Meditazione del giorno: La gioia del Signore.

di J. Hudson Taylor  –  “… La gioia del Signore è la vostra forza” (Nehemia 8:10).    Qual’ è la gioia del Signore? E’ la gioia che ci sia un Signore così? Non possiamo realizzare la sua esistenza senza la gioia. Oppure, è la gioia che Egli è il nostro Signore?  O, ancora, è la gioia che Egli ci ha impartito, e che ha  sparso nei nostri cuori per mezzo del Suo Spirito? O, infine, è nella sua gioia, che è la nostra forza? Riteniamo certamente che, mentre tutte queste fonti di gioia sono nostre,è all’ultima a cui questo passaggio fa riferimento.
Giovanni 15:11 si riferisce alla gioia del nostro Salvatore nel frutto che portano i Suoi tralci.  Era la sua volontà che la sua gioia dimorasse in loro, e che quindi la loro gioia fosse completa. Qui vediamo la gioia del Signore distinta dalla gioia del suo popolo.
In Ebrei 12:2, abbiamo la gioia del Signore nella redenzione del suo popolo, la gioia del disprezzo del vituperio  per sopportare la croce. E’ stata la forza dell’auto-sacrificio.
In Sofonia 3:17, abbiamo la gioia del Signore nel possedere la sua eredità acquisita. Oh, come è  meravigliosa questa gioia!  “Egli esulterà di gioia per te, nel suo amore starà in silenzio, si rallegrerà per te con grida di gioia.”

E’ la consapevolezza della triplice gioia del Signore – la Sua gioia per il nostro riscatto – la Sua gioia nel dimorare in noi come Nostro Salvatore e Nostro potere  per portare frutto  – e la sua gioia nel possederci, come Sua sposa e  Sua delizia, ed è la consapevolezza di questa gioia che è la nostra vera forza. La nostra gioia in Lui può essere fluttuante: la Sua gioia in noi non subisce cambiamenti.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove …
Leggi Tutto

Dai nostri culti  - Predicazione 8 Maggio 2016

Pastore Agostino Masdea: OGNI IDOLO CADRA’ DAVANTI A DIO. (1 Samuele 5) …
Leggi Tutto

CROCIFISSI CON CRISTO

di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo …
Leggi Tutto

IL PERICOLO DELL’INSODDISFAZIONE

di AGOSTINO MASDEA  –   Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo. Infatti il bene che io voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio… O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte? Io rendo grazie …
Leggi Tutto

TUTTI GLI OSTACOLI AL RISVEGLIO NELLA CHIESA SONO DOVUTI AL PECCATO

di JONATHAN GOFORTH  –  Missionario Presbiteriano in Manciuria e in Cina 1888-1935.   Al ritorno in Cina nell’autunno del 1901, dopo essermi ripreso dagli effetti sconvolgenti della rivolta dei Boxer, (La Rivolta dei Boxer fu una ribellione sollevata in Cina da un grande numero di organizzazioni cinesi popolari, contro l’influenza straniera colonialista. N.d.t.) cominciai a sperimentare una crescente insoddisfazione per i risultati del mio lavoro missionario. Nei primi anni pionieristici incoraggiavo me …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti