Meditazione del giorno: Signore, questa parabola la dici per noi?

di Roberto Bracco   –   “Signore, questa parabola la dici per noi?”  (LUCA 12: 41)

Nella domanda di Pietro troviamo l’ idea di molti ministri che credono che il messaggio, del quale sono essi stessi interpreti, non costituisce mai un messaggio individuale per la loro vita. Essi non si sentono mai affrontati individualmente dalle parole di Gesù e perciò finiscono col cadere in un cristianesimo teorico che presenta un netto contrasto fra quanto affermano e quanto manifestano nelle loro opere. Non vogliamo allargare eccessivamente l’argomento e perciò ci limiteremo a poche righe relative al soggetto della parabola di Gesù. La parabola ha il suo «verso chiave» nelle parole: «Beati, quei servitori, i quali il Signore troverà vegliando» (v. 37). E‘ una, delle tante parabole neotestamentarie che ammaestra ed esorta intorno al vegliare. Vegliare equivale a vivere in comunione con Dio, vivere in preghiera davanti a Dio.

Non mancano sermoni, articoli ed esortazioni su questo importantissimo argomento spirituale, ma ciò che manca è una pratica sincera, profonda, sentita. In altre parole, possiamo dire che oggi ci sono una moltitudine di teorici capaci di parlare della preghiera e della comunione con Dio, ma non ci sono altrettanti credenti, e soprattutto altrettanti ministri, che fanno della preghiera esercizio costante della loro vita cristiana. E’ doloroso assistere allo spettacolo di tanti «dispensatori» o come diciamo comunemente, di tanti fratelli principali che sono sempre pronti a parlare, discutere, e sono sempre pronti a predicare o compiere altre attività ecclesiastiche, ma non sono mai disposti a passare un’ ora in preghiera davanti a Dio. Sembra quasi di sentir ripetere le parole di Pietro: «Signore, dici tu…?».

— Ma, Signore, non vedi come siamo occupati? Non vedi che noi non abbiamo tanto bisogno di pregare? siamo esperti e sufficienti per compiere ogni cosa! — Naturalmente, di fronte alle comunità il linguaggio di questi «dispensatori» cambia e voi li sentirete ripetere cento volte: Fratelli, vegliate e pregate! Essi, purtroppo, non realizzano che la loro teoria, oltre ad impedire la benedizione nella loro vita, non riesce ormai a convincere più nessuno. Oggi sono necessari uomini di azione nel senso vero di questo termine e per un cristiano è azione non la sua azione, ma la volontà di Dio nella sua vita. Ogni credente è esortato dalla Scrittura a vegliare, ma in maniera particolare ogni ministro, che esorta la comunità a vegliare, è chiamato a vivere in comunione con Dio ed in preghiera davanti a Dio.

Il credente, che ha ricevuto l’esortazione alla preghiera, deve sempre trovare il ministro alla riunione di preghiera. Il membro di chiesa che è chiamato a riconoscere l’autorità degli anziani deve essere aiutato in questo suo dovere dall’ esempio degli anziani stessi. Nessun «dispensatore» deve chiedere ingenuamente : «Signore, dici a noi..?» Essere dispensatore per dispensare soltanto parole è troppo povera cosa; e perciò dobbiamo ambire di dispensare i frutti della potenza di Dio. Vegliare! Deve essere il motto e la divisa di ogni ministro, perché ogni ministro può vegliare, deve vegliare. Non esistono occupazioni profane o sacre; non esistono scuse più o meno legittime, che esonerano un «dispensatore» dal passare del tempo in preghiera ed in intima comunione con Dio; anzi, non crediamo di essere audaci nell’affermare che il servizio senza la preghiera non può essere il risultato della guida di Dio e, quindi, a coloro che trascurano la preghiera a causa del servizio, noi diciamo: Meno servizio e più preghiera!

Fratello, che sei stato chiamato ad essere operaio nel campo di Dio, come puoi vivere senza vegliare? Come puoi vivere senza pregare? Non ti accorgi che la tua vita è arida e che quello che si manifesta in te è soltanto un cristianesimo in teoria? Non ti accorgi che sei continuamente seguito dagli sguardi dubbiosi di un popolo che non è convinto del tuo lavoro? Non ripetere: Signore, dici a me? Ma convinciti che il messaggio ti riguarda personalmente e che proprio oggi Gesù ti ripete: VEGLIA, VEGLIA e PREGA

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

USO E ABUSO DELLA LINGUA. (Quello che esce dalla bocca fa vedere quello che è nel cuore)

di DEREK PRINCE   –    La Bibbia ha molto da dire sull’uso della lingua, sulle labbra, sulla bocca, sulle parole e sul linguaggio. Dio ha creato l’uomo secondo la Sua propria immagine. Ha dato all’uomo la capacità di parlare e farsi comprendere, esprimendosi con parole e con frasi. Quando Dio diede all’uomo questa capacità, gli trasmise anche una parte della Sua autorità e della Sua creatività. E’ …
Leggi Tutto

POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri …
Leggi Tutto

ALLATTA IL BAMBINO E AVRAI IL TUO SALARIO

“Porta via questo bambino… allattalo, e io ti darò il tuo salario” (Esodo 2:9). Jokebed non si rendeva completamente conto del significato della sua fede quando affidava il suo piccolo al Signore, deponendolo dentro una cesta e nascondendolo nel canneto sulla riva del Nilo. Ella non pensava neppure che stava dando un bellissimo esempio a favore di milioni di bambini che, come Mosè, sarebbero stati usati da Dio …
Leggi Tutto

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

MOMENTI DI GLORIA

La storia di ERIC LIDDEL, medaglia d’oro nei 400 mt. piani alle Olimpiadi di Parigi, 1924. La Scozia amava questo ragazzo. Egli dimostrò sul campo proprio quel tipo di determinazione, vigore ed eccellente onestà che, sebbene poco dichiaratamente, gli Scozzesi amavano vedere in un connazionale. Il giorno della sua laurea gli fu posta sul capo la corona olimpica e fu presentato con un poema scritto in greco, con …
Leggi Tutto

OBBEDIRE A DIO

di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti