Meditazione del giorno: Sei degno?

dWarren Wiersbe   –   Leggere il Salmo 15:1-5.     –    Immagina cosa accadrebbe se mi presentassi davanti al cancello principale di  Buckingham Palace a Londra e dicessi a una delle belle, alte, e ben vestite guardie: “Signore, voglio vivere con la famiglia reale.”  Lui mi guarderebbe e direbbe: “Vattene, prima che ti arresti.”   Chi è degno di vivere con Dio? Solo tramite Gesù Cristo, possiamo  «dimorare sul monte santo

di Dio“.  Davide è sempre stato un po’ invidioso dei sacerdoti. Quando leggiamo i Salmi, troviamo Davide che dice cose del tipo “Oh, quei sacerdoti. Essi possono camminare nel tempio di Dio… Io non posso farlo. Non posso entrare nel Luogo Santo.”  Spiritualmente egli poteva, ma fisicamente no.  Perché noi siamo nel Signore Gesù Cristo, possiamo entrare con coraggio nella presenza di Dio, non solo per fargli una visita, ma per vivere con lui.

Davide descrive il tipo di persona che può vivere con Dio. Egli deve avere il giusto tipo di piedi (“cammina rettamente”) e le mani (“opera con giustizia”), le labbra (“dice la verità”) e il cuore. Quello che diciamo con le labbra deve sempre venire dal nostro cuore. Il versetto 3 parla anche della lingua: “che non calunnia con la sua lingua, non fa alcun male al suo compagno, non lancia alcun insulto contro il suo prossimo.” Questa è la persona a cui Dio dà il benvenuto davanti alla sua porta di casa e dice: “Vieni a vivere con me.” Quella persona ha piedi puri, mani pure e un cuore puro che producono parole pure e motivi puri, uno ai cui occhi una persona vile è disprezzata. I suoi occhi guardano solo ciò che è giusto e buono.

Ecco una bella immagine del tipo di persona che Dio sceglie per  vivere con lui. E il bello è questo: Una tale persona non potrà mai ricevere un avviso di sfratto. “Chi fa queste cose non sarà mai smosso. (v. 5). Come possiamo essere un tipo di persona così? Mediante la fede nel Signore Gesù Cristo.

Dio accoglie coloro che hanno piedi puri, mani pure e un cuore puro. Ricorda che sei degno solo in Gesù Cristo. E attraverso la fede in Lui che si è accettati nel cospetto di Dio. Sono i tuoi  piedi, le tue  mani e il tuo cuore puro?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Cristo nostra Roccia

di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

BEATI I MORTI...

di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre …
Leggi Tutto

Preghiera per imparare l'umiltà

Anonimo «O Gesù, mansueto ed umile di cuore, ti prego di ascoltarmi. Liberami, Gesù, dal desiderio, di essere amato, di essere ammirato, di essere onorato, di essere lodato, di essere preferito agli altri, di essere preso in considerazione, di essere apprezzato. Liberami, Gesù, dalla paura, di essere umiliato, di essere disprezzato, di essere rimproverato, di essere dimenticato, di essere deriso, di essere valutato in modo sbagliato, di essere …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI

Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto tutto ciò. Nacque in me il desiderio di servire questo Dio che ha creato il cielo e la terra. Essendo di famiglia cattolica, …
Leggi Tutto

Puoi godere piena libertà, perché Cristo ti ha reso libero.

State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù. (Galati 5:1)  –  Questa promessa ci esorta a rimanere saldi nella libertà con cui Cristo ci ha liberati! Questo non è un’opzione, è un comando. Un’altra versione della Bibbia dice che a causa dell’amore della libertà che Cristo ci ha liberati. Dio ama ciò, quando …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti