Meditazione del giorno: Mosè indica il Signore per la battaglia

di Bob Hoekstra    –   “Ascolta, Israele! Oggi voi state per dare battaglia ai vostri nemici; il vostro cuore non venga meno; non abbiate paura, non vi smarrite e non vi spaventate davanti a loro, perché l’Eterno, il vostro DIO, è colui che marcia con voi per combattere per voi contro i vostri nemici e per salvarvi. (Deuteronomio 20:3-4)

Mosè è un altro esempio di chi ha vissuto per grazia nel Vecchio Testamento. Egli conosceva la necessità di fare affidamento sulla sufficienza di Dio, anziché sulle inadeguate risorse dell’uomo. Un’ illustrazione di questo lo vediamo quando indica ad Israele il Signore per la battaglia. Quando i figli d’Israele entrarono nella terra promessa, dovettero affrontare innumerevoli battaglie. Queste battaglie erano inevitabili, perché  le nazioni pagane si erano stabilite nel paese: “per la malvagità di queste nazioni che l’Eterno, il tuo DIO, le sta per scacciare davanti a te,” (Deuteronomio 9:5). Così, la storia di Israele documenta una battaglia dopo l’altra.

Mosè proclamò la verità che il popolo del Signore ha bisogno di ascoltare quando la battaglia si avvicina. “Oggi voi state per dare battaglia ai vostri nemici; il vostro cuore non venga meno; non abbiate paura, non vi smarrite e non vi spaventate davanti a loro.” Molto spesso, quando la giunge la battaglia, il nemico sembra invincibile. ” “Quando andrai in guerra contro i tuoi nemici e vedrai cavalli e carri e gente in maggior numero di te, non aver paura di loro, perché l’Eterno, il tuo DIO, che ti fece salire dal paese d’Egitto, è con te. ” (Deuteronomio 20:1).

La tentazione naturale è “sono debole …  ho paura …, tremare o essere terrorizzato.” Un’altra tentazione è quella di cercare di contrapporre al nemico  cavallo per cavallo e carro per carro. Le Scritture mettono in guardia sull’inutilità di ricorrere a risorse del mondo. ” Guai a quelli che scendono in Egitto in cerca di aiuto e fanno affidamento sui cavalli, confidano nei carri perché sono numerosi, e nei cavalieri perché molto potenti, ma non guardano al Santo d’Israele é non cercano l’Eterno. ” (Isaia 31 : 1).

Mosè sapeva che il popolo di Dio aveva bisogno di ricordare che il Signore vuole essere la nostra speranza. Quando dobbiamo affrontare le battaglie della vita, il Signore ci accompagna. “Perché l’Eterno, il tuo Dio, è Colui che cammina con te.” Egli è con noi, non solo per confortarci, ma anche per volgere la battaglia in nostro favore: “per combattere per voi contro i vostri nemici e per salvarvi“. Il Signore può combattere per il suo popolo in una infinita varietà di modi. Egli può cambiare il cuore di coloro che ci vengono contro. Egli può far fallire i loro piani. Egli può farli cadere nella fossa dei loro piani malvagi. Può far sì che essi si divorino a vicenda. Egli, in effetti, può salvarci nella maniera che preferisce.

O Signore, mio difensore, mi trovo di fronte a molte battaglie che mi intimidiscono e mi spaventano.  La mia speranza è spesso riposta nelle mie strategie umane o nell’aiuto che l’uomo mi può offrire. Signore, io guardo a Te di nuovo, affinché Tu combatta per me per soccorrermi e salvarmi in qualsiasi modo tu decida, per la Tua gloria e l’onore, Amen.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Dio vuole salvare il peccatore

di JACK HAYFORD  –  L’onestà verso Dio è una premessa indispen­sabile per una preghiera efficace. Se non ri­spettiamo questa premessa corriamo il rischio di finire nella trappola che Satana, il nostro nemico mortale, è sempre pronto a tenderci. Finiremo quindi per cadere in un circolo vi­zioso che renderà la nostra vita spirituale as­solutamente inefficiente. Se ci troviamo in questa situazione, ci chiederemo inevitabil­mente: »Come posso permettermi di pregare, …
Leggi Tutto

Non dare spazio al lamento e all'insoddisfazione

di  BOB GASS –  “Sono dei mormoratori, degli scontenti”.  –   Jon Gordon scrive: “Un’amica di mia moglie, Rachel, si lamentava di continuo del suo lavoro… l’azienda, l’economia, il calo delle vendite… Ad un certo punto sono intervenuto nella conversazione: “In fondo è semplice, ho detto, devi fare una scelta. Puoi decidere di accettare le nuove politiche aziendali, andare al lavoro con un’attitudine costruttiva e dare il meglio, oppure puoi …
Leggi Tutto

UN MOTIVO PER RALLEGRARSI

di R. Carmicheal   –   Il Signore ha dei piani meravigliosi per il vostro futuro. Forse voi vi chiedete come io possa affermare una cosa del genere giacché probabilmente non ci siamo mai incontrati. Beh, quest’affermazione la poggio non tanto sulla conoscenza della vostra (o della mia) persona, ma sulla conoscenza del Signore. Non importa in quale situazione vi troviate – che sia meravigliosa o terribile. Il Signore ha …
Leggi Tutto

LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI

Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto tutto ciò. Nacque in me il desiderio di servire questo Dio che ha creato il cielo e la terra. Essendo di famiglia cattolica, …
Leggi Tutto

QUESTO E' IL TEMPO

– di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12) Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo …
Leggi Tutto

nickycruz_03

È di grande conforto vivere sotto la guida e l’aiuto convenevole di Dio. Ci permette di scrollarci dalle spalle tanta preoccupazione. Non devo chiedermi da dove verrà il mio prossimo pasto o se avrò un posto dove riposare. Io so che Dio ha il pieno controllo e non permetterà mai che mi scoraggi. All’inizio del mio ministero ero molto preoccupato per i miei bambini. Sapevo che il mio …
Leggi Tutto

Signore! Signore!

di Roberto Bracco   –   Questo grido si eleva insistentemente quasi a dimostrare che anche in questi giorni di generale indifferenza esiste un popolo che guarda verso Dio, che parla con Dio, che osserva la legge di Dio. Dalle chiese o dagli individui, dai paesi o dalle città s’innalza e si ripete: Signore, Signore! Non è vero, come affermano alcuni, che non c’è più religione; non è vero che Dio …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti