Meditazione del giorno: DIO PERMETTE CHE I SUOI FIGLI SIANO POVERI?

di Elisabeth Elliot –   Dio permette che sia i cristiani che i non cristiani sperimentino ogni forma di sofferenza conosciuta dalla razza umana, così come Egli permette che la sua benedizione cada su entrambi. La povertà, come altre forme di sofferenza, è relativa, come io e Lars ricordiamo del periodo che eravamo in India. La definizione del nostro paese di “livello di povertà” significherebbe ricchezza inimmaginabile per le ragazze che abbiamo visto lavorare accanto al nostro hotel. Per nove ore al giorno portavano calcestruzzo bagnato in vasche di legno sulle loro teste, versandolo nelle forme per le fondamenta di un grande edificio. Ricevevano per paga trenta centesimi al giorno.

Sulla mia lista di scritture che ci danno indizi su alcuni dei motivi per cui Dio permette che i suoi figli soffrano, c’è 2 Corinzi 8:2: “che in mezzo a molte prove di afflizione, l’abbondanza della loro gioia e la loro estrema povertà hanno abbondato nelle ricchezze della loro liberalità”.

Erano le chiese della Macedonia di cui Paolo stava parlando, prova vivente che non è la povertà o la ricchezza che determinano la generosità, e a volte coloro che soffrono di più finanziariamente sono quelli più pronti a condividere ciò che hanno. “Pregandoci con molta insistenza di accettare il dono e di partecipare a questa sovvenzione per i santi.” (v. 4).

Il denaro ha un potere terribile quando è amato. Può accecarci, imprigionarci o riempirci di ansia e paura, tormentando i nostri giorni le nostre notti con la tristezza, consumandoci inseguendolo. I cristiani macedoni, pur possedendone poco, accettarono tutto con fede e fiducia. I loro occhi erano aperti per vedere oltre la propria miseria. Videro ciò che era molto più importante di un conto in banca e, senza “eccessiva preoccupazione” contribuirono ai bisogni dei loro fratelli.

Se perdendo ciò che questo mondo apprezza possiamo ottenere ciò che disprezza – un tesoro in cielo, invisibile e incorruttibile – non vale la pena di affrontare qualsiasi tipo di sofferenza? Cosa vale la pena per noi per imparare un po’di più di ciò che la croce significa – la vita dalla morte, la trasformazione dalle perdite e dolori e tragedie della terra?

La povertà non è stata la mia esperienza, ma Dio ha permesso nella vita di ognuno di noi qualche tipo di perdita, la scomparsa di qualcosa che per noi aveva valore, in modo che noi potessimo imparare a disporci più volentieri, a consentire il tocco della morte su qualcosa o più cose che tenevamo strette così forte, e di conseguenza potessimo conoscere la pienezza, la libertà e la gioia molto prima.

Noi non siamo naturalmente inclini ad amare Dio e cercare il suo regno. I problemi possono aiutarci ad esserlo, possono  cambiarci, mettere pressione su di noi,  e portarci verso la giusta direzione.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: Io ho allontanato il tuo peccato da te, quanto il levante è lontano dal ponente.

Quanto è lontano il levante dal ponente, tanto ha egli allontanato da noi i nostri peccati.  (Salmo 103.12)  –  Quanto è distante l’est dall’ovest? Visto che questi due punti di riferimento puntano in direzioni opposte dall’eternità, direi che non c’è modo più grande per esprimere una distanza immensa. Mi piace come Dio usa questa analogia per illustrare la promessa di ciò che ha fatto con il nostro peccato. Egli ha allontanato …
Leggi Tutto

666-2

di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto …
Leggi Tutto

RISVEGLIO ARTIFICIALE

” hai nome di vivere, eppure sei morto… (Apocalisse 3:1) Quante volte nel corso dei secoli le severe parole pronunziate dallo Spirito per la Chiesa di Sardi, hanno riacquistato il loro sapore di attualità, proprio applicate a quei movimenti che hanno spento il fuoco di Dio …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

Come Dio ci guida.

di  FRANCIS W. DIXON  –  «I passi dell’uomo dabbene con diretti dall’Eterno ed egli gradisce le vie di lui. Se cade, non è però atterrato, perché l’Eterno lo sostiene per la mano». (Salmo 37:23-24).  Per quanto m’è possibile ricordare, il Salmo 37 è stato sempre uno dei miei brani favoriti delle Scritture, e in particolare i versi 23 e 24. La ragione di ciò è che quand’ero bambino …
Leggi Tutto

VIDEO BATTESIMI 14 OTTOBRE 2012

Alcuni momenti del culto del 14 OTTOBRE, durante il quale 10 giovani sono scesi nelle acque del battesimo. (Video amatoriale e audio da telecamera))   …
Leggi Tutto

Il mantello d'Elia

Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti