Meditazione del giorno: Fai attenzione quando critichi.

12 Ottobre 2012 –  di Theodore Epp.  –  Romani 14:10-13  –   Ora tu, perché giudichi il tuo fratello? O perché disprezzi il tuo fratello? Poiché tutti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo… Così dunque ognuno di noi renderà conto di se stesso a Dio. Perciò non giudichiamo più gli uni gli altri ma piuttosto giudicate questo: di non porre intoppo o scandalo al fratello.

Quando ci renderemo conto che ognuno di noi deve rendere conto a Dio, saremo più cauti nel criticare un fratello cristiano. Dobbiamo quindi fare attenzione a ciò che dice 1 Corinzi 4:5: “Perciò non giudicate nulla prima del tempo, finché sia venuto (di nuovo) il Signore, il quale metterà in luce le cose occulte (ora nascoste) delle tenebre e manifesterà i (segreti) consigli (motivazioni e finalità) dei cuori; e allora ciascuno avrà la sua lode da Dio”. (Versione amplificata)

Questo è un consiglio che Paolo diede ai Corinzi e che si applica altrettanto bene oggi ad ogni credente .

Saremo tutti giudicati un giorno – non dagli standard reciproci e neanche dai nostri propri standard. Saremo giudicati dagli standard di Cristo. Renderemo conto a Dio solo delle nostre azioni  e non di quelle di un’altra persona.

Io non dovrò rendere conto per te, e tu non dovrai rendere conto per me.  Davanti a Dio, io dovrò rendere conto solo di me stesso.  Nessuna meraviglia che Paolo scrisse: “Perciò non giudichiamo più gli uni gli altri… “ (Romani 14:13). In altre parole, dovremmo smettere di guardarci con occhio critico l’un l’altro.

Ciò a volte è un’istruzione difficile da seguire. E’ naturale cercare sempre di giustificare noi stessi e le nostre azioni di fronte a ciò che gli altri stanno facendo. E’ naturale criticare l’altra persona perché non vede o non fa le cose a modo nostro.

Noi tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, affinché ciascuno riceva la retribuzione delle cose fatte nel corpo in base a ciò che ha fatto, sia in bene che in male. ” (2 Corinzi 5:10.).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Silenzio assoluto.
    In Devotional
    di Charles R. Swindoll   –   Egli esulterà di gioia per te, nel suo amore starà in silenzio, si rallegrerà per te con grida di gioia.  (Sofonia 3:17)   –  Sono più che mai convinto che non ci sia modo per noi di poterci muovere verso un più profondo e intimo rapporto con Dio, senza prolungati periodi di tranquillità, che comprendono uno delle più rare di tutte le esperienze: il silenzio assoluto. Sembra il parlare di un mistico sognatore? Se è così, allora anche il Related posts: Meditazione del giorno: Aspettare in silenzio. Meditazione del giorno: La gioia del Signore. Meditazione del giorno: Adempimento del Patto Davidico [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO
    di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo la carne; e anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora però non lo conosciamo più così.” 2 Corinzi 5:14-16 Ci troviamo di fronte al risultato dell’opera di trasformazione del nostro “io” che sviluppa in noi dei punti di vista totalmente nuovi. Quando il nostro “io” viene crocifisso, la prospettiva delle cose concernenti la nostra vita viene […]
  • L’UNZIONE dello SPIRITO SANTO
    ….come Dio abbia unto di Spirito Santo e di potenza Ges? di Nazaret, il quale and? attorno facendo del bene e sanando tutti coloro che erano oppressi dal diavolo, perch? Dio era con lui. (Atti 10:38) ?-?La parola “unto” ? riferita nella Bibbia ad un uomo o a qualcosa messo a parte per un divino servizio. ??L’olio dell’unzione era un atto simbolico di consacrazione per quel determinato servizio. Riguardava i profeti, i re, ed i sacerdoti. ?L’olio dell’unzione era composto da vari profumi simbolo della diversa capacit? o talento che Dio accorda ai suoi servi .?In questo tempo ? necessario avere discernimento per saper riconoscere la vera unzione, perch? questo ci porta a distinguere la verit? dalla menzogna, l’originale dal falso, […]
  • IL CULTO
    di Roberto Bracco –  “Onore reso a Dio”. Per il cristiano è anche mezzo per realizzare comunione con Dio; quindi possibilità di offrire a Dio, ricevere da Dio. Comunemente con questo nome si definiscono le riunioni che uniscono i fedeli per la celebrazione liturgica: preghiera, canto, predicazione… In queste riunioni i fedeli vogliono offrire lode a Dio, esprimere amore, gratitudine e aspettano le benedizioni della presenza di Dio nelle manifestazioni edificative della predica e di tutti quegli elementi cultuali che possono essere di incoraggiamento, di esortazione, di consiglio.     La Scrittura è molto precisa nell’indicarci quei principi fondamentali che dovrebbero sempre disciplinare queste riunioni, ma purtroppo non sempre e non tutti hanno accettato la […]
  • State andando troppo veloci
    di WILLIAM BOOTH  (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912)  –   Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa  da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo tutto quanto diciamo contro i mali del peccato, sui terrori del Giorno del Giudizio, e sulla dannazione dell’inferno, noi stessi non crediamo a queste cose, allora avrei potuto capire e sentirmi umiliato dalla  loro accusa. Se i nostri amici venissero a dirci: “Perché non andate più veloce? Guardate quanti milioni di persone muoiono nella nostra nazione e anche […]
  • CHI VUOLE PRENDA IN DONO L’ACQUA DELLA VITA
    BREVE MESSAGGIO DI EVANGELIZZAZIONE del pastore AGOSTINO MASDEA  -Predicato nella chiesa di Via Anacapri, Domenica  21 Aprile 1996 – Durata 12′ http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2015/05/Messaggio-evangelistico-MASDEA-21-4-1996.mp3 […]
  • IL LAVORO NASCOSTO
    di DON MALLOUGH –  “Andrea, fratello di Simon Pietro, era uno dei due che avevano udito Giovanni e avevano seguito Gesù”. – Giovanni 1:40  –   È strano come lo scrittore di questo versetto si riferisca ad Andrea: due delle tre volte in cui Giovanni parla di lui, specifica che è il fratello di Pietro. Andrea era in realtà anche lui uno dei dodici apostoli, e quindi sarebbe stato nel suo diritto di essere conosciuto come tale, eppure lo scrittore pensò che sarebbe stato più facile individuarlo come fratello di Pietro, il più illustre dei discepoli di Cristo. I parenti di personalità famose spesso si seccano di essere sempre presentati col nome dei loro fortunati congiunti che hanno saputo imporre il loro nome: senza dubbio questa è stata anche la prova di […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti