Meditazione del giorno: Più niente da dire.

di Theodore Epp     Giobbe 40:1-5  –  Giobbe aveva discusso con Dio. Egli aveva argomentato che il modo come Dio si occupava di lui era la radice del suo problema. Lui, la creatura, si era seduto in giudizio contro Dio, il Creatore. Aveva persino accusato Dio di fare la cosa sbagliata.

Ora Dio aveva parlato a Giobbe e si era fatto conoscere. Per mezzo della natura aveva enfatizzato lezioni evidenti così che Giobbe non poteva non coglierne i principi morali coinvolti. Nessuna meraviglia che Giobbe si riconoscesse vile.

Come poteva Giobbe rispondere a Dio dopo questa rivelazione della cura che Dio ha per le sue creature? Giobbe si rese conto di quanto spregevole fosse stato il suo modo di parlare al Signore. Egli aveva pensato che il Signore fosse  crudele e ingiusto, mentre in realtà Dio aveva mostrato il suo amore a Giobbe. Giobbe decise che tutto ciò che poteva fare era mettersi la mano sulla bocca, non dire di più niente e solo ascoltare Dio.

Come possiamo affrontare periodi di sofferenza? Ci chiediamo dopo un lungo periodo di prove, se a Dio importa veramente di noi? Cerchiamo amore e attenzione, e Dio nella sua grazia è pronto e disposto ad amarci  e prendersi cura di noi, ma soprattutto dobbiamo ricordare che è Dio che ha permesso questa  prova e che ha uno scopo in essa. Dio è sovrano e giusto, pertanto, Egli fa sempre ciò che è giusto.

Quando un credente fa male, può soffrire per quell’errore. D’altra parte però, molte sofferenze nella vita del credente sono permesse per la sua disciplina, non per punizione. Attraverso tale sofferenza Dio forma in lui l’immagine del suo Figlio (cfr. Romani 8:28,29).

Or noi sappiamo che tutto quello che la legge dice, lo dice per coloro che sono sotto la legge, affinché ogni bocca sia messa a tacere e tutto il mondo sia sottoposto al giudizio di Dio.” (Romani 3:19).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

BALSAMO DI GALAAD

 di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che …
Leggi Tutto

CHI E' COSTUI?

di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia …
Leggi Tutto

TUTTI GLI OSTACOLI AL RISVEGLIO NELLA CHIESA SONO DOVUTI AL PECCATO

di JONATHAN GOFORTH  –  Missionario Presbiteriano in Manciuria e in Cina 1888-1935.   Al ritorno in Cina nell’autunno del 1901, dopo essermi ripreso dagli effetti sconvolgenti della rivolta dei Boxer, (La Rivolta dei Boxer fu una ribellione sollevata in Cina da un grande numero di organizzazioni cinesi popolari, contro l’influenza straniera colonialista. N.d.t.) cominciai a sperimentare una crescente insoddisfazione per i risultati del mio lavoro missionario. Nei primi anni pionieristici incoraggiavo me …
Leggi Tutto

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA VITA CRISTIANA

di ROBERTO BRACCO  –  I discepoli, riuniti e in attesa, nell’alto solaio di Gerusalemme, non sapevano, almeno così sembra, in che modo si sarebbe adempiuta la promessa di Gesù: “Voi riceverete potenza” (Atti 1:8) …, ma sapevano, però, che la loro vita sarebbe stata rivestita di una forza soprannaturale, necessaria per rendere una testimonianza fedele al loro Signore e Salvatore. Possiamo subito dire che essere testimoni voleva dire …
Leggi Tutto

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

Ancora non hanno il fuoco.

di VANCE HAVNER   –   È vero che la Pentecoste, storicamente, ha avuto luogo una volta per tutte. Così è stato per  il Calvario. Ma ogni individuo deve personalmente appropriarsi del sangue per mezzo della fede e così ogni credente deve riceve per fede lo Spirito per avere potenza.  …
Leggi Tutto

GEORGE VERWER: UNA GRANDE IMMAGINE

GEORGE VERWER – Domenica 27 Luglio 2014 – Chiesa Alfa Omega …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti