Meditazione del giorno: Una sorgente superiore

di D. L. MOODY – “Egli mi invocherà e io gli risponderò; sarò con lui nell’avversità lo libererò e lo glorificherò”. (Salmo 91:15)  – Per prima cosa , “lo libererò.” Quando Dio chiamò Mosè per mandarlo in Egitto e liberare i figli d’Israele dalla mano degli Egiziani, in tutto il mondo non esisteva un uomo, umanamente parlando, meno qualificato di Mosè. Aveva già, una volta, cercato di liberare i figli d’Israele, e aveva cominciato liberando un solo uomo. Egli fallì, uccise un egiziano per poi dover fuggire nel deserto e rimanere lì quarant’anni. A modo suo aveva tentato di liberare gli ebrei, ma agiva con le proprie forze e con l’energia della carne.

Aveva tutta la sapienza degli Egiziani, ma questo non lo aiutò molto. Doveva tornare indietro ad Horeb e rimanere 40 anni alla scuola di Dio prima che Dio si potesse fidare di lui per liberare i figli d’Israele a modo Suo. Allora Dio venne a lui e gli disse: “sono sceso per liberarlo dalla mano degli Egiziani“, e quando operò per mezzo di Mosè, tre milioni di persone furono liberate così facilmente come io posso girare il palmo della mia mano. Dio poteva farlo. Tutto si risolse quando Dio comparve sulla scena.

Impariamo la lezione. Se vogliamo essere liberati da qualsiasi nemico, dall’interno o dall’esterno, dobbiamo rivolgerci a una sorgente superiore rispetto a noi stessi. Non possiamo farcela con la nostra forza.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL FUTURO DI ISRAELE

Sebbene questo articolo sia stato pubblicato 12 anni fa dalla rivista “Ethos”, alla luce degli ultimi avvenimenti in Israele, il soggetto trattato è attuale più che mai .   di Siegfried Schlieter  –  Tentativo di analisi di testi profetici e affermazioni politiche del presente.  Gli avvenimenti in e intorno ad Israele suscitano la domanda: Israele, così come lo conosciamo e lo vediamo agire oggi, è identificabile con l’Israele descritto …
Leggi Tutto

IL CRISTIANESIMO È ESPERIENZA

di Roberto Bracco   –   I demolitori più tenaci del cristianesimo sono coloro che lo accettano senza penetrarlo. Quando il cristianesimo è vissuto superficialmente non è vissuto affatto ed anzi è oltraggiato e rovinato.  Il cristianesimo non si può rovinare e demolire in senso assoluto, ma si può offendere attraverso una testimonianza insincera e perciò coloro che si dichiarano cristiani, ma vivono soltanto alla superficie del cristianesimo possono essere definiti, …
Leggi Tutto

Dai nostri culti  - Predicazione 8 Maggio 2016

Pastore Agostino Masdea: OGNI IDOLO CADRA’ DAVANTI A DIO. (1 Samuele 5) …
Leggi Tutto

"CERCANO IL LORO PROPRIO" (Filippesi 2:2)

di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in …
Leggi Tutto

LA PROMESSA DEL RITORNO DI GESÙ

di David Wilkerson – Nei giorni passati, “Gesù sta per tornare!” veniva detto durante quasi ogni servizio della Domenica. Gli evangelisti annunciavano messaggi toccanti sulla speranza del ritorno di Cristo e c’era un timore santo ed un’aspettativa nei cuori dei suoi seguaci. Oggi, tuttavia, la venuta del Signore viene raramente proclamata ed è triste che solo pochissimi servi giusti sembrino desiderare la sua apparizione. La Bibbia avverte di …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

LA PAROLA DOLCE (Proverbi 15) …
Leggi Tutto

LA GIOIA

di GUIDO SCALZI – La natura umana è così fatta che non può vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma è ben difficile trovarla se non si cerca dove la si può trovare. Essa non può venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillità della mente, ma non …
Leggi Tutto

NON VI LASCERO' ORFANI

di Agostino Masdea  –  Giovanni 16:16-18  –  Introduzione: la Bibbia mostra la condizione dell’uomo che non conosce Dio: è come una pecora perduta, errante, senza pastore o qualcuno che si curi di lei. Notoriamente le pecore non hanno senso di orientamento. Non sanno ritrovare la via… hanno bisogno dell’aiuto e della guida del pastore. Così eravamo noi . Non solo smarriti nel caos di questo mondo, confusi e stanchi di vagare …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti