Meditazione del giorno: TUTTE LE COSE COOPERANO PER IL BENE

di CHUCK LIND     –    Uno dei miei versetti preferiti è Romani 8:28, Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno.”  Nel corso degli anni questo verso mi è stato di grande conforto e man mano che passano gli anni e vado avanti nella fede, acquista sempre più significato. Nello stesso tempo, per molti anni per me è stato un verso abbastanza confuso, e ho visto delle persone rifiutarlo quando l’ho loro citato nei momenti di dolore, come un “modo di parlare di Dio” . Non hanno visto niente di buono venir fuori dagli eventi che stavano vivendo. Ci sono un paio di cose che ho dovuto imparare su questo versetto prima che potessi accettarlo pienamente.

Ciò che ho dovuto imparare per primo è che “tutte le cose” significa tutte le cose. Io pensavo che  avesse significato solo per le cose che  mi accadono dall’esterno, non quando io ho fatto in modo che  accadessero. Mi chiedevo cosa potesse venire fuori di buono quando peccavo. Ed ho scoperto che in quelle circostanze imparavo a confessare,  pentirmi e odiare il peccato. Sono stati bei periodi di crescita. Questa non è una scusa per peccare. Questo è solo per dire che,  anche da  ciò che ci accade possiamo imparare molto attraverso l’esperienza. Proprio come Pietro, quando peccò e rinnegò Gesù, imparò così tanto da quella esperienza che non fu mai più sfiorato dal pensiero di rifarlo. Divenne un grande uomo di Dio, attraverso questo fallimento. Noi tutti diventiamo uomini e donne di Dio più grandi per le lezioni che impariamo dai nostri fallimenti. Il bene può venire anche attraverso il fallimento.

In secondo luogo, ho dovuto imparare qual’era il bene che Dio stava cercando di realizzare nella mia vita. Come cristiano giovane ho pensato in modo egoistico. Ho pensato che  il “bene” consistesse nel fatto che la mia vita dovesse essere in qualche modo migliore o più felice in ogni circostanza. In realtà, ho cominciato a pensare che avevo il diritto che tutto ciò che accadeva intorno a me operasse in mio favore. Quanto ero lontano dalla verità! Vedete, il bene di cui Dio parla si trova nel verso successivo. Romani 8:29 dice: “Perché quelli che ha preconosciuti, li ha anche predestinati ad essere conformi all’immagine del Figlio suo, affinché egli sia il primogenito tra molti fratelli.” Il bene che Dio vuole realizzare è trasformarci ad  immagine di Gesù. Guardate ciò che Gesù dovette passare.  Passò attraverso la croce prima di risorgere dalla morte. La sofferenza precede la gioia. Mi resi conto che Dio può venire a noi tramite situazioni molto difficili. In realtà, il bene può essere la molta sofferenza e la difficoltà che essa comporta. Perché è  la molta sofferenza stessa che permette a Dio di plasmare il mio carattere in conformità a quello di Gesù.

Vedo tanti perdere la fede nel Signore, perché non pensano che Dio si dia da fare per loro, e che le cose non cooperano per il loro bene. Ma cooperano al bene se solo guardi al vero scopo di Dio. Puoi fidarti di Lui. E, se ti rivolgi a Lui, Egli non solo sarà la tua forza e il tuo conforto, ma ti renderà più simile a Gesù. E non è questo ciò che noi, come cristiani desideriamo?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PERCHÈ LE LINGUE?

di J. ROBERT ASCHROFT   –  Molto si sa del parlare in altre lingue; molto non si sa e rimane un mistero. Eppure nelle Scritture ci sono insegnamenti sufficienti a darci una chiara rivelazione sul valore del parlare in altre lingue e sul come bisogna usare questo dono. Ecco i punti più importanti. 1.      E’ chiaramente detto che si sarebbe verificato l’avvenimento del parlare in altre lingue. « …
Leggi Tutto

L'Ammirabile

di BILLY SUNDAY    –   «Il Suo Nome sarà chiamato: L’Ammirabile».  Isaia 9:6  –   Anticamente ogni nome aveva un significato; ciò è ancora vero fra gl’india­ni e fra quei popoli che vivono tuttora in modo primitivo.  Ogni nome della Bibbia ha un signi­ficato, ed è di grande aiuto nella lettu­ra delle Scritture ricercare la definizio­ne propria di ogni nome. Vi sono nella Bibbia duecento cinquantasei nomi dati al Signore …
Leggi Tutto

Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli

Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono …
Leggi Tutto

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

LUTTO NATALIZIO

di Keith Green  –   Non dimenticherò mai la gioia incredibile del Natale e tutto ciò che mi aspettavo. La nostra casa addobbata, le luci colorate, l’odore particolare. Parenti e amici che venivano a trovarci… tutti con grandi. sorrisi e risate… e tutti con dei doni!! Quel periodo era pieno di vita, calore e voglia di dare. Sono i migliori ricordi della mia infanzia. L’aria, fuori, era fredda e …
Leggi Tutto

LA SHEKINAH MANCANTE

“Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità …
Leggi Tutto

IL GRANELLO DI FRUMENTO

Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il …
Leggi Tutto

SE DIO NON OPERA CI STIAMO SFORZANDO INVANO

di  Stephen Witmer  –  Riuscire a capire la relazione tra la sovranità di Dio e la responsabilità umana è sempre stata una questione di semplice ricerca intellettuale per me – solo un sorprendente puzzle d’idee filosofiche. Ma adesso non lo è più.  Il frutto amaro della pigrizia, dell’ansia e dell’orgoglio si sono intrufolati nella mia vita ogni volta che sono caduto in questo equivoco e dall’altra parte della …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti