Meditazione del giorno: Signore, questa parabola la dici per noi?

di Roberto Bracco   –   “Signore, questa parabola la dici per noi?”  (LUCA 12: 41)

Nella domanda di Pietro troviamo l’ idea di molti ministri che credono che il messaggio, del quale sono essi stessi interpreti, non costituisce mai un messaggio individuale per la loro vita. Essi non si sentono mai affrontati individualmente dalle parole di Gesù e perciò finiscono col cadere in un cristianesimo teorico che presenta un netto contrasto fra quanto affermano e quanto manifestano nelle loro opere. Non vogliamo allargare eccessivamente l’argomento e perciò ci limiteremo a poche righe relative al soggetto della parabola di Gesù. La parabola ha il suo «verso chiave» nelle parole: «Beati, quei servitori, i quali il Signore troverà vegliando» (v. 37). E‘ una, delle tante parabole neotestamentarie che ammaestra ed esorta intorno al vegliare. Vegliare equivale a vivere in comunione con Dio, vivere in preghiera davanti a Dio.

Non mancano sermoni, articoli ed esortazioni su questo importantissimo argomento spirituale, ma ciò che manca è una pratica sincera, profonda, sentita. In altre parole, possiamo dire che oggi ci sono una moltitudine di teorici capaci di parlare della preghiera e della comunione con Dio, ma non ci sono altrettanti credenti, e soprattutto altrettanti ministri, che fanno della preghiera esercizio costante della loro vita cristiana. E’ doloroso assistere allo spettacolo di tanti «dispensatori» o come diciamo comunemente, di tanti fratelli principali che sono sempre pronti a parlare, discutere, e sono sempre pronti a predicare o compiere altre attività ecclesiastiche, ma non sono mai disposti a passare un’ ora in preghiera davanti a Dio. Sembra quasi di sentir ripetere le parole di Pietro: «Signore, dici tu…?».

— Ma, Signore, non vedi come siamo occupati? Non vedi che noi non abbiamo tanto bisogno di pregare? siamo esperti e sufficienti per compiere ogni cosa! — Naturalmente, di fronte alle comunità il linguaggio di questi «dispensatori» cambia e voi li sentirete ripetere cento volte: Fratelli, vegliate e pregate! Essi, purtroppo, non realizzano che la loro teoria, oltre ad impedire la benedizione nella loro vita, non riesce ormai a convincere più nessuno. Oggi sono necessari uomini di azione nel senso vero di questo termine e per un cristiano è azione non la sua azione, ma la volontà di Dio nella sua vita. Ogni credente è esortato dalla Scrittura a vegliare, ma in maniera particolare ogni ministro, che esorta la comunità a vegliare, è chiamato a vivere in comunione con Dio ed in preghiera davanti a Dio.

Il credente, che ha ricevuto l’esortazione alla preghiera, deve sempre trovare il ministro alla riunione di preghiera. Il membro di chiesa che è chiamato a riconoscere l’autorità degli anziani deve essere aiutato in questo suo dovere dall’ esempio degli anziani stessi. Nessun «dispensatore» deve chiedere ingenuamente : «Signore, dici a noi..?» Essere dispensatore per dispensare soltanto parole è troppo povera cosa; e perciò dobbiamo ambire di dispensare i frutti della potenza di Dio. Vegliare! Deve essere il motto e la divisa di ogni ministro, perché ogni ministro può vegliare, deve vegliare. Non esistono occupazioni profane o sacre; non esistono scuse più o meno legittime, che esonerano un «dispensatore» dal passare del tempo in preghiera ed in intima comunione con Dio; anzi, non crediamo di essere audaci nell’affermare che il servizio senza la preghiera non può essere il risultato della guida di Dio e, quindi, a coloro che trascurano la preghiera a causa del servizio, noi diciamo: Meno servizio e più preghiera!

Fratello, che sei stato chiamato ad essere operaio nel campo di Dio, come puoi vivere senza vegliare? Come puoi vivere senza pregare? Non ti accorgi che la tua vita è arida e che quello che si manifesta in te è soltanto un cristianesimo in teoria? Non ti accorgi che sei continuamente seguito dagli sguardi dubbiosi di un popolo che non è convinto del tuo lavoro? Non ripetere: Signore, dici a me? Ma convinciti che il messaggio ti riguarda personalmente e che proprio oggi Gesù ti ripete: VEGLIA, VEGLIA e PREGA

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Vittoria per chi è sotto pressione
    In Devotional
    di J. Sidlow Baxter  –   Gran parte della pressione di oggi è risultato dell’ incertezza . Vi è incertezza riguardo alle grandi cose – le questioni internazionali, e le ripercussioni di queste agitazioni fino al singolo operaio o alla casalinga.  L’incertezza genera  ansia . Sotto la superficie di molte vite oggi vi è uno stato di suspense cronico, derivante da una continua catena di incertezze. La vita stessa diventa ansiosa. L’ansietà è generatrice di preoccupazioni. Preoccupazione vuol dire tensione, logorio, pressione. Paolo usa l’espressione, “eccessivamente pressati” (2 Cor. 1:8). E’ estremamente  attuale. [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • State andando troppo veloci
    di WILLIAM BOOTH  (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912)  –   Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa  da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo tutto quanto diciamo contro i mali del peccato, sui terrori del Giorno del Giudizio, e sulla dannazione dell’inferno, noi stessi non crediamo a queste cose, allora avrei potuto capire e sentirmi umiliato dalla  loro accusa. Se i nostri amici venissero a dirci: “Perché non andate più veloce? Guardate quanti milioni di persone muoiono nella nostra nazione e anche […]
  • PERCHE’ LE PERSONE SI SVIANO?
    di W. H. GRIFFITH THOMAS  –  Durante una riunione di lettura della Bibbia alcuni anni fa affermai che se vi erano 500 sviati che non frequentavano più la chiesa, ognuno di essi aveva iniziato il suo sviamento per aver negletto la lettura della Sacra Scrittura. Dopo la riunione una donna mi disse, «Io non riesco a comprendere come lei può essere così sicuro, che ognuno dei 500 si sia sviato per aver trascurato la lettura della Bibbia».  «Bene», dissi io, «Hai uno specchio nella tua camera da letto?».  «Sì», rispose ella.  «Lo usi?».  «Sì», fu la risposta.  Ammettiamo», dissi io, «che tu non lo usi per una settimana; saresti certa che il tuo aspetto sia come desideri che i tuoi amici ti vedano?». «No», fu la risposta. «Ora nell’epistola di Giacomo», feci notare io, « la Bibbia […]
  • LA SHEKINAH MANCANTE
    “Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di […]
  • COMPRA IL CAMPO
    di Mike Brown  –   Questo messaggio dovrebbe edifi­carvi e fortificarvi nella fede. Fino a quando saremo in questo mondo avremo sempre combattimenti di fede, e fino a quando saremo in questo corpo dovremo scegliere di camminare per fede e non per visione. Sono un uomo abbastanza ottimista, ma negli ultimi cinque anni ho affrontato dure prove e grandi pressioni che andavano al di là delle mie forze, e proprio in mezzo alle prove più difficili ho sentito queste parole dal Signore: “Compra il campo”.  (Geremia 32:1) “La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno nel decimo anno di Sedekia, re di Giuda, che fu l’anno diciottesimo di Nebukadnetsar”.   Queste sono date molto importanti, perché un anno più tardi Gerusalemme cadde sotto l’eserci­to di Babilonia. Sedekia venne […]
  • OBBEDIRE A DIO
    di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano. L’obbedienza si è rammollita nel Cristianesimo moderno. Essa viene volentieri lasciata fuori del tutto e, coloro che ne fanno accenno, lo fanno quasi con un tono di scusa e senza sottolinearne l’importanza. Come è accaduto ciò? Sicuramente questo è dovuto al fatto che, sia i predicatori che i fedeli confondono […]
  • LA GUARIGIONE DIVINA
    di DAVID PETTS  –  Uno dei maggiori aspetti dell’effusione dello Spirito Santo in questo secolo è che insieme alla fede nel Battesimo dello Spirito e nei doni dello Spirito vi è anche un risorgere di fede nella potenza e nella volontà di Dio per la Guarigione Divina. Molte sono state le benedizioni ricevute nella pratica della Guarigione Divina, ma sono stati molti anche i problemi e gli abusi sorti a riguardo. Perciò è di estrema importanza comprendere non solo che cosa crediamo circa la Guarigione Divina ma anche perché ci crediamo. Un giusto concetto della Guarigione Divina Come evidenza del fatto che la guarigione è un previlegio del popolo di Dio possiamo avvalerci della promessa divina in Esodo 15 :26. Israele fu tratto fuori d’Egitto per un atto soprannaturale di liberazione […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti