Meditazione del giorno: Signore, questa parabola la dici per noi?

di Roberto Bracco   –   “Signore, questa parabola la dici per noi?”  (LUCA 12: 41)

Nella domanda di Pietro troviamo l’ idea di molti ministri che credono che il messaggio, del quale sono essi stessi interpreti, non costituisce mai un messaggio individuale per la loro vita. Essi non si sentono mai affrontati individualmente dalle parole di Gesù e perciò finiscono col cadere in un cristianesimo teorico che presenta un netto contrasto fra quanto affermano e quanto manifestano nelle loro opere. Non vogliamo allargare eccessivamente l’argomento e perciò ci limiteremo a poche righe relative al soggetto della parabola di Gesù. La parabola ha il suo «verso chiave» nelle parole: «Beati, quei servitori, i quali il Signore troverà vegliando» (v. 37). E‘ una, delle tante parabole neotestamentarie che ammaestra ed esorta intorno al vegliare. Vegliare equivale a vivere in comunione con Dio, vivere in preghiera davanti a Dio.

Non mancano sermoni, articoli ed esortazioni su questo importantissimo argomento spirituale, ma ciò che manca è una pratica sincera, profonda, sentita. In altre parole, possiamo dire che oggi ci sono una moltitudine di teorici capaci di parlare della preghiera e della comunione con Dio, ma non ci sono altrettanti credenti, e soprattutto altrettanti ministri, che fanno della preghiera esercizio costante della loro vita cristiana. E’ doloroso assistere allo spettacolo di tanti «dispensatori» o come diciamo comunemente, di tanti fratelli principali che sono sempre pronti a parlare, discutere, e sono sempre pronti a predicare o compiere altre attività ecclesiastiche, ma non sono mai disposti a passare un’ ora in preghiera davanti a Dio. Sembra quasi di sentir ripetere le parole di Pietro: «Signore, dici tu…?».

— Ma, Signore, non vedi come siamo occupati? Non vedi che noi non abbiamo tanto bisogno di pregare? siamo esperti e sufficienti per compiere ogni cosa! — Naturalmente, di fronte alle comunità il linguaggio di questi «dispensatori» cambia e voi li sentirete ripetere cento volte: Fratelli, vegliate e pregate! Essi, purtroppo, non realizzano che la loro teoria, oltre ad impedire la benedizione nella loro vita, non riesce ormai a convincere più nessuno. Oggi sono necessari uomini di azione nel senso vero di questo termine e per un cristiano è azione non la sua azione, ma la volontà di Dio nella sua vita. Ogni credente è esortato dalla Scrittura a vegliare, ma in maniera particolare ogni ministro, che esorta la comunità a vegliare, è chiamato a vivere in comunione con Dio ed in preghiera davanti a Dio.

Il credente, che ha ricevuto l’esortazione alla preghiera, deve sempre trovare il ministro alla riunione di preghiera. Il membro di chiesa che è chiamato a riconoscere l’autorità degli anziani deve essere aiutato in questo suo dovere dall’ esempio degli anziani stessi. Nessun «dispensatore» deve chiedere ingenuamente : «Signore, dici a noi..?» Essere dispensatore per dispensare soltanto parole è troppo povera cosa; e perciò dobbiamo ambire di dispensare i frutti della potenza di Dio. Vegliare! Deve essere il motto e la divisa di ogni ministro, perché ogni ministro può vegliare, deve vegliare. Non esistono occupazioni profane o sacre; non esistono scuse più o meno legittime, che esonerano un «dispensatore» dal passare del tempo in preghiera ed in intima comunione con Dio; anzi, non crediamo di essere audaci nell’affermare che il servizio senza la preghiera non può essere il risultato della guida di Dio e, quindi, a coloro che trascurano la preghiera a causa del servizio, noi diciamo: Meno servizio e più preghiera!

Fratello, che sei stato chiamato ad essere operaio nel campo di Dio, come puoi vivere senza vegliare? Come puoi vivere senza pregare? Non ti accorgi che la tua vita è arida e che quello che si manifesta in te è soltanto un cristianesimo in teoria? Non ti accorgi che sei continuamente seguito dagli sguardi dubbiosi di un popolo che non è convinto del tuo lavoro? Non ripetere: Signore, dici a me? Ma convinciti che il messaggio ti riguarda personalmente e che proprio oggi Gesù ti ripete: VEGLIA, VEGLIA e PREGA

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

VIVERE NEL RISVEGLIO

di Ron Marr –  Jonathan Goforth (1859-1936), un missionario presbiteriano canadese, ha visto il risveglio in tutto le zone del Nord della Cina dove ha predicato. Insieme al responsabile del consiglio per le missioni, aveva visitato la Corea e aveva visto il grande risveglio che stava avvenendo in quella terra. Lesse poi successivamente i discorsi di Charles G. Finney sul risveglio, e fu colpito dalla dichiarazione di Finney che il …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

IL TIPO DI PREGHIERA CHE AZIONA LE RUOTE DEL RISVEGLIO

di  SIDLOW BAXTER  –  Abbiamo bisogno di un risveglio di preghiera di intercessione tra il popolo di Dio. Non preghiamo abbastanza. Oltre ad intensificare la loro vita privata di preghiera, i cristiani dovrebbero unirsi in gruppi per aggrapparsi a Dio e promuovere un risveglio nella propria terra e in ogni altro paese. Il nostro più pressante bisogno è di chiedere a Dio di dare più potenza nella preghiera a …
Leggi Tutto

Una Testimonianza

di ROBERTO BRACCO – Lettura biblica: 1 Timoteo 1:12-20 – La storia di Saulo da Tarso, persecutore della Chiesa cristiana, fariseo zelante, difensore della fede giudaica, è troppo nota per aver bisogno di essere ricordata, ma la testimonianza che egli rende, attraverso questa pagina della sua lettera a Timoteo, esprime un messaggio così vivo, così attuale, da non poter essere ignorato. In poche parole, l’apostolo mette a fuoco …
Leggi Tutto

I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? …
Leggi Tutto

cross-and-fire

di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti