Meditazione del giorno: Le mani sull’aratro

di Watchman Nee   –   “La mia carne e il mio cuore possono venir meno, ma Dio è lo rocca del mio cuore e la mia parte di eredità in eterno.”  (Salmo 73:26)

Un fratello che conosco fu chiamato per un ciclo di predicazioni per alcuni mesi. Sua moglie, a cui egli era molto affezionato, aveva in quel periodo una salute cagionevole. Un amico mi aveva mandato da lui con una lettera all’ultimo minuto, e, quando giunsi in vista della sua casa, non visto da lui, lo osservai uscire di casa, camminare per un po’, poi fermarsi e dopo una breve esitazione, incominciare lentamente a tornare indietro. Non aspettai ma, intuendo il suo conflitto interiore, andai avanti verso il battello del fiume prendendo un’altra strada. Al mio arrivo gli porsi la lettera con le parole, “Possa il Signore benedirti” e la sua risposta mi fece capire che era sereno e in pace. Quando dopo alcuni mesi egli ritornò dal suo giro io feci cenno all’episodio. “Sì”, ammise, “quando indugiai, sentii che io non potevo lasciarla con i bambini con nessun aiuto e pochissimo denaro, ma quando ritornai sui miei passi giunse al mio spirito il versetto: – Nessun uomo che abbia posto la mano all’aratro e torna indietro è adatto al regno di Dio -. Così mi volsi di nuovo ed andai verso la barca”. Tenere la mano sull’aratro mentre versiamo le nostre lacrime, questo è cristianesimo.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Davanti al Golgota
    In Devotional
    di Roberto Bracco – Torno con la mia mente al Golgota, a quell’immenso cranio di pietra grigia con le sue occhiaie austere e rivivo l’emozione profonda provata davanti a quel monte, fuori di Gerusalemme e separato da questa da una strada brulicante oggi, come forse ieri, di gente frettolosa. Mi sembra che davanti all’immagine anche fisica di quel monte fatale ho potuto rivivere più intensamente il dramma del Golgota; ho potuto contemplare da vicino l’amore del Padre che ha dato il Suo figliuolo, del Cristo che si è immolato per noi come Agnello. La croce ed il Crocifisso in una luce radiosa hanno riempito [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • PIÙ VOLENTIERI AL MERCATO CHE NEL SANTUARIO
    di Vance Havner  –  «A chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato» (Matteo 11:16,17). Oggi molti cristiani giocano alla religione. Essi si trovano perfettamente a loro agio in questo mondo: vivono serenamente, comprano, vendono, acquistano, guadagnano; la loro mente è tutta dedita ai profitti e alle perdite; non fanno che accumulare dei tesori per la terra e non per il cielo. Dove è il loro tesoro naturalmente è anche il loro cuore e quindi essi diventano presto molto mondani e infruttuosi. Come al tempo di Noè e di Lot, così avviene ai nostri giorni. Migliaia e migliaia d’individui che si chiamano cristiani si sentono più a loro agio al […]
  • LA FATALE RISPOSTA DI DIO
    di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse ascoltati. La cosa più sicura è sempre quella di lasciare a Dio ogni decisione e dire: “Sia fatta la tua volontà”. Anni fa fui chiamato nella casa di una vedova, che aveva imparato questa lezione. Ella aveva una figlia che custodiva come la pupilla degli occhi. Quando aveva tre anni, la piccola s’era gravemente ammalata. Il medico disse alla madre che la bambina sarebbe morta. Noi possiamo […]
  • LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI
    Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto tutto ciò. Nacque in me il desiderio di servire questo Dio che ha creato il cielo e la terra. Essendo di famiglia cattolica, pensai che il miglior modo di servire Iddio era quello di diventare sacerdote della chiesa cattolica. Lo raccontai a mia madre che fu molto contenta, era proprio piena di gioia perché era un onore grandissimo di avere un figlio sacerdote. Mia madre era una donna molto semplice che nemmeno sapeva dire la parola sacerdote e quindi quando parlava con le amiche diceva: “Mio figlio un giorno diventerà […]
  • SE DIO NON OPERA CI STIAMO SFORZANDO INVANO
    di  Stephen Witmer  –  Riuscire a capire la relazione tra la sovranità di Dio e la responsabilità umana è sempre stata una questione di semplice ricerca intellettuale per me – solo un sorprendente puzzle d’idee filosofiche. Ma adesso non lo è più.  Il frutto amaro della pigrizia, dell’ansia e dell’orgoglio si sono intrufolati nella mia vita ogni volta che sono caduto in questo equivoco e dall’altra parte della medaglia, il meraviglioso frutto di un cuore in pace e di un amore disinteressato sono risultati in un successo. Questa non è una discussione teoretica o teologica che non ci riguarda. Qui stiamo parlando della differenza tra una vita cristiana vissuta in pieno e la stagnazione spirituale. Come possono le nostre azioni in questo mondo essere relazionate con l’opera di Dio? […]
  • DIFFERENZE TRA BIBBIA E CORANO
    CHE COS’È IL CORANO? Il Corano è un complesso di racconti su personaggi biblici e non, compresa una raccolta di insegnamenti morali, legislative e dogmatici insieme. Secondo la tradizione islamica per realizzare quest’opera, ci si doveva affidare alla memoria dei compagni di Maometto. Maometto nacque verso l’anno 580 nella penisola arabica in una regione nota come Hijaz, tra una popolazione che aveva perso l’idea dell’Unico Dio ed era dedita al politeismo e all’idolatria; figlio di una famiglia appartenente alla tribù dei Qurays – praticamente i signori della Mecca e i custodi della Kaaba – edificio che contiene la Pietra nera. Dopo il suo matrimonio, nel quale pare abbia trovato tranquillità economica, ci fu una svolta nella sua vita, da quel momento disgustato […]
  • FRUTTO E CAPITALE
    Sermone predicato alla VI Conferenza Pentecostale Mondiale svoltasi a  Gerusalemme, dal 19 al 21  Maggio 1965, nel culto di apertura. “all’uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno; a ciascuno secondo la sua capacità” (Matteo 25:15) Questo verso contenuto nel lungo sermone profetico sembra riassumere tutto l’insegnamento di esso; non dobbiamo ignorare infatti che il sermone profetico non è soltanto l’annuncio, l’anticipazione degli avvenimenti futuri, delle cose degli ultimi tempi, ma è anche e forse soprattutto una lezione panoramica di vita cristiana! E logico che sia cosi perché se il sermone ci parla del ritorno di Cristo, dello Sposo, del Signore, del Padrone, del Giudice deve anche parlarci del modo adatto per riceverLo ed […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti