Meditazione del giorno: Sei degno?

dWarren Wiersbe   –   Leggere il Salmo 15:1-5.     –    Immagina cosa accadrebbe se mi presentassi davanti al cancello principale di  Buckingham Palace a Londra e dicessi a una delle belle, alte, e ben vestite guardie: “Signore, voglio vivere con la famiglia reale.”  Lui mi guarderebbe e direbbe: “Vattene, prima che ti arresti.”   Chi è degno di vivere con Dio? Solo tramite Gesù Cristo, possiamo  «dimorare sul monte santo

di Dio“.  Davide è sempre stato un po’ invidioso dei sacerdoti. Quando leggiamo i Salmi, troviamo Davide che dice cose del tipo “Oh, quei sacerdoti. Essi possono camminare nel tempio di Dio… Io non posso farlo. Non posso entrare nel Luogo Santo.”  Spiritualmente egli poteva, ma fisicamente no.  Perché noi siamo nel Signore Gesù Cristo, possiamo entrare con coraggio nella presenza di Dio, non solo per fargli una visita, ma per vivere con lui.

Davide descrive il tipo di persona che può vivere con Dio. Egli deve avere il giusto tipo di piedi (“cammina rettamente”) e le mani (“opera con giustizia”), le labbra (“dice la verità”) e il cuore. Quello che diciamo con le labbra deve sempre venire dal nostro cuore. Il versetto 3 parla anche della lingua: “che non calunnia con la sua lingua, non fa alcun male al suo compagno, non lancia alcun insulto contro il suo prossimo.” Questa è la persona a cui Dio dà il benvenuto davanti alla sua porta di casa e dice: “Vieni a vivere con me.” Quella persona ha piedi puri, mani pure e un cuore puro che producono parole pure e motivi puri, uno ai cui occhi una persona vile è disprezzata. I suoi occhi guardano solo ciò che è giusto e buono.

Ecco una bella immagine del tipo di persona che Dio sceglie per  vivere con lui. E il bello è questo: Una tale persona non potrà mai ricevere un avviso di sfratto. “Chi fa queste cose non sarà mai smosso. (v. 5). Come possiamo essere un tipo di persona così? Mediante la fede nel Signore Gesù Cristo.

Dio accoglie coloro che hanno piedi puri, mani pure e un cuore puro. Ricorda che sei degno solo in Gesù Cristo. E attraverso la fede in Lui che si è accettati nel cospetto di Dio. Sono i tuoi  piedi, le tue  mani e il tuo cuore puro?

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Circoncisione spirituale
    In Devotional
    di F. B. MEYER  –  Il SIGNORE, il tuo Dio, circonciderà il tuo cuore e il cuore dei tuoi discendenti affinché tu ami il SIGNORE, il tuo Dio, con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima tua, e così tu viva. (Deuteronomio 30:6)  –  La circoncisione è il segno della separazione. E’ stata imposta ad Abramo e ai suoi figli che dovevano essere il popolo particolare di Dio, scelti da tutte le nazioni della terra. Allo stesso modo, la circoncisione di Cristo, che è fatta senza mano d’uomo, di cui parla l’Apostolo, è una divisione, una separazione dai peccati della carne, una partecipazione alla tomba e alla sepoltura di [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Amare il prossimo.
    di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi. a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; ma il “detto” conosciuto da tutti era: ” ama il tuo prossimo… e odia il tuo nemico ” (Matteo 5:43) b) La legge non diceva questo (Levitico 19:18) ;  c) – Dall’esilio in poi si manifestano due tendenze: una farisaica, chiusa, che restringe la cerchia del prossimo, (ama […]
  • Opportunità per il Movimento Pentecostale
    Un interessante articolo pubblicato negli anni 70 da “World Pentecostal” e ripreso dal periodico “Risveglio pentecostale”. Sebbene siano passati quasi quarant’anni, risulta di estrema attualità. Il giornale «Time» del 2 aprile di quest’anno apriva una serie speciale di articoli dal titolo: «Alcuni pensieri in seconda dell’uomo». La serie riportava documentazioni impressionanti che dimostravano come nell’ambito del comportamento umano, della religione, dell’educazione e della scienza, vi è oggi un’onda montante di opposizione ad alcuni dei più considerati principi guida della nostra civiltà moderna. Una citazione tratta dal primo di questi articoli: «Alcuni la vedono come una nuova Riforma e si sforzano di cercare il suo Lutero alla porta di una […]
  • Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”
    Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad allontanarmi dall’Iddio che amo”, si pensa sia particolarmente autobiografica, e si riferisce all’adolescenza di Robinson, quando sua madre lo ha mandò a Londra per diventare apprendista barbiere. Fu durante questo periodo che egli si associò ad una famigerata banda di teppisti e visse una […]
  • Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL
     Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte crescita. Nel 1870 Spafford investì la quasi totalità delle sue risorse finanziarie in beni immobiliari, ma, l’anno successivo, il grande incendio dell’ottobre 1871 distrusse tutte le sue proprietà. Questo fu un durissimo colpo per la famiglia Stafford, se si aggiunge anche il fatto che prima di questa tragedia, il loro unico figlio maschio, di soli quattro anni era morto di scarlattina. […]
  • PER LA SUA GRAZIA
    di Agostino Masdea  –  Ma per la grazia di Dio sono quello che sono; e la sua grazia verso di me non è stata vana, anzi ho faticato piú di tutti loro non io però, ma la grazia di Dio che è con me. ( 1 Corinzi 15:10 ) a) Cos’è la grazia? E’ un favore immeritato che ci viene da Dio! Ma è più di questo: E’ la Sua misericordia che esercitata sopra di noi giorno dopo giorno, ci aiuta, ci fortifica, ci avvicina a Cristo, e fa crescere la nostra fede. E’ quell’intervento quotidiano di Dio nella nostra vita come credenti che ci fa realizzare la gioia della vita cristiana. Paolo sta affrontando l’argomento della resurrezione. Egli cita gli Apostoli, Pietro, Giacomo, e tutti coloro ai quali Cristo si è manifestato. Poi dice “Infine, ultimo di tutti, apparve anche a me come […]
  • IL BATTESIMO (ISTRUZIONI PER CATECUMENI)
     Introduzione   Frequentemente il battesimo cristiano viene amministrato con troppa sollecitudine e con troppa superficialità. Frequentemente coloro che scendono nelle acque battesimo non hanno una conoscenza precisa del significato e del valore della rito che compiono. Frequentemente questo importantissimo atto cristiano si riduce ad un povero rito di formalismo liturgico… È per questo che desideriamo, nelle pagine che seguono, esprimere alcune considerazioni che potranno aiutare ad esaminare il problema cristiano del battesimo alla luce delle scritture. Forse questo scritto potrà essere posto nelle mani di tutti quei credenti che nella via delle prime esperienze spirituali faranno richiesta del battesimo cristiano o, forse, gli argomenti trattati potranno essere ulteriormente […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti