 3:15).   La Chiesa di Dio, senza la persona di Cristo è una struttura inutile. Per quanto elaborata possa essere nella sua organizzazione, per quanto possa essere perfetta in tutte le sue disposizioni, per quanto ricca e fiorente nei suoi beni, se la Chiesa non sta rivelando la Persona, (Cristo) innalzandolo  all’altezza dove tutti possono vederlo, allora la Chiesa diventa una insolenza e una mistificazione, una bestemmia e una frode, e prima il mondo si libera di lei, meglio è. La Chiesa, a parte lo splendore [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA
    Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua superiorità sopra ogni altra persona, realtà o cosa. Comincia col dirci che Dio ha parlato a noi tramite Suo Figlio, perciò dobbiamo ascoltare attentamente le Sue parole per non sviarci, e finire fuori strada. Il concetto espresso dal grande interrogativo del verso tre, lo troviamo anche in Ebrei 12:25. Guardate di non rifiutare colui che parla, […]
  • BIOGRAFIE: GEORGE MULLER
    George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo la camera ecclesiastica nella Chiesa di Stato Luterana era una prospettiva sicura e piuttosto confortevole, con l’incentivo aggiunto di una grande casa, provveduta ai pastori per poter sistemare la propria famiglia, e di un considerevole rispetto da parte dell’intera comunità. Non stupisce affatto, quindi, che la prevalente condizione spirituale della […]
  • BEATI I MORTI…
    di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre alla memoria o al culto dei morti. Non sappiamo se la scelta è stata ispirata dal fatto che il mese di novembre sembra essere il più triste fra i mesi dell’anno, ma sappiamo comunque, che l’ unione dell’elemento naturale a quello liturgico genera un sentimento di mestizia che pervade l’intera società umana. […]
  • Terry Peretti – Gli ultimi tempi
    Domenica 11 Novembre 2012 […]
  • Manda la tua luce e la tua verità
    di  Wilhelm Busch   –   Manda la tua luce e la tua verità; mi guidino esse e mi conducano al tuo santo monte e al luogo della tua dimora. (Salmo 43:3)  –   Se leggete l’intero salmo vi renderete conto che il salmista dice continuamente: “Non c’è la faccio più! Non vedo alcuna via d’uscita!” E questo 3000 anni fa. Quanto spesso sento proprio questa frase: “Non c’è la faccio più! Non vedo alcuna via d’uscita!” Sono persone che hanno difficoltà nel matrimonio, giovani in lotta con se stessi che sono aggravati dalle limitazioni della loro vita. Pure loro dicono: ”Non c’è la faccio più!”. Questa frase la sento dire da coloro che vivono in circostanze difficili – per esempio, famiglie numerose che abitano in appartamenti troppo piccoli. Essi si lamentano: “Non c’è la faccio […]
  • Una promessa per oggi: Il mio amore è sparso nel tuo cuore per mezzo del mio Spirito
    L’amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. Romani 5:5  –   La foto della promessa di oggi è stata scattata a Niagara Falls. Visto che ho la fortuna di vivere a 15 miglia da questa grande meraviglia della natura, è facile per me andare lì ogni volta che lo desidero. L’immensa quantità di acqua che forma sia la American Falls che la Horseshoe Falls è assolutamente incredibile. Giorno e notte, l’acqua continua a riversarsi dalla cima di questo precipizio, sbattendo sulle rocce sottostanti. Semplicemente non finisce mai. Ecco perché ho scelto questa foto: per illustrare la promessa che Dio continua a versare il suo amore nei nostri cuori per lo Spirito Santo che Egli ci ha dato. Il suo amore per noi è un fiume impetuoso […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti