Meditazione del giorno: Essere determinati.

di Warren Wiersbe    –   Siamo il tipo di leaders o credenti che Dio vuole che siamo? Come Nehemia, abbiamo un peso nei nostri cuori per l’opera che Dio ci ha chiamato a fare? (Nehemia 2:12). Siamo disposti a sacrificarci per vedere compiuta la Sua volontà? Siamo pazienti nel mettere insieme fatti e nel pianificare il nostro lavoro? Dobbiamo chiedere l’aiuto degli altri o cercare di fare tutto da soli? Dobbiamo motivare le persone sulla base spirituale-ciò che Dio sta facendo-, o semplicemente sulla base personale? Stanno seguendo noi o il Signore che ci guida?

Come credenti, dobbiamo ascoltare ciò che i nostri leader dicono quanto condividono i loro pesi? Dobbiamo aggrapparci al passato o desiderare di vedere Dio fare qualcosa di nuovo? Stiamo collaborando in qualche modo con il nemico, indebolendo così l’opera? Abbiamo trovato il lavoro che Dio vuole che noi completiamo?

Chiunque può passare attraverso la vita come un distruttore; Dio ha chiamato il suo popolo ad essere costruttori. Che esempio Neemia è per noi! Seguiamo quante volte la scrittura riporta i “così” e le dichiarazioni e vedremo come Dio lo ha usato: “Così pregai…” (2:4), “Così giunsi a Gerusalemme” (v.11), “così presero coraggio per mettere mano a questo importante lavoro”. (v.18), “così dunque ricostruimmo le mura” (4:6), “così proseguivamo il lavoro” (v. 21), “così le mura furono condotte a termine” (6:15).
Se non fosse stato per la determinazione che veniva dalla sua fede in un Dio grande, Nehemia non avrebbe mai potuto finire il lavoro.

Come il dottor V. Raymond Edman diceva, “E’ sempre troppo presto per rinunciare”.
Paolo scrive: “perciò, fratelli miei carissimi, state saldi, irremovibili, abbondando del continuo nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore.” (1 Corinzi 15:58).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Consolati per poter consolare

di Agostino Masdea   –   2 Corinzi 1:3-4    “Benedetto sia Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra afflizione affinché, per mezzo della consolazione con cui noi stessi siamo da Dio consolati, possiamo consolare coloro che si trovano in qualsiasi afflizione.   –    La seconda lettera ai Corinzi …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

SAPER VIVERE, SAPER MORIRE

di ROBERTO BRACCO  –  Filippesi 1: 18-23  –  Qualcuno ha detto che non è difficile morire, ma è difficile vivere; molti altri invece hanno affermato che è facile vivere, ma non è facile saper morire coraggiosamente… crediamo che tutti abbiano torto, perché in realtà è difficile saper vivere e non meno difficile saper morire. Tutti vivono e tutti muoiono, ma questo non vuol dire che sappiano vivere e …
Leggi Tutto

NOI DICIAMO:

“E ‘impossibile!” –  DIO TI DICE: “Tutto è possibile!” (Luca 18:27)Sono troppo stanco”  –   DIO TI DICE: “Io ti darò riposo” (Matteo 11:28, 29, 30)”Nessuno mi ama veramente” –  DIO TI DICE: “Io ti amo”. (Gv 3,16; 13,34)”Non posso andare avanti” –  DIO TI DICE : “La mia grazia ti basta” (2 Corinzi 12:9; Sal 91:15)”Non riesco a capire come vanno le cose”  –  DIO TI DICE:  “Io …
Leggi Tutto

L'UNZIONE dello SPIRITO SANTO

….come Dio abbia unto di Spirito Santo e di potenza Ges? di Nazaret, il quale and? attorno facendo del bene e sanando tutti coloro che erano oppressi dal diavolo, perch? Dio era con lui. (Atti 10:38) ?-?La parola “unto” ? riferita nella Bibbia ad un uomo o a qualcosa messo a parte per un divino servizio. ??L’olio dell’unzione era un atto simbolico di consacrazione per quel determinato servizio …
Leggi Tutto

Signore! Signore!

di Roberto Bracco   –   Questo grido si eleva insistentemente quasi a dimostrare che anche in questi giorni di generale indifferenza esiste un popolo che guarda verso Dio, che parla con Dio, che osserva la legge di Dio. Dalle chiese o dagli individui, dai paesi o dalle città s’innalza e si ripete: Signore, Signore! Non è vero, come affermano alcuni, che non c’è più religione; non è vero che Dio …
Leggi Tutto

FRANCHEZZA

di Roberto Bracco  –  Nell’esercizio del ministero e del servizio, cristiano la “franchezza” rappresenta una caratteristica positiva, anzi un elemento indispensabile, ma dobbiamo saperla individuare per essere certi di non sostituirla con quei surrogati perniciosi che vengono abbondantemente offerti dalla natura umana. “Franchezza” vuol dire esercizio della libertà e quando ci riferiamo alla “franchezza” espressa nella vita e nel servizio cristiano parliamo della completa liberazione dalla timidezza, dalla …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti