Meditazione del giorno: Ciò che viene dalla mano di Dio. –

di J. Hudson Taylor – “… il Signore ha dato e il Signore ha tolto; Benedetto sia il nome del Signore ” (Giobbe 1:21). – Il grande accusatore non trovando nessuna colpa nel carattere e nella vita di Giobbe, insinuò che tutto era frutto dell’egoismo. “E? forse per nulla che Giobbe teme Dio?” Infatti, era così, e satana lo sapeva bene! E questo vale per tutti. Non c’è nessun servizio che ripaga così bene come il servizio del nostro divino Maestro: non c’è né nessuno così regalmente ricompensato. Satana stava facendo un’affermazione vera, ma l’insinuazione – che era per l’interesse della ricompensa che Giobbe serviva Dio, non era vera. E per difendere il carattere di Giobbe, Dio concede a satana di provarlo.

E subito Satana mostra la malvagità del suo carattere portando una dopo l’altra, tragedie su quel devoto uomo di Dio. Ma Dio che permise la prova diede anche la grazia necessaria e Giobbe poté dire: “il Signore ha dato, e il Signore ha tolto; Benedetto sia il nome del Signore “.

Stava sbagliando Giobbe? Non avrebbe dovuto dire: “il Signore ha dato, e satana ha tolto“? No, non c’era nessun errore. Fu in grado di riconoscere la mano di Dio in tutte quelle calamità. Satana stesso aveva ritenuto necessario chiedere a Dio il permesso di affliggere Giobbe. Egli disse a Dio: “Ma stendi la tua mano e tocca tutto ciò che possiede e vedrai se non ti maledice in faccia”. E ancora: “Ma stendi la tua mano e tocca le sue ossa e la sua carne e vedrai se non ti maledice in faccia”.

Satana sapeva che nessuno ma solo Dio poteva toccare Giobbe, e Giobbe aveva completamente ragione nel riconoscere nel Signore stesso l’esecutore. Spesso saremmo aiutati e benedetti se tenessimo questo in mente – che Satana è il servo, e non il padrone, e che egli e gli uomini malvagi, spinti da lui, possono solo fare ciò che Dio dal suo determinato consiglio e preconoscenza aveva già stabilito che dovesse essere fatto. Se viene la gioia o se viene il dolore, possiamo sempre accettare tutto dalla mano di Dio.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

OBBEDIRE A DIO

di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 17 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea   Vivere ancora sotto la legge o vivere sotto la la grazia? …
Leggi Tutto

Jim Cymbala  -  1 Dicembre 2011

Giovedì 1 Dicembre 2011  –  JIM CYMBALA – Pastore BROOKLYN  TABERNACLE – N.Y. [mp3player width=400 height=20 config=fmp_jw_widget_config.xml file=http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2012/05/PASTOR-JIM-CYMBALA.mp3] …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?

di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio …
Leggi Tutto

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

FUI FORESTIERO E MI ACCOGLIESTE  -  Matteo 25:35  

di Roberto Bracco  “Signore, quando ti abbiamo veduto forestiero e ti abbiamo accolto? (vs. 38)   –   La domanda umile e sincera dei giusti ci rivela non soltanto la sorpresa di vedere e udire il Figliuolo dell’uomo sostituire o rappresentare i poveri e i bisognosi beneficati nelle più diverse occasioni e nelle più svariate necessità, ma ci rivela anche la modestia profonda che adorna coloro i quali …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La Mia bontà ha più valore della vita

Poiché la tua benignità vale più della vita, le mie labbra ti loderanno. (Salmo 63:3)  –  In questa promessa, il salmista fa una dichiarazione sulla straordinaria bontà di Dio e di come il suo amore vale più della vita stessa. Lo scrittore continua dicendo che l’unica risposta adeguata ad un amore così meraviglioso è quella di vivere la vita rispondendo all’amore di Dio  presentando a Lui i nostri corpi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti