LA VIA DELLA COMUNIONE

di ROY HESSION  –   La caduta, che è il momento nel quale l’uomo scelse se stesso anziché Dio come centro della propria vita, ha avuto l’effetto di rompere non soltanto la comunione tra l’uomo e Dio, ma anche tra l’uomo ed i suoi simili. Infatti la prima rivolta dell’uomo contro Dio, in Genesi 3, è subito seguita dalla prima rivolta dell’uomo contro il suo simile (Genesi 4, Caino uccide Abele). Il significato della caduta è che ciascuno seguiva la propria via. (Is. 53:6). E’ facile capire che se preferisco la mia vita a quella di Dio, la preferisco anche a quella dei miei simili. Non si rivendica la propria indipendenza davanti a Dio per poi abbandonarla di fronte al proprio simile. Ma un mondo nel quale ognuno segue la propria volontà particolare non può essere che un mondo pieno di tensione, barriere, sospetti, incomprensioni e conflitti.

L’opera compiuta da Cristo sul Calvario non doveva ristabilire soltanto la comunione tra l’uomo e Dio, ma anche quella tra l’uomo e il suo simile. L’una implica l’altra. Come i raggi della ruota sono più vicini tra di loro a mano a mano che s’avvicinano al centro, cos’ si è ristabilita in Cristo la comunione fra gli uomini. Se la nostra comunione con i fratelli non è viva e reale, vuol dire che non è nemmeno viva e reale con Dio. La prima lettera di Giovanni misura la profondità e realtà della nostra comunione con i fratelli (vedi 1 Giov. 2:9; 14-15; 4:20). La nostra relazione con i fratelli è strettamente legata alla nostra relazione con Dio. Qualunque cosa, anche minima, che si alzi come una barriera tra me e il mio fratello, diventa una barriera tra me e Dio. Se queste barriere non vengono subito abbattute, si infittiscono rapidamente, e alla fine ci troviamo divisi da Dio e dai fratelli da un muro invalicabile. Se invece permettiamo che la vita nuova di Cristo venga a noi, essa si manifesterà  in noi come una via di unione con Dio ed i nostri fratelli.

Tratto da “La Via del Calvario” – ed. CLC.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IO SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE

di Agostino Masdea   –   Ma io so che il mio Redentore, vive e che alla fine si leverà sulla terra. Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, nella mia carne vedrò Dio. Lo vedrò io stesso; i miei occhi lo contempleranno, e non un altro. Il mio cuore si strugge dentro di me. (Giobbe 19:25-27) – Giobbe, un uomo provato, in estrema difficoltà, prigioniero della sofferenza. a. – Il libro di Giobbe …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

LA BIBBIA

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. EPPURE VIVE Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come normativa nella …
Leggi Tutto

PICCOLI CRISTIANI E CRISTIANI

di Roberto Bracco.   –   Qualche volta riferendoci ad alcuni ser­vitori di Dio del passato o del presente, diciamo: «Essi sono, o sono stati gran­di cristiani». Questa frase contiene un errore: non ci sono «grandi cristiani», perché chi è veramente cristiano, senza l’aggiunta di aggettivi, ha raggiun­to il massimo della grandezza consentita ad un uomo finito. Non ci sono «grandi cristiani», ma solo «cristiani» e «piccoli cristiani ». I …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: LA GRANDEZZA DEL VANGELO

di CORRIE TEN BOOM   –  Molto spesso, l’infelicità nella vita cristiana è causata dalla mancanza di comprensione della grandezza del Vangelo.   Il Vangelo non è un qualcosa di circoscritto, ma comprende la vita intera, la storia intera e tutto il mondo. Parte a raccontare dalla creazione per arrivare al giudizio finale e comprende tutto ciò che vi è in questo intermezzo. È una visione completa della …
Leggi Tutto

E’ pericoloso "beffarsi" dell’Iddio Onnipotente.

Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si …
Leggi Tutto

QUESTO E' IL TEMPO

– di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12) Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo …
Leggi Tutto

LA TEOLOGIA DELLA GRAZIA

Un sermone di Roberto Bracco che evidenzia la semplicità dell’Evangelo e l’universalità della salvezza. Ottimo messaggio di evangelizzazione …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti