CONSIGLIO EMPIO

eelliot

di Elisabeth Elliot   – “Beato l’uomo che non cammina nel consiglio degli empi” (Salmo 1:1).  – In un recente convegno una giovane donna mi disse che suo marito aveva chiesto il divorzio, ma acconsentì a una consulenza cristiana prima di renderlo definitivo. Un membro della squadra nel centro di consulenza gli disse che egli stesso era divorziato e felicemente risposato. Questo era tutto ciò che quel marito voleva sentirsi dire. L’uomo a cui si era rivolto per avere aiuto, era l’esempio che egli sperava di trovare. Naturalmente andò avanti e divorziò dalla moglie.

Il ventitreesimo capitolo di Geremia descrive ciò che sta accadendo oggi nel nostro Paese. La terra è piena di adulteri. I pascoli sono inariditi. Il potere è usato impropriamente. Il profeta e il sacerdote sono empi, e fanno del male anche nella casa del Signore. La descrizione di Geremia dei profeti sembra terribilmente adatta per alcuni di coloro da cui i cristiani cercano guida: “Così dice l’Eterno degli eserciti: Non ascoltate le parole dei profeti che vi profetizzano. Essi vi fanno diventare spregevoli; vi espongono le visioni del loro cuore e non ci? che procede dalla bocca dell’Eterno. Dicono del continuo a quelli che mi disprezzano: – L’Eterno ha detto: Avrete pace – e a tutti quelli che camminano nella caparbietà del proprio cuore: -Nessun male verrà su di voi-? Ma chi ha assistito al consiglio dell’Eterno? Chi ha visto, chi ha udito la sua parola? Chi ha prestato attenzione alla sua parola e l’ha udita?” (Geremia 23:16-18).

Ecco un buon test da applicare a chiunque si va per chiedere consiglio. Questa persona ha conosciuto il consiglio del Signore? Lo ha mai visto? Udito la Sua parola? Lo ha ascoltato e obbedito? Osserva i pochi che hanno effettivamente pagato un prezzo per la loro obbedienza (come Geremia, che fu picchiato, incarcerato, gettato in una cisterna di fango, ecc.). Questi pochi sono quelli da seguire.

Il capitolo prosegue descrivendo profeti che dicono menzogne nel nome di Dio, sognano sogni, danno voce alle proprie fantasie, inventano parole, per poi dire: “Questa è la Sua parola.” Essi inducono in errore con “folli e sconsiderate menzogne”.

“Il profeta che ha avuto un sogno racconti il sogno, ma chi ha la mia parola riferisca la mia parola fedelmente. Che ha da fare la paglia col frumento? dice l’Eterno..?” (V. 28).

Guardatevi da coloro che hanno paura di citare la Scrittura, che dicono che è troppo “semplicistico”, non è applicabile, non funzionerà. Attenzione al consigliere che è “non direzionale”. Stai attento quando i consigli che ti danno ti lasciano tranquillo quando sai che stai sbagliando. “La mia parola non è come il fuoco?” dice l’Eterno, non è come un martello che spezza il sasso?” (V. 29).

E non solo i grandi profeti dell’Antico Testamento hanno parlato in questo modo. Pensate alle parole di Gesù. Anche se spesso ha pronunciato “parole di conforto”, che hanno portato pace e speranza, ha pronunciato anche parole che scottano come il fuoco (“Andate via da me, non vi ho mai conosciuti”, “Vai dietro me, satana”) e penetrano come schegge (“Tu non uscirai di lì finché tu non abbia pagato l’ultimo centesimo”, “Chi vuole essere il primo, deve essere il servo di tutti”).

“Così direte, ognuno al proprio vicino e ognuno al proprio fratello: Che cosa ha risposto l’Eterno? E che cosa ha detto l’Eterno?” (Geremia 23:35).

Questo vale, ovviamente, solo per coloro che hanno a cuore ciò che il Signore vuole. Coloro che hanno già deciso di fare quello che vogliono non hanno bisogno del consiglio divino.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

1900: Esperienze pentecostali nella scuola biblica di TOPEKA

Nell’autunno del 1900 fu inaugurata una Scuola Biblica a Topeka, Kansas. Quaranta studenti si riunirono col solo scopo di studiare la Parola di Dio e nessun libro di testo era usato all’infuori della Bibbia. Tra i vari soggetti biblici che erano oggetto di studio e meditazione, c’era quello del Battesimo nello Spirito Santo. Gli studenti ebbero il tempo necessario per una esauriente ricerca nelle Scritture e, quando furono …
Leggi Tutto

Passione per le anime

by pastor J. D. Jones (definito: the man with the mouth of gold – l’uomo dalla bocca d’oro)   –  Quando studio le storie riportate dei vangeli, la mia attenzione è catturata e si sofferma su una importante caratteristica del carattere di Cristo –  il Suo amore smisurato per gli uomini, la sua passione per le anime. La motivazione suprema nella vita del nostro Signore era la Sua totale obbedienza alla …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA

9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci” …
Leggi Tutto

E’ pericoloso "beffarsi" dell’Iddio Onnipotente.

Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si …
Leggi Tutto

Un vaso al servizio del Maestro

di Charles E. Greenaway  –   “La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno, in questi termini: “Levati, scendi in casa del vasaio, e quivi ti farò udire le mie parole”. Allora io scesi in casa del vasaio, ed ecco egli stava lavorando alla ruota; e il vaso che faceva si guastò, come succede all’argilla in man del vasaio, ed egli da capo ne fece un altro …
Leggi Tutto

Noi sappiamo...Se sapete queste cose, siete beati se le fate... (Giovanni 13:17)

Noi siamo fra coloro che vogliono essere ignoranti. Chiudiamo gli occhi per non vedere e serriamo le orecchie per non udire. Non è vero che non conosciamo, non è vero che siamo privi di rivelazione. La volontà di Dio ci è stata rivelata e noi sappiamo quello che dobbiamo fare, ma cerchiamo di dimenticare quello che sappiamo e di ignorare quello che conosciamo. La povertà spirituale che ci …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti