Meditazione del giorno: Lettera d’amore ad un fallito.

di GARY WILKERSON   –   Il mio amico Eric ha avuto un’infanzia molto difficile. Suo padre gli diceva ripetutamente: “Non servi a niente e non concluderai mai niente nella vita”.

Nel crescere, Eric si rivolse alla droga. “Ero un dipendente terribile”, dice. “Mischiavo insieme ogni sorta di roba che poteva uccidermi. Ero terribile persino nell’essere dipendente. O mi si spezzava l’ago o ero a corto di contanti per soddisfare il mio vizio. Mi sentivo un fallimento totale”.

La vita di Eric divenne un disastro completo. La sua dipendenza lo prosciugò di ogni centesimo, così decise di rapinare un minimarket per poter comprare più droga, ma fallì di nuovo. Tirò fuori una pistola e gridò: “Tutti contro il muro!” Ma il negozio era così pieno di gente che non c’entravano tutti addosso al muro. Confuso, Eric corse via.

Nella disperazione, Eric decise infine di spararsi con la pistola che aveva usato per la rapina. Ma la pistola gli cadde e partì un colpo, ferendosi al fianco. Mentre guidava all’ospedale, pensò: “Sono un fallimento talmente miserabile che non riesco nemmeno ad ammazzarmi”.

Dopo essere stato curato per la sua ferita, Eric si incamminò verso la strada, nella disperazione più totale. Nel profondo del suo cuore, era arrabbiato con Dio e gridò: “Ci sei? C’è un qualche motivo per cui dovrei continuare a vivere?”

Eric udì una voce dire: “Sto per mandarti una lettera d’amore”. In qualche modo Eric sapeva che era la voce di Gesù. Si sedette sul bordo del marciapiede, la pioggia scendeva giù dalla grondaia bagnandogli le gambe, quando notò un libricino galleggiare verso di lui. Prendendolo vide che si trattava di un trattatino intitolato “C’è Speranza per il Drogato”.

Il trattato era stato stampato da un gruppo chiamato Victory Oureach. Eric trovò il loro indirizzo, si recò da loro e diede la sua vita a Gesù. Presto venne liberato dalla sua dipendenza.

Abbandonò ogni vizio, anche la sua convinzione di essere destinato ad essere un fallimento. Gesù aveva fatto di Eric una nuova creatura in ogni cosa.
Questo giovane credeva che la sua vita fosse finita, invece era appena iniziata. Era stato cieco alla vita, la vita della resurrezione, che Gesù aveva preparato per lui da molto tempo.
“Poiché io conosco i pensieri che ho per voi», dice l’Eterno, «pensieri…per darvi un futuro e una speranza” (Geremia 29:11).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Uno spirito egoista
    In Devotional
    di BOB GASS  –  “Poi cominciarono a discutere su chi di loro fosse il più grande”   (LUCA 9:46)  –  Parlando del segreto dell’umiltà, la Bibbia racconta: “Poi cominciarono a discutere su chi di loro fosse il più grande. Ma Gesù, conosciuto il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo pose accanto e disse loro: «Chi riceve questo bambino nel nome mio, riceve me; e chi riceve me, riceve Colui che mi ha mandato. Perché chi è il più piccolo tra di voi, quello è grande»” (w. 46-48). Che cos’é all’opera in questo episodio? Uno spirito egoista. Fino a quando continuerai a servire solo per farti notare, non godrai della vera [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • UNA CHIESA CONSCIA DI DIO
    di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio poteva sembrare originale o presuntuoso, oppure esprimeva la ferma convinzione che era proprio così. “ Dio elesse fra noi”, disse Pietro (v. 7) ; “Dio ha dato loro lo Spirito Santo, come a noi” (v. 8). Paolo e Barnaba narrarono loro “quali segni e prodigi Iddio aveva fatto per mezzo di loro fra i Gentili” (v. 12). In ogni riga si legge: “Dio – Dio […]
  • IL BUON PASTORE
    di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che afferma che il malcostume produce buone leggi. Non so se esso si possa o meno applicare ad ogni situazione di questo mondo, ma sono persuaso che sia molto adatto alle realtà spirituali: i modi, le parole, e la condotta malvagia degli uomini sono stati vinti dalla grazia sovrana di Dio, per produrre, ed essere la causa, dei migliori sermoni predicati dal Signore Gesù Cristo. Si potrebbe immaginare che, […]
  • COME SUPERARE L’AUTOCOMMISERAZIONE
    di  TIM LAHAYE  –  La pietà verso se stessi non è solo un peccato, è anche una cattiva abitudine. Più uno si lascia trasportare da essa e più sprofonda in un certo modo di pensare nel quale cercherà rifugio ogni volta che gli accadrà qualcosa di sgradevole. Nella maggior parte le nostre reazioni sono dettate dall’abitudine e sono messe in moto dai nostri istinti e dalle circostanze esterne. Ogni volta che le nostre reazioni ci portano verso un certo tipo di pensieri, questi pensieri si fisseranno sempre di più in noi fino a diventare una parte del nostro essere. Le abitudini sono soltanto una forma che denota un «condizionamento del comportamento». Dobbiamo renderci conto che non dobbiamo diventare schiavi delle nostre abitudini anche se la maggior parte degli uomini pensa che sia […]
  • I TRE ALBERI
    Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? diventare una mangiatoia da cui? potessero mangiare delle bestie stanche? dopo una lunga giornata di lavoro. Dio? ricompens? la sua modestia. Da lui? venne ricavata una speciale mangiatoia,? e cio? quella in cui venne posto pi? tardi? il neonato Figlio di Dio. Vide angeli vegliare sul bambino, ascolt? Maria cantare delle ninne nanne e i magi e i? […]
  • BEATI I MORTI…
    di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre alla memoria o al culto dei morti. Non sappiamo se la scelta è stata ispirata dal fatto che il mese di novembre sembra essere il più triste fra i mesi dell’anno, ma sappiamo comunque, che l’ unione dell’elemento naturale a quello liturgico genera un sentimento di mestizia che pervade l’intera società umana. […]
  • sermone domenica 31 marzo 2013
    […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti