Meditazione del giorno: Signore, questa parabola la dici per noi?

di Roberto Bracco   –   “Signore, questa parabola la dici per noi?”  (LUCA 12: 41)

Nella domanda di Pietro troviamo l’ idea di molti ministri che credono che il messaggio, del quale sono essi stessi interpreti, non costituisce mai un messaggio individuale per la loro vita. Essi non si sentono mai affrontati individualmente dalle parole di Gesù e perciò finiscono col cadere in un cristianesimo teorico che presenta un netto contrasto fra quanto affermano e quanto manifestano nelle loro opere. Non vogliamo allargare eccessivamente l’argomento e perciò ci limiteremo a poche righe relative al soggetto della parabola di Gesù. La parabola ha il suo «verso chiave» nelle parole: «Beati, quei servitori, i quali il Signore troverà vegliando» (v. 37). E‘ una, delle tante parabole neotestamentarie che ammaestra ed esorta intorno al vegliare. Vegliare equivale a vivere in comunione con Dio, vivere in preghiera davanti a Dio.

Non mancano sermoni, articoli ed esortazioni su questo importantissimo argomento spirituale, ma ciò che manca è una pratica sincera, profonda, sentita. In altre parole, possiamo dire che oggi ci sono una moltitudine di teorici capaci di parlare della preghiera e della comunione con Dio, ma non ci sono altrettanti credenti, e soprattutto altrettanti ministri, che fanno della preghiera esercizio costante della loro vita cristiana. E’ doloroso assistere allo spettacolo di tanti «dispensatori» o come diciamo comunemente, di tanti fratelli principali che sono sempre pronti a parlare, discutere, e sono sempre pronti a predicare o compiere altre attività ecclesiastiche, ma non sono mai disposti a passare un’ ora in preghiera davanti a Dio. Sembra quasi di sentir ripetere le parole di Pietro: «Signore, dici tu…?».

— Ma, Signore, non vedi come siamo occupati? Non vedi che noi non abbiamo tanto bisogno di pregare? siamo esperti e sufficienti per compiere ogni cosa! — Naturalmente, di fronte alle comunità il linguaggio di questi «dispensatori» cambia e voi li sentirete ripetere cento volte: Fratelli, vegliate e pregate! Essi, purtroppo, non realizzano che la loro teoria, oltre ad impedire la benedizione nella loro vita, non riesce ormai a convincere più nessuno. Oggi sono necessari uomini di azione nel senso vero di questo termine e per un cristiano è azione non la sua azione, ma la volontà di Dio nella sua vita. Ogni credente è esortato dalla Scrittura a vegliare, ma in maniera particolare ogni ministro, che esorta la comunità a vegliare, è chiamato a vivere in comunione con Dio ed in preghiera davanti a Dio.

Il credente, che ha ricevuto l’esortazione alla preghiera, deve sempre trovare il ministro alla riunione di preghiera. Il membro di chiesa che è chiamato a riconoscere l’autorità degli anziani deve essere aiutato in questo suo dovere dall’ esempio degli anziani stessi. Nessun «dispensatore» deve chiedere ingenuamente : «Signore, dici a noi..?» Essere dispensatore per dispensare soltanto parole è troppo povera cosa; e perciò dobbiamo ambire di dispensare i frutti della potenza di Dio. Vegliare! Deve essere il motto e la divisa di ogni ministro, perché ogni ministro può vegliare, deve vegliare. Non esistono occupazioni profane o sacre; non esistono scuse più o meno legittime, che esonerano un «dispensatore» dal passare del tempo in preghiera ed in intima comunione con Dio; anzi, non crediamo di essere audaci nell’affermare che il servizio senza la preghiera non può essere il risultato della guida di Dio e, quindi, a coloro che trascurano la preghiera a causa del servizio, noi diciamo: Meno servizio e più preghiera!

Fratello, che sei stato chiamato ad essere operaio nel campo di Dio, come puoi vivere senza vegliare? Come puoi vivere senza pregare? Non ti accorgi che la tua vita è arida e che quello che si manifesta in te è soltanto un cristianesimo in teoria? Non ti accorgi che sei continuamente seguito dagli sguardi dubbiosi di un popolo che non è convinto del tuo lavoro? Non ripetere: Signore, dici a me? Ma convinciti che il messaggio ti riguarda personalmente e che proprio oggi Gesù ti ripete: VEGLIA, VEGLIA e PREGA

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

IL FUTURO DI ISRAELE

Sebbene questo articolo sia stato pubblicato 12 anni fa dalla rivista “Ethos”, alla luce degli ultimi avvenimenti in Israele, il soggetto trattato è attuale più che mai .   di Siegfried Schlieter  –  Tentativo di analisi di testi profetici e affermazioni politiche del presente.  Gli avvenimenti in e intorno ad Israele suscitano la domanda: Israele, così come lo conosciamo e lo vediamo agire oggi, è identificabile con l’Israele descritto …
Leggi Tutto

LA BIBBIA, PAROLA DI DIO

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. – Eppure, essa vive: Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come …
Leggi Tutto

RICORDATI DI ME

Charles Greenway, eminente predicatore e direttore per anni delle missioni europee delle Assemblee di Dio, è l’autore di questa predicazione. Quest’uomo, ormai andato avanti a noi per essere per sempre con il Signore, appartiene a quella grande schiera di servitori la cui vita consistente è un riferimento prezioso in un’epoca come questa, dove spesso la Parola di Dio è diluita e banalizzata dal desiderio di protagonismo e visibilità …
Leggi Tutto

QUESTO E' IL TEMPO

– di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12) Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo …
Leggi Tutto

E' peccato l'omicidio? RISPOSTE AGLI ARGOMENTI RELATIVI ALL’ABORTO

 di Norman L. Geisler –  La Bibbia condanna chiaramente chi uccide intenzionalmente un essere umano innocente. Tuttavia, non tutte le uccisioni sono omicidi. Non tutte le uccisioni sono intenzionali. Ci sono delle occasioni in cui vi sono delle giustificazioni relative all’uccidere un altro essere umano. A questo proposito, la Bibbia permette la protezione della propria vita, anche se ciò significa privare della vita qualcun’altro che la sta minacciando. In …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

COMUNIONE CON DIO

COMUNIONE CON DIO

di George Muller  -  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per ...
Leggi Tutto
LA VIA DELLA COMUNIONE

LA VIA DELLA COMUNIONE

di ROY HESSION  -   La caduta, che è il momento nel quale l’uomo scelse se stesso anziché Dio come centro ...
Leggi Tutto
La nostra comunione è col Padre.

La nostra comunione è col Padre.

di Roberto Bracco  -  E la nostra comunione è col Padre.   1 Giovanni 1:3 La religione è oggi intesa, più che ...
Leggi Tutto
Comunione o Comunella?

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se ...
Leggi Tutto
Comunione con Lui

Comunione con Lui

di C.H. Spurgeon  -  Se diciamo di avere comunione con lui e camminiamo nelle tenebre, noi mentiamo e non mettiamo ...
Leggi Tutto
CAMMINO' CON DIO

CAMMINO’ CON DIO

di DONALD GEE - La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti