Meditazione del giorno: OCCUPATI QUA E LA’

di  F. B. MEYER  –  “…e mentre il tuo servo era occupato qua e là, quel tale scomparve“. 1 Re 20:40

Questo era probabile che accadesse su quel campo di battaglia. Non è possibile trattenere il tuo prigioniero  e nello stesso tempo occuparti  di  altre cose. Quest’uomo, nella parabola del profeta, ha fatto un grande errore preoccupandosi di sciocchezze, quando un fatto così importante dal quale la sua vita stessa dipendeva, richiedeva la sua concentrazione e tutta la sua attenzione per custodire il prigioniero che gli era stato affidato. Ma non è così che gli uomini perdono lo scopo principale della loro vita?

Occupati di qua e di là, e la vita fugge via. Molti trascorrono le loro giornate in mere banalità. Come bambini che scavano nella sabbia; come la farfalla, svolazzando di fiore in fiore. Girovagando qua e là, qualche romanzo, qualche  ora di brillante allegria; vanità, moda e divertimento; queste cose riempiono le loro ore, e mentre i giorni passano velocemente la vita va via. E non rimane nulla.

Occupati qua e là, e la possibilità di salvare qualcuno svanisce. Vite toccano altre vite, con lo scopo primario che uno possa influenzare l’altro. Ma troppo spesso lo facciamo con superficialità, impegnandoci  nelle cose minime, ma non cercando la salvezza di coloro che frequentiamo. Il divertimento, il gioco, il rapporto di affari, monopolizzano il nostro pensiero e i nostri amici vengono portati via da noi dal turbinoso vortice della battaglia della vita, e passano via.

Occupato qua e là, e la conoscenza di Dio è svanita. Ricordate come gli uccelli portano via il seme del Regno; e state certi che, nella stesso modo, le preoccupazioni e le ricchezze di questo mondo e la brama di altre cose possono entrare in noi e distruggere l’impronta nel nostro cuore. Gli effimeri interessi della vita premono  duramente sui suoi veri e reali interessi. Come ragazzi, sperperiamo in sciocchezze le ore che abbiamo a disposizione per preparare un esame da cui dipende tutto il futuro.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Non puoi preservare entrambi gli occhi
    In Devotional
    di Elisabeth Elliot  –   Un giovane uomo fu liberato da una vita di auto distruzione causata dall’abuso di droga. Egli voltò completamente pagina abbandonando le vecchie abitudini, ma ovviamente divenne presto preda del nemico che lo tentò spesso a tornare indietro. Egli sapeva bene che non poteva permettersi di essere indulgente con se stesso permettendo al desiderio di cedere alla minima tentazione di ricadere nelle vecchie abitudini. Un giorno il giovane disse al suo pastore: “Non permettermi mai di usare la parola “lotta”. Ogni volta che la uso è come giustificare la mia disobbedienza, perché comincio a preferire la lotta [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • NOI DICIAMO:
    “E ‘impossibile!” –  DIO TI DICE: “Tutto è possibile!” (Luca 18:27)Sono troppo stanco”  –   DIO TI DICE: “Io ti darò riposo” (Matteo 11:28, 29, 30)“Nessuno mi ama veramente” –  DIO TI DICE: “Io ti amo”. (Gv 3,16; 13,34)“Non posso andare avanti” –  DIO TI DICE : “La mia grazia ti basta” (2 Corinzi 12:9; Sal 91:15)“Non riesco a capire come vanno le cose”  –  DIO TI DICE:  “Io guido i tuoi passi” (Prov. 3:5,6)“Non posso farlo”  –  DIO TI DICE:  “Puoi fare tutte le cose” (Filippesi 4:13)“Io non sono capace”  –   DIO TI DICE: “Tu sei capace” (2 Corinzi 9:8)“Non ne vale la pena” –  […]
  • ESPERIENZE: ESSERE RIPIENI DELLO SPIRITO SANTO
    16 Dicembre 2012 – di SMITH WIGGLRSWORTH ??-?????Prima di parlare della dottrina parliamo delle esperienze. ?All’epoca in cui il numero dei discepoli cominciava ad aumentare, gli apostoli presero la decisione di non occuparsi pi? del servizio delle tavole, per potersi consacrare totalmente alla preghiera e al ministerio della Parola. E? importante che tutti i ministri di Dio siano continuamente in preghiera e si nutrono costantemente delle verit? della Scrittura.?Nessuno pu? crescere forte in Dio se non ? continuamente e costantemente attento a ci? che Dio vuole dirgli tramite la sua Parola. Non si pu? conoscere n? la natura di Dio, n? la sua potenza se non ci si nutre della sua Parola ispirata. Leggiamola al mattino, alla sera e in tutte le occasioni; dopo ogni pasto, invece […]
  • SIA IL VOSTRO PARLARE SI,SI…!
    di ROBERTO BRACCO  –  L’esortazione di Gesù’ vuol ricordare ad ogni cristiano la correttezza che deve caratterizzare i propri rapporti con gli uomini. Non servono giuramenti, promesse solenni, dichiarazioni enfatiche; serve soltanto precisione e fedeltà. Il cristiano deve essere riconosciuto per la propria veracità e per la propria correttezza, e tutte, tutte le sue azioni devono dire che egli é un uomo di parola sano e integro nelle sue relazioni col prossimo.  Il cristiano deve essere preciso e fedele agli appuntamenti; un servo di Dio affermava che fare attendere una persona significa rubarle […]
  • Charles Spurgeon: Predicare tra le avversità
    di John Piper Charles Haddon Spurgeon morì il 31 gennaio del 1892, all’età di 57 anni. Predicò per 38 anni al “Metropolitan Tabernacle” di Londra. La sua vita è ricchissima d’insegnamenti per i cristiani e specialmente per i pastori. Tutti dobbiamo affrontare le avversità e trovare in mezzo ad esse, il modo di perseverare anche nei momenti più opprimenti della vita. Tutti, allo stesso modo, devono alzarsi, fare colazione, lavarsi, vestirsi, andare a lavorare ed ancora: pagare bollette, disciplinare i figli e, generalmente, continuare a tirare avanti anche quando il cuore sembra venire meno. Ma tutto ciò è diverso riguardo ai pastori. Non interamente diverso, ma differente. […]
  • ABBIAMO BISOGNO DI UN RISVEGLIO DELLA PENTECOSTE
    di J. FLOYD WILLIAMS   –  I primi cristiani che fidavano interamente nella potenza dello Spirito Santo videro risultati meravigliosi e furono invincibili. L’idolatria fu frantumata; i templi pagani si svuotarono; moltiplicate centinaia e migliaia di persone si convertirono a Cristo. Nel breve lasso di pochi mesi l’onda della vittoria raggiunse Roma, tanto che finalmente nelle corti imperiali di Cesare vi erano di quelli che erano fedeli al Nazareno crocifisso. Basta un’occhiata per riconoscere la differenza fra i gloriosi successi della Chiesa Primitiva ed i nostri magri trionfi. La popolazione del mondo aumenta a grandi sbalzi, ciò nonostante in linea generale la Chiesa è stazionaria. Non vogliamo denigrare le ventine e le centinaia di persone che sono vinte a Cristo ogni giorno. […]
  • PER TUTTI I TEMPI E PER TUTTI GLI UOMINI
    di  ANDRÉ THOMAS BRÈS  –    Quando si legge il libro degli Atti, ci si rende conto che lungi d’aver avuto luogo una volta per tutte, la Pentecoste non ha cessato di riprodursi. Alla fine del IV capitolo, leggiamo di una Pentecoste accordata a coloro che ne avevano già ricevuta una prima. Nell’VIII capitolo, Pentecoste a Samaria! Nell’XI capitolo, Pentecoste a Cesarea, nella casa di Cornelio ! Nel XX capitolo, Pentecoste ad Efeso. E’ dunque impossibile, a meno che non si voglia rigettare la testimonianza delle Scritture, pretendere che la Pentecoste sia stata un avvenimento unico, il quale, dopo essersi verificato una volta all’inizio della Chiesa, non doveva più rinnovarsi. Gli apostoli erano talmente persuasi del contrario, che pregavano sempre perché i neo convertiti ricevessero […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti