Meditazione del giorno: “Non io, ma Dio darà…”

di F. B. Meyer    –   Non io, ma Dio darà… Genesis 41:16  –   È bello notare le riverenti referenze di Dio che Giuseppe da nel suo primo colloquio con Faraone. Quando il cuore è ripieno di Dio, la lingua sarà quasi obbligata a parlare di Lui; e tutte le referenze  così saranno facili e naturali come i fiori nel mese di Maggio.

Queste parole potevano essere pronunciate dal Signore Gesù. Sono perfettamente in sintonia con il Suo tenore di vita. Amava dire che le Sue parole, e le opere e i Suoi piani, non erano propri, ma del Padre.  Una volta, quando qualcuno lo chiamò “buono”, Egli gli ricordò che solo Uno era buono e che tutte le virtù  vengono da Dio. Gli uomini conoscevano poco di Gesù, perché Egli cercava sempre di essere uno specchio riflettente di Suo Padre e di  glorificarLo  sulla terra. Ma lo Spirito rivela Gesù a coloro che lo amano.

Queste parole potevano essere pronunciate dall’Apostolo Paolo. Egli  era felice di affermare che aveva lavorato, tuttavia non lui, ma la grazia di Dio in lui; che aveva vissuto, ma non lui, ma Cristo in lui; che conosceva  e parlava dei misteri di Dio, ma non lui, ma lo Spirito di Dio.

Così dovremmo parlare anche noi. La nostra luce deve risplendere in modo che gli uomini possono voltarsi da noi a Lui da cui noi dipendiamo. Ogni volta che sorge la tentazione di farli ritornare a noi, per attirarli a noi stessi, o condurli a pensare che possiamo soddisfare le loro necessità, consideriamoci  morti a questo suggerimento, dicendo: “Non io, ma Dio darà… ” (Atti 3:12). Che forza e  conforto  scende nei nostri cuori, vedendo richieste che sono troppo grandi e che la nostra debole natura non può soddisfare. “Non io, ma Dio darà…”

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: “I tuoi peccati ti sono rimessi”
    In Devotional
    di GIOVANNI ROSTAGNO  –   Gesù disse al paralitico: “Figliuolo, sta’ dì buon animo, i tuoi peccati ti sono rimessi”. Matteo 9:2.  –  Ve l’immaginate lo stupore del paralitico e dei suoi amici? Avevano domandato a Gesù una grazia ed egli ne concede loro un’altra; avevano domandato a Gesù una grazia temporale, ed egli ne concede una spirituale; avevano domandato a Gesù la guarigione del corpo, ed egli concede all’infermo quella dell’anima. Ciò vuol dire che nel Vangelo ed in Cristo dobbiamo cercare innanzi tutto i beni dello spirito. Related posts: Meditazione del giorno: I tuoi propositi sono ancora incompiuti? MEDITAZIONE [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • HO FINITO LA CORSA…
    di Agostino Masdea   –  Messaggio predicato il 9 Novembre 2000 in occasione del funerale della sorella Anna Bracco, moglie del pastore Roberto Bracco, fondatore della nostra comunità. i) Vogliamo in questo giorno particolare benedire il Signore e siamo qui per dare il nostro ” arrivederci ” alla nostra cara sorella. Vogliamo anche  manifestare il nostro affetto e il nostro sentimento cristiano ai figli, ai parenti tutti. Le nostre parole risultano sempre insufficienti in queste circostanze, ma  la parola di Dio è sorgente di benedizioni in ogni circostanza; fonte di consolazione e conforto in momenti di dolore e di distacco, necessità dell’anima nostra per ogni giorno di vita che il Signore ci concede. Apocalisse 14:13 “Poi udii dal cielo una voce che mi […]
  • Ostacolo o benedizione?
    Si racconta di un re che pose una pesante pietra in mezzo alla strada maestra e si nascose per osservare chi l’avrebbe rimossa.  Persone di varie classi sociali passarono e raggirarono l’ostacolo, continuando il loro cammino, alcuni biasimando il re per non tener sgombra la strada maestra, ma tutti schivando il lavoro di rimuovere la pietra dalla strada. Finalmente un povero contadino, incamminato verso la città con il suo carico di verdura da vendere, passò e vista la pietra, pose a terra il suo fardello e rotolò la pietra nel fosso. Poi voltandosi scorse una borsa sul posto dov’era prima la pietra che la copriva. L’aprì e la trovò piena di monete d’oro, con un biglietto, firmato dal re, in cui era scritto che il denaro era destinato a colui che avrebbe preso l’iniziativa di […]
  • Giovedì 3 Maggio 2012 – Pastore Elio Marrocco
    Ospiti: Elio Marrocco, Pastore della  New Life Church Weston Road, Woodbridge, Ontario, e sua moglie Micki. Clicca per ascoltare la predicazione.  “LA VISIONE”. La Visione (Atti 26:19) –   […]
  • State andando troppo veloci
    di WILLIAM BOOTH  (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912)  –   Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa  da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo tutto quanto diciamo contro i mali del peccato, sui terrori del Giorno del Giudizio, e sulla dannazione dell’inferno, noi stessi non crediamo a queste cose, allora avrei potuto capire e sentirmi umiliato dalla  loro accusa. Se i nostri amici venissero a dirci: “Perché non andate più veloce? Guardate quanti milioni di persone muoiono nella nostra nazione e anche […]
  • SALVATO DAL FALLIMENTO
    R. G. LETOURNEAU (1888 – 1969) – Egli mi ha tratto fuori da una fossa di perdizione, dal pantano fangoso; ha fatto posare i miei piedi sulla roccia, ed ha stabilito i miei passi. Egli ha messo nella mia bocca un nuovo cantico a lode del nostro Dio. Molti vedranno questo e temeranno e confideranno nell’Eterno? (Salmo 40: 2, 3). –  Giobbe disse:  Il mio orecchio aveva sentito parlar di Te ma ora l?occhio mio T’ha veduto?. Noi abbiamo bisogno di vedere Dio. Il guaio è che noi spesso aspettiamo che i dolori ci sommergano per sollevare lo sguardo verso Dio. Guardando indietro nella mia vita, vedo che Dio stato sempre presente nei momenti della prova e delle difficoltà ed io L’ho visto operare in modo meraviglioso. Vorrei raccontarvi quattro circostanze della […]
  • L’ Asse del male
    di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male». Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”. Già dalla creazione in poi, si compie la lotta di Dio contro il male. Il male viene chiamato per nome nella Bibbia: Satana. Da quando il diavolo spinse i primi uomini ad allontanarsi dal Creatore, il male non ha fatto altro che diffondersi. Non solo negli orrori della storia, ma anche nei nostri cuori. Alla televisione e al cinema il male e il demoniaco sono diventati elementi di divertimento. Le […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti