Meditazione del giorno: Ciò che viene dalla mano di Dio. –

di J. Hudson Taylor – “… il Signore ha dato e il Signore ha tolto; Benedetto sia il nome del Signore ” (Giobbe 1:21). – Il grande accusatore non trovando nessuna colpa nel carattere e nella vita di Giobbe, insinuò che tutto era frutto dell’egoismo. “E? forse per nulla che Giobbe teme Dio?” Infatti, era così, e satana lo sapeva bene! E questo vale per tutti. Non c’è nessun servizio che ripaga così bene come il servizio del nostro divino Maestro: non c’è né nessuno così regalmente ricompensato. Satana stava facendo un’affermazione vera, ma l’insinuazione – che era per l’interesse della ricompensa che Giobbe serviva Dio, non era vera. E per difendere il carattere di Giobbe, Dio concede a satana di provarlo.

E subito Satana mostra la malvagità del suo carattere portando una dopo l’altra, tragedie su quel devoto uomo di Dio. Ma Dio che permise la prova diede anche la grazia necessaria e Giobbe poté dire: “il Signore ha dato, e il Signore ha tolto; Benedetto sia il nome del Signore “.

Stava sbagliando Giobbe? Non avrebbe dovuto dire: “il Signore ha dato, e satana ha tolto“? No, non c’era nessun errore. Fu in grado di riconoscere la mano di Dio in tutte quelle calamità. Satana stesso aveva ritenuto necessario chiedere a Dio il permesso di affliggere Giobbe. Egli disse a Dio: “Ma stendi la tua mano e tocca tutto ciò che possiede e vedrai se non ti maledice in faccia”. E ancora: “Ma stendi la tua mano e tocca le sue ossa e la sua carne e vedrai se non ti maledice in faccia”.

Satana sapeva che nessuno ma solo Dio poteva toccare Giobbe, e Giobbe aveva completamente ragione nel riconoscere nel Signore stesso l’esecutore. Spesso saremmo aiutati e benedetti se tenessimo questo in mente – che Satana è il servo, e non il padrone, e che egli e gli uomini malvagi, spinti da lui, possono solo fare ciò che Dio dal suo determinato consiglio e preconoscenza aveva già stabilito che dovesse essere fatto. Se viene la gioia o se viene il dolore, possiamo sempre accettare tutto dalla mano di Dio.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

PREDICAZIONE DEL PASTORE AGOSTINO MASDEA nella Chiesa Bethel di Milano …
Leggi Tutto

VUOI ESSERE SALVATO?

di AGOSTINO MASDEA –  In ogni uomo vi è l’inquietante sensazione di una mancanza: egli cerca continuamente qualche cosa di importante, che “dovrebbe possedere”, ma che non riesce mai a raggiungere. Spesso gli accade di osservare qualcuno che sembra aver ottenuto una posizione sociale invidiabile, o individui che hanno scalato “le vette del successo”, ed in questi momenti egli pensa di essere il solo ad avvertire quel “senso …
Leggi Tutto

IL BISOGNO DEL MOMENTO

di BILLY GRAHAM              Il mondo oggi ha ancora un disperato bisogno di risveglio spirituale. É la sola speranza di sopravvivenza della razza umana. In mezzo ai problemi che il mondo deve affrontare, i cristiani sono stranamente silenziosi e impotenti, quasi sopraffatti dalla marea del secolarismo.Eppure, proprio loro sono chiamati ad essere “il sale della terra” (Mt 5,13), che impedisce ad un mondo in decadenza di corrompersi ulteriormente. I …
Leggi Tutto

PECCATORI NELLE MANI DI UN DIO ADIRATO

di Jonathan Edwards . –  Jonathan Edwards nacque nel 1703 e morì nel 1758. Questo sermone fu predicato nel pomeriggio dell’ 8 luglio 1741 ad Enfield, nel Connecticut. I fuochi del risveglio erano iniziati in tutta l’area della nuova Inghilterra mediante il ministero di George Whitefield, ma Enfield, la comunità più malvagia di tutte, non era stata raggiunta. Un servizio speciale era stato convocato da un gruppo di ministri …
Leggi Tutto

IL SERPENTE DI RAME

«E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato, affinché chiunque crede in lui abbia vita eterna. Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti